Ottobre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Italia: sempre meno residenti a Venezia: una città per turisti?

A due passi dal Ponte di Rialto a Venezia si trova Campo San Bartolomeo. La farmacia Morelli nell’East Side è un’istituzione del centro, un’azienda a conduzione familiare di quarta generazione, una calamita per gli abitanti delle città e le guide turistiche, e non solo per l’aspirina.

Per quasi 15 anni, la vetrina della farmacia ha ospitato un piccolo monumento digitale che descrive lo stato della città più accuratamente di qualsiasi altra cosa. Un contatore della popolazione mostra che la popolazione di Venezia è in calo e attualmente sono solo 49.940 persone. Meno di 50.000 persone vivono nel centro storico di Venezia a metà agosto, un triste record.

Matteo Cecchi ha aperto lo sportello nel marzo 2008. “Abbiamo cenato con amici e discusso dello spopolamento, pensando a come attirare l’attenzione su questo problema dato l’afflusso di turisti”, dice il 52enne.

Gli amici del suo gruppo venessia.com hanno chiesto al farmacista, che ha sempre sentito la storia della città. Da allora i veneziani hanno potuto assicurarsi nella vetrina del loro lento declino. “60.620” ha quindi mostrato un display a punto rosso che mostrava quante persone vivevano ancora a Venezia nel 2008.

Il numero scende sempre: Matteo Cecchi davanti allo sportello del popolo alla farmacia Morelli.

Il numero scende sempre: Matteo Cecchi davanti allo sportello del popolo alla farmacia Morelli. | Immagine: Matteo Cecchi

Quando la soglia dei 60.000 fu tagliata, Cecchi e compagni organizzarono un “funerale veneziano”, e quando furono raggiunte 55.000 persone, 500 manifestanti confezionarono simbolicamente le loro valigie nel “Venexodus”. È comprensibile che ci si stanchi un po’ di mettere in scena la propria rovina nel corso degli anni. Quando di recente è apparso il numero 49.997, gli ultimi veneziani hanno appeso manifesti fuori dalle finestre.

Ogni settimana Secchi utilizza un telecomando davanti alla farmacia per inserire nuovi numeri, che un tecnico delle telecomunicazioni in pensione calcola dall’anagrafe comunale. Quasi 30 milioni di turisti visitano la città ogni anno e per i 170.000 residenti nel 1951 la vita sta diventando sempre più scomoda.

“Proprio ieri ho dovuto chiedere a due turisti di distruggere l’ingresso di casa mia”, racconta Cecchi. Lo shopping è difficile, non ci sono negozietti e gli affitti stanno diventando sempre più cari considerando gli innumerevoli appartamenti per turisti.

“Siamo circondati, siamo estranei nella nostra casa”, dice Cecchi, che lavora come portiere all’Hotel Ca’ D’Oro, contribuendo così in un certo modo alla trasformazione della città. “Venezia è esaurita di veneziani, vogliamo commerciare e ucciderci”, dice. Stefano Sofiato, fondatore di venessia.com, morto nel 2020, ha venduto cianfrusaglie ai turisti, mentre documentava il degrado della sua città.

Chi vuole restare non ha altra scelta che lavorare nel turismo. La maggior parte dell’ex popolazione urbana vive oggi sulla terraferma di Mestre o Marghera. È molto conveniente ed economico lì. Gli appartamenti costosi che vengono affittati ai turisti sono per lo più di proprietà di veneziani, così come innumerevoli proprietà che oggi vendono souvenir o pizza.

Potresti anche essere interessato

animali

Il pollo di Mussolini e il bassotto di Bardot: il curioso cimitero degli animali domestici di Roma

Luigi Molan, 73 anni, ha rilevato la tomba dal padre.


Politica? “Ci sono stati tentativi di creare più uguaglianza per la popolazione, ma alla fine sono tutti falliti”, afferma Cecchi. Pensa che i 15 milioni di euro per il ponte del famoso architetto Santiago Calatrava, inaugurato alla stazione ferroviaria nel 2008, avrebbero potuto essere utilizzati per rinnovare 2.000 case sociali vuote.

Il farmacista Andrea Morelli consiglia di espandere l’università e l’universo che la circonda. Così più giovani verranno in città. L’amministrazione comunale dovrebbe ridurre al minimo le attività artigianali e rallentare il mercato immobiliare con massimali degli affitti.

Infine, monasteri, chiese, ospedali e campi abbandonati possono essere utilizzati per scopi culturali. Fino ad allora, servirà il mercato tradizionale. I suoi prodotti più venduti? “Antidolorifici, tranquillanti e sempre più antidepressivi”, dice Morelli.

READ  Vacanza in Italia: Russell Crowe mostra ai suoi figli il Colosseo - Intrattenimento