Agosto 11, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Italia: Flavio Briatore ha fatto infuriare Napoli – enorme polemica sulla pizza autentica

a tavola La pizza di Briador a 55 euro

La più grande controversia italiana sulla pizza autentica

Focacce per il popolo: Gino Sorbillo, pizzaiolo conosciuto in tutta Italia, distribuisce pizza gratis a Napoli.

Focacce per il popolo: Gino Sorbillo, pizzaiolo conosciuto in tutta Italia, distribuisce pizza gratis a Napoli.

Fonte: IMAGO/Agenzia fotografica indipendente Int.

Un nuovo ristorante Flavio Briatore ha acceso una lunga controversia su ciò che costituisce l’autentica pizza in Italia, e non si tratta solo di prezzo. Tentativo di chiarire.

UNChicken Flavio Briatore ha recentemente aperto una filiale della sua catena di ristoranti a Milano sotto una pioggia di critiche. Dopotutto, il prezzo della “pizza pazza” era molto alto per gli standard italiani – tra le altre cose, nel menu c’è una pizza al tartufo per 55 euro. Un uomo d’affari del nord Italia ha dichiarato a gran voce che non poteva cuocere una pizza perfetta per i cinque euro necessari per una margherita a Napoli. Ciò a sua volta ha portato a una violenta reazione dal sud Italia, dove il pizzaiolo più noto del paese Gino Sorpillo ha distribuito pizze gratis in segno di protesta. Briatore ha continuato dicendo che la pizza è del mondo intero ed è fatta molto meglio altrove che a Napoli. In Italia è già scoppiata una lunga controversia che ruota attorno alla questione di cosa costituisca la vera pizza.

Basta guardare il film “L’oro di Napoli” per sapere che anche la pizza è un tipo di focaccia. Nel film del 1954, Sophia Loren interpreta un pizzaiolo senza speranza che gestisce un negozio di cucina a Napoli. Sorprendentemente, la pizza di cui la diva è entusiasta non è mai uscita dal forno o è stata condita. Si compone invece di pasta frolla fritta nell’olio.

Ecco come si presenta la Pizza al Tartufo di Briador:

I contenuti di Instagram possono essere trovati qui

Il tuo consenso revocabile alla trasmissione e al trattamento dei dati personali è richiesto in quanto tale consenso è richiesto dai fornitori del contenuto incorporato in quanto fornitori di terze parti per visualizzare il contenuto incorporato. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore su “on”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni al riguardo qui. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite l’interruttore in fondo alla pagina e tramite Privacy.

I carri che pescano dal grasso si chiama pizza fritta, un archetipo di focaccia un tempo diffuso nelle metropoli del sud Italia. Questa scena dimostra che storicamente la pizza può apparire in molte forme diverse anche nella sua città natale. Né il loro aspetto né il loro metodo di preparazione sono così standardizzati come affermano molti napoletani.

A loro piace vedersi come i guardiani dell’unica vera pizza. Supponiamo che un’azienda del genere debba soddisfare criteri molto specifici stabiliti nella tua città e sia osservata ovunque. Poiché le focacce si trovano in tutto il Mediterraneo, non esiste un’origine storica del piatto. Molto apprezzati invece sono i modelli alternativi, in particolare la versione romana, ovvero la Pizza alla Romana. La principale differenza tra lui e il cugino napoletano, ormai a un’ora di treno, è la farina. Mentre a Napoli è morbido e flessibile, nel capoluogo è sottile e croccante. La pizza napoletana deve essere flessibile perché la gente vuole sempre mangiarla per strada. È piegato e tenuto come una crepe con una mano. Una tecnica chiamata “a libretto” (libricino) o “a portfoglio” (portafoglio). Il morso viene solitamente eseguito a partire dalla punta.

Le prospettive per molti host sono cupe

Nessuna pizza cotta a legna senza una buona legna.  Negli ultimi mesi è anche diventato più costoso.  Tante pizzerie non usano il forno

Tattiche anti-inflazione

La pizza è un popolare cibo di strada a Roma, anche se la sua versione locale è la pizza al taglio, che viene cotta su una teglia e tagliata a rettangoli delle dimensioni di una mano. I pizzaioli napoletani sono una variante che non si qualifica come pizza, solo per via del piatto.

Per scolpire nella pietra le loro idee precise su come dovrebbe essere una pizza, l’associazione dei puristi Associazione Verese Pizza Napolitana ha ufficialmente decretato nel 2010 che il bordo della pasta, largo da uno a due centimetri, dovrebbe essere arioso e gonfio. . Un vero culto è praticato a Napoli sul cornicione detto “cornicione”. Si discute sulle sue dimensioni, sulla quantità ideale di marrone e sull’elasticità dell’insieme.

Anche un argomento controverso

L'insegnante non ama l'ananas o la carne, ma osa provare gli Spaghetti Hawaii

La ricetta virale della pasta nella prova

A Roma, tuttavia, i confini di qualsiasi tipo erano disapprovati. Lì, come in Briador, vale quanto segue: meno margine, meglio è. Tuttavia, non si arriva al punto di rivendicare l’origine del cibo per se stessi. Questo è lasciato ai napoletani, che considerano la mancanza di orlo un difetto e un patetico sforzo da pizzaiolo incapace. Rappresentano l’assenza di un mattarello particolarmente famigerato, che i maghi della pasta del sud considerano uno strumento del diavolo. E così i romani dovettero giustificarsi a lungo per la loro sfortunata mancanza di spigolo. Ma nel frattempo le Capitali sono passate all’offensiva. Nel 2018 è stata lanciata la “Giornata della Pizza Romana”. Sì, è stata addirittura redatta una relazione in cui sono stati fissati i criteri per la focaccia capitale. Certo, come dimostrano i napoletani, un manifesto non è ancora un autorevole insieme di regole, ma lo stesso.

Poi, di punto in bianco, dopo una settimana di indolenza generale, Pizza Cat, Briatore e Sorbillo si sono incontrati in un programma televisivo ampiamente seguito. Invece di tirarsi la pasta come molti si aspettavano, si fece pace, Sorbillo si placò e Briatore fu invitato a Napoli. La pizza, si diceva all’unanimità, era un grande affare di famiglia. Tutti infatti volevano una cosa sola, ed era fare una buona pizza. Entrambi hanno riscosso un successo impressionante questa prima estate italiana, promuovendo i propri ristoranti.

Qui è dove puoi trovare contenuti di terze parti

Il tuo consenso revocabile alla trasmissione e al trattamento dei dati personali è richiesto in quanto tale consenso è richiesto dai fornitori del contenuto incorporato in quanto fornitori di terze parti per visualizzare il contenuto incorporato. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore su “on”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni al riguardo qui. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite l’interruttore in fondo alla pagina e tramite Privacy.

READ  Sci alpino: Laura Kolturi rompe la concorrenza - Il cambio legato all'Albania spinge l'Italia a scuotere la testa