Febbraio 1, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il ministro della cultura italiano: un ribelle diventa addomesticato

Andrea Dernbach È un insegnante nel dipartimento internazionale. Vive in Italia.

Il nuovo ministro della cultura italiano, Gennaro Sangiuliano, è entrato in scena due mesi fa con un gesto grandioso e parole tonanti: ha dichiarato guerra al “politicamente corretto” e ha dato una parola dittatoriale a Eike Schmidt, il leggendario direttore degli Uffizi. Discorso (“Non ti è sfuggito…”), il tempio della cultura di Firenze è stato chiuso sul ponte il lunedì prima di Ognissanti per carenza di personale.

Una settimana prima dell’apertura della stagione della Scala a Milano, dove non solo la cultura italiana ma anche l’affascinante famiglia si sono riunite, Sangiuliano ha cambiato il suono.

La sua presentazione di un’ora e mezza alle Commissioni Cultura di entrambe le Camere del Parlamento è stata un’esibizione mozzafiato.

Più soldi per il digitale, più spazio per l’arte

Il ministro vuole più soldi e velocità per la lenta digitalizzazione che sta paralizzando non solo la pubblica amministrazione italiana ma anche le sue istituzioni culturali. Vuole proteggere meglio il più grande patrimonio culturale del Paese dai danni e dal degrado ambientale.

I tesori dell’Italia, secondo Sangiuliano, il 90 per cento sono custoditi in depositi nascosti, devono diventare più accessibili – ai propri connazionali e ai turisti di tutto il mondo, dopo due anni di stop l’epidemia ha ancora più fame di barocco, rinascimento e antichità, le antichità tornano in Italia.

READ  Alto rischio in Italia e Gran Bretagna

Tutto ciò che Sangiuliano annunciava come “linee di progetto” avrebbe potuto dirlo il suo predecessore socialdemocratico – forse anche il ministro della Cultura di estrema sinistra.

In futuro la cultura non sarà solo materiale ma anche digitale.

Gennaro Sangiuliano, nuovo ministro della cultura italiano

L’unica idea che può essere letta come politica in senso stretto è la prosecuzione di quanto lanciato nel 2014 sotto il presidente del Consiglio Matteo Renzi, all’epoca anche socialdemocratico: la riforma dei finanziamenti pubblici alla cultura.

Un ministro della cultura di estrema destra dalla fine di Minkulbab

Sangiuliano è stato il primo ministro della Cultura di estrema destra dopo che il “Ministero della cultura popolare” è passato sotto il fascismo. L’uomo con un passato di destra moderata non sembra affatto intenzionato a riaprire un secondo “mingulpop” incaricato della cultura e della propaganda di partito.

Va bene, ed è un bene che stia gestendo anche parte del suo piano. La cultura politica italiana è minacciata più del suo patrimonio culturale di tesori d’arte e resti storici.

È tutto come uno stato di polizia bandito dai rave party che leggono democraticamente. Il primo budget del primo ministro Maloney è ora principalmente finalizzato a rendere felici i criminali fiscali. La politica culturale ha molti posti nel suo governo. Molto.

Alla home page