Febbraio 1, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il primo studio mostra buoni risultati

  1. Pagina iniziale
  2. Germania

creatura:

a: Carolina German

I vaccini a base di mRNA sono stati una svolta nella pandemia della corona. La tecnologia può anche essere efficace nella lotta contro l’HIV.

Brema – La parola vaccino a mRNA è definita da pandemia della corona Ora è ben noto alla maggior parte delle persone. A tempo di record, utilizzando questa tecnologia, varietà Vaccini efficaci contro la malattia COVID-19 causata dal coronavirus Avanzate. la fabbrica Moderna, il cui vaccino contro il coronavirus è stato utilizzato come “richiamo” in molte persone, Un vaccino contro l’HIV, anch’esso basato sul principio dell’mRNA, è attualmente oggetto di ricerca in collaborazione con un team di scienziati. Il primo studio ha mostrato risultati sorprendenti: il 97% delle persone ha sviluppato anticorpi contro il virus HI dopo la vaccinazione.

Vaccinazione contro l’HIV: dopo 40 anni di ricerca ora risultati promettenti con un vaccino a mRNA

Gli scienziati sono alla ricerca di un efficace vaccino contro l’HIV da 40 anni. Ma il virus mette in difficoltà i ricercatori perché tende a mutare molto. Poiché cambia la sua superficie così rapidamente, può sfuggire più rapidamente a potenziali anticorpi e quindi al sistema immunitario. Il successo della vaccinazione contro il coronavirus ha assicurato che la ricerca su possibili vaccini con questa tecnologia contro altre malattie sia in pieno svolgimento.

Il virus HI tende a mutare rapidamente. Ciò ha finora impedito lo sviluppo di un vaccino efficace. © Hans Gelderblom / dpa

Moderno vaccino contro l’HIV RNA – Il sistema immunitario è stato addestrato a riconoscere i sottotipi di HIV

Il vaccino a mRNA contro l’HIV ora testato può addestrare il sistema immunitario a riconoscere un’ampia gamma di sottotipi di HIV presenti in natura, ha detto al portale l’autore dello studio William Schiff. Avviso scientifico Quindi è in grado di coprire diverse mutazioni. “Ci sono alcuni punti sulla superficie del picco dell’HIV che rimangono gli stessi o relativamente gli stessi tra i diversi isolati. E stiamo cercando di ideare anticorpi molto specifici che abbiano proprietà molto specifiche che consentano loro di legarsi esattamente a quei siti ”, spiega Schief.

READ  Artrosi alle dita: 7 rimedi casalinghi

Il vaccino a mRNA contro l’HIV mostra solo effetti collaterali minori nei test

Secondo i ricercatori, il nuovo vaccino candidato è un primo passo verso una diffusa immunità contro l’HIV. Sebbene si tratti di uno studio di fase 1 relativamente piccolo, i risultati sono ancora promettenti. Dei 36 partecipanti allo studio, 35 hanno sviluppato anticorpi contro il virus HI. Anche gli effetti collaterali erano minori, hanno riferito gli scienziati. Si osservano solo mal di testa e dolore nel sito di puntura, simili a quello Con la vaccinazione corona.

“Siamo ottimisti sul fatto che ci sia qualche possibilità che questo approccio possa beneficiare più del semplice HIV”.

L’indagine sul vaccino è ancora nella fase iniziale. Pertanto, sono necessarie ulteriori indagini cliniche prima che un vaccino a base di mRNA possa essere immesso sul mercato. Al momento, non vi è alcuna garanzia che il farmaco venga effettivamente approvato, sottolinea Schief. Tuttavia, i risultati ora raggiunti danno speranza agli scienziati, anche per quanto riguarda Usa l’mRNA per combattere altre malattie, come il cancro o influenza. “Speriamo che ci sia qualche possibilità che questo approccio aiuti più del solo HIV, anche se sarebbe davvero enorme se aiutasse l’HIV”, ha detto Schiff.

L’HIV rimane un grave problema di salute globale: un vaccino efficace potrebbe cambiarlo

L’HIV e la malattia che provoca, l’AIDS, continua a essere un grave problema di salute in tutto il mondo. Alla fine del 2020, 37,7 milioni di persone vivevano con l’HIV. Solo nel 2020, 1,5 milioni di persone in tutto il mondo sono state infettate dall’HIV. Quell’anno morirono 680.000 persone a causa della loro infezione. Sebbene il numero di infezioni da HIV rilevate in Europa sia in calo, Tuttavia, gli esperti sospettano che molti casi potrebbero non essere stati rilevati a causa della pandemia di Corona.

READ  La vitamina D protegge dal corona?

Secondo il Robert Koch Institute, il numero di persone che vivono con l’HIV in Germania ha raggiunto i 90.800 alla fine del 2021. Di questi, circa 8.600 infezioni da HIV rimangono non diagnosticate. “Questi numeri di casi rimangono molto alti e sono necessari ulteriori sforzi, in particolare per migliorare l’offerta di test per il gruppo target e l’accesso alle cure e alla prevenzione”, sottolinea Lothar H. Wheeler, presidente del Robert Koch Institute. Una vaccinazione efficace può ridurre significativamente questi numeri e quindi dare un contributo significativo alla salute globale. Pertanto, l’attuale ricerca sui vaccini a base di mRNA potrebbe rappresentare un’estensione promettente di percorsi di ricerca precedenti, incentrati su vaccini vivi o basati su proteine.