Ottobre 5, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Dichiarazione di guerra contro uno Stato”: Cinque morti in sparatorie ed esplosioni in Ecuador

“Dichiarazione di guerra allo Stato”
Cinque morti dopo la sparatoria e l’esplosione in Ecuador

Il tasso di omicidi in Ecuador è raddoppiato in pochi anni. Le bande di narcotrafficanti si battono per il predominio nel paese. Dopo un’esplosione che ha ucciso diverse persone, il governo ha accusato i “mercenari della criminalità organizzata”.

Cinque persone sono state uccise e 20 ferite in un attentato dinamitardo in Ecuador. Il governo ha accusato la criminalità organizzata per il crimine nella città occidentale di Guayaquil. Il ministro dell’Interno Patricio Carrillo ha affermato su Twitter che “mercenari della criminalità organizzata” hanno compiuto l’attacco con esplosivi. Questa è una dichiarazione di guerra allo Stato”.

“O saremo in grado di unirci” nella lotta alla criminalità organizzata, oppure “il prezzo da pagare alla società sarà ancora più alto”, Avvertì Carrillo. I servizi di soccorso hanno affermato che l’esplosione ha distrutto otto case e due auto. All’inizio l’esatto corso dell’attacco non era chiaro. Secondo i media locali, si sono sentiti spari e poi si è sentita un’esplosione.

Alto tasso di omicidi e violenze nelle carceri

L’Ecuador si trova al confine tra Colombia e Perù, i due maggiori produttori di cocaina al mondo. Nel frattempo, l’Ecuador è diventato un hub centrale per la consegna di farmaci in Europa e negli Stati Uniti. Diverse bande si battono per la supremazia. Inoltre, i cartelli della droga messicani usano l’Ecuador per riciclare i profitti dei loro affari illegali.

Con le attività dei cartelli della droga, la violenza è aumentata anche in Ecuador. Il tasso di omicidi del paese sudamericano è aumentato da sei a 14 omicidi ogni 100.000 abitanti dal 2018. La violenza spesso si riversa nelle carceri dell’Ecuador. Più di 350 detenuti sono stati uccisi nelle carceri ecuadoriane dal febbraio 2021.

READ  Il conflitto nell'est dell'Ucraina: Putin parla dell'inizio del “genocidio”