Dicembre 3, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Italia, America: dove si nascondono esche fasciste e pericoli reali

Un graffito su un muro recita: “Lotta al fascismo”. Foto: Ivan Radic / CC DI 2.0

L’UE neoliberista ha portato alla rinascita dei poteri autoritari. Attualmente il pericolo che le società europee diventino fasciste è minore di quello degli Stati Uniti. Perché?

La vittoria elettorale della coalizione di estrema destra di Giorgia Meloni in Italia è una prova ancora più vivida degli effetti drammatici che le politiche neoliberiste dell’Unione Europea (UE) stanno avendo sugli Stati membri. Il ritorno di fantasmi dal passato in Italia e la diffusione di movimenti e partiti di estrema destra in tutta Europa sono direttamente correlati alle teorie economiche regressive e alle strategie di integrazione palese dei governanti dell’euro a Bruxelles e Francoforte.

Lasciatemi spiegare.

Dopo la fine della seconda guerra mondiale, alcuni politici lungimiranti in Francia e Germania si sono mossi per creare strutture e istituzioni al di fuori dello stato nazionale per garantire che gli europei abbandonassero il loro passatempo preferito di condurre guerre sanguinarie l’uno contro l’altro. Questa era la logica alla base della formazione della Comunità Economica Europea (CEE). Istituito dal Trattato di Roma nel 1957.

È stato il tentativo più classico di stringere alleanze tra nemici storici che è durato in qualsiasi momento nella storia europea, sebbene altri fattori, come la Guerra Fredda, abbiano svolto un ruolo importante nella pace a lungo termine. Fine della seconda guerra mondiale in Europa.

Tuttavia, la CEE si è evoluta nel tempo in qualcosa che va al di là del sistema commerciale regionale, rispetto alla democrazia, alla sovranità nazionale e ai diritti sociali. Si è evoluto in un regime imprenditoriale guidato da un desiderio incessante di subordinare i lavoratori ai capricci del capitale e implementare “l’efficienza economica” nell’amministrazione dello stato sociale, trasferendo gradualmente il potere dal popolo ai funzionari non eletti a Bruxelles.

Alla fine questa visione è diventata realtà Con il Trattato di Maastricht del 1992, il trattato istitutivo dell’Unione Europea. Il Trattato di Maastricht ha anche aperto la strada alla creazione di una moneta comune, ma senza introdurre un sistema federale.

In questo senso, l’UE non è unica come una strana creazione simile a Frankenstein. Soprattutto con l’introduzione di una moneta comune, il campo di applicazione delle decisioni di politica economica nazionale è stato fortemente limitato. In assenza di un governo federale, l’austerità divenne inevitabilmente parte integrante della nuova economia politica europea.

Si adatta perfettamente al lavoro flessibile e ad altre misure di riforma antisociale – privatizzazione, commercializzazione della sanità e dell’istruzione, riforma delle pensioni – tutte volte a una società favorevole al mercato. La piena occupazione, presa sul serio da tutti i partiti politici prima della creazione dell’UE, è stata abbandonata a favore di mercati del lavoro flessibili. Il principio di uguaglianza è lasciato alla “logica” delle forze di mercato.

La cosiddetta architettura “difettosa” dell’UE non è il risultato di una svista o di un errore tecnico. Deriva da un complesso di principi neoliberisti fondamentali che governano la mentalità delle élite economiche europee e dei loro alleati aziendali e finanziari.

I politici europei sono profondamente convinti che le variabili chiave per la crescita siano l’apertura al commercio e alla concorrenza, una maggiore integrazione finanziaria e la rimozione di tutte le restrizioni alla circolazione dei capitali. Erano ben consapevoli che queste erano le condizioni che portavano a operazioni più efficienti, costi unitari del lavoro inferiori e margini di profitto più elevati per le multinazionali europee.

Totalmente estraneo alla visione tradizionale di un’Europa sociale e democratica, il processo di europeizzazione in corso dalla firma del Trattato di Maastricht crea terreno fertile per lo sviluppo di leader autoritari che promettono di strappare il potere alle élite globali che rivendicano il dominio. Un ritorno allo stato nazione e all’ordine sociale tradizionale in cui l’unità nazionale e i valori familiari sono di primaria importanza.

Gli elettori in tutto il continente si sono spostati drammaticamente a destra, anche nei paesi tradizionalmente socialdemocratici come Svezia e Finlandia, poiché gli stessi ex partiti socialisti e socialdemocratici non si preoccupano degli effetti preoccupanti delle politiche neoliberiste dell’UE. La classe operaia, infatti, segue le direttive dell’UE neoliberista.

Contenuti editoriali consigliati

Con il tuo consenso, i riferimenti di libri esterni (Affiliati Amazon) verranno caricati qui.

Carica sempre i consigli sui libri

READ  Arrestato in Italia un produttore di materiale pedopornografico