Gennaio 30, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ucraina- Notizie ++ La Russia apparentemente attacca di nuovo con i droni kamikaze ++

nastro dal vivo Notizie sull’Ucraina

Sembra che la Russia stia attaccando di nuovo con i droni kamikaze

La strada di accesso principale è costantemente sotto tiro.

La città ucraina di Pakhmut è diventata una zona di combattimento. Ci sono nuove segnalazioni di morti e feriti quasi ogni giorno. Il giornalista di WELT Max Hermes ha parlato con i residenti e ha dovuto nascondersi lui stesso.

Secondo le informazioni dell’intelligence britannica, la Russia sta attaccando nuovamente l’Ucraina con droni iraniani. Il paese ha ricevuto forniture di droni kamikaze. Nel frattempo, nei pressi della città di Bakhmut sono in corso aspri combattimenti. Altro nel live streaming.

nSecondo informazioni britanniche, dopo una pausa di diverse settimane, la Russia potrebbe aver nuovamente attaccato l’Ucraina con l’aiuto di droni iraniani. Il ministero della Difesa britannico ha dichiarato venerdì nel suo rapporto quotidiano di intelligence che se i rapporti vengono verificati, significa che la Russia ha ricevuto rifornimenti.

La Russia probabilmente aveva precedentemente esaurito le sue scorte esistenti di centinaia di droni Shah-131 e Shah-136, i cosiddetti droni kamikaze.

A Londra si è fatto riferimento a rapporti ufficiali ucraini. Di conseguenza, il 6 dicembre, l’intelligence ucraina ha annunciato l’abbattimento di 17 droni, di cui 14 Shahed-136. Il 7 dicembre, si diceva che aerei kamikaze fossero stati utilizzati in attacchi a Zaporizhia e Dnipro Oblasts.

Lo Shahed-136 è stato segnalato il 17 novembre. Se i nuovi attacchi saranno confermati, ha affermato London, “è probabile che la Russia riprenderà gli attacchi utilizzando droni kamikaze appena consegnati”.

Qui è dove troverai i contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

Tutti gli sviluppi nel live streaming:

07:05 – Bombardamenti di artiglieria e feroci scontri a Donetsk

Secondo la leadership militare ucraina, le forze russe stanno bombardando le infrastrutture civili nelle città di Kobyansk e Zolochiv nella regione nord-orientale di Kharkiv e a Ochakiv nella regione di Mykolaiv.

Il governatore della regione di Donetsk Pavlo Kirilenko ha dichiarato in un’intervista televisiva che i combattimenti più feroci si stavano svolgendo vicino alle città di Bakhmut e Avdiivka. L’intera linea del fronte è stata presa di mira e le forze russe stanno cercando di avanzare vicino a Liman, che le forze ucraine hanno riconquistato a novembre. Le informazioni non possono essere verificate in modo indipendente.

05:04 – Zelensky: le forze russe hanno deliberatamente distrutto le terre abbandonate

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha accusato le forze russe di aver lasciato mine antiuomo, fili elettrici ed edifici, automobili e infrastrutture minati in luoghi che sono stati costretti a lasciare sotto la pressione dell’esercito ucraino. “Forse è peggio e più insidioso del terrorismo missilistico”, ha detto Zelensky in un discorso video a tarda notte per commemorare quattro agenti di polizia uccisi dalle mine antiuomo nella regione di Kherson.

4:10 – Gli Stati Uniti intendono imporre sanzioni ai rappresentanti degli appaltatori della difesa russi

I funzionari del governo degli Stati Uniti hanno detto venerdì che gli Stati Uniti vogliono imporre nuove sanzioni alla Russia. I funzionari hanno affermato che le sanzioni colpiranno principalmente un certo numero di funzionari della compagnia di difesa russa coinvolti nel trasferimento di droni iraniani in Russia.

00:37 – Fonti USA: più aiuti militari all’Ucraina

Gli Stati Uniti forniscono all’Ucraina ulteriori aiuti militari per un importo di 275 milioni di dollari (circa 260 milioni di euro). Giovedì, fonti statunitensi hanno affermato che il pacchetto include 80.000 colpi per obici e una quantità imprecisata di munizioni per lanciarazzi multipli HIMARS. La consegna includeva anche sistemi ad alta tecnologia per rilevare e contrastare velivoli senza pilota, sistemi di difesa aerea, nonché ulteriori veicoli fuoristrada noti come Humvee, generatori e altre attrezzature da combattimento.

Leggi anche

Nella guerra aggressiva della Russia contro l’Ucraina, gli attacchi di droni da entrambe le parti sono aumentati di recente. Il rilevamento dei droni è quindi di crescente importanza per le forze ucraine. Secondo gli Stati Uniti, in estate la Russia ha acquistato centinaia di droni d’attacco dall’Iran. Secondo le ultime informazioni statunitensi, Mosca sta pianificando ulteriori acquisti di questo tipo.

Insieme all’ultimo pacchetto, gli Stati Uniti hanno inviato all’Ucraina più di 19,3 miliardi di dollari in armi e altro equipaggiamento dall’inizio dell’invasione russa alla fine di febbraio.

Puoi ascoltare il podcast di WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

“Kick-off Politics” è il podcast di notizie quotidiane di WELT. Argomento principale analizzato dagli editori WELT e le date di oggi. Iscriviti al podcast su SpotifyE il Podcast AppleE il Musica Amazon o direttamente tramite un feed RSS.

READ  Putin prima della "vittoria"? Si avvicina una data critica: gli esperti avvertono del fallimento della NATO con Svezia e Finlandia