Novembre 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I linguisti preparano un appello: niente più gare su ARD e ZDF | Politica

Un’altra grave inversione di genere della radiodiffusione pubblica (ÖRR).

Circa 90 linguisti e linguisti hanno firmato un ricorso contro il “linguaggio di genere” (“clienti”). Chiedono: smettila.

▶ ︎ Tra i firmatari: membri del German Orthography Council, della German Language Association e del PEN Center oltre a numerosi noti linguisti (ad esempio, l’esperta di grammatica prof. Gisela Zyvonnon, il prof. Martin Neff della TU Braunschweig , e il dottor Olaf Krause del Consiglio ortografico tedesco) .

L’iniziatore è il tedesco Fabian Beyer (60). Payr a BILD: “ARD e ZDF devono prendere la linguistica”.

Tedesco Fabian Bayer (60)

Nella foto: Paul Muller

Accusa le emittenti di consentire sempre ai singoli sostenitori di fornire l’opinione richiesta nelle discussioni. La segnalazione di genere è “in molti casi parziale” e serve essenzialmente a legittimare il genere di un individuo. I critici sono spesso descritti come reazionari, inflessibili e misogini.

E: “Con il genere, gli manca completamente il pubblico. La rieducazione non ha nulla a che fare con il mandato del programma”.

“linguaggio artificiale”

La lingua di genere è una “lingua artificiale”. Ci sono anche attivisti di genere nella linguistica. Bayer: Non possono parlare di scienza in generale. Ma sono più attivi politicamente e più rumorosi. Vogliamo contrastare questo per chiarire che non c’è consenso sul genere in linguistica. Tuttavia, questa impressione a volte viene data. Ora la resistenza sta prendendo forma anche nella scienza! ”

Bayer avverte: “Il genere provoca grande discordia sociale e divide la società”. Un motivo: la diffusione del linguaggio di genere con un “gesto morale”.

I linguisti rifiutano il punto di vista dei sostenitori del genere secondo cui il maschile generale (come “ciclista” piuttosto che “ciclisti” o “ciclisti”) esclude le persone.

La radiodiffusione non dovrebbe ignorare i desideri della maggioranza

Secondo gli esperti, l’uso della lingua da parte di ÖRR è “un modello e un punto di riferimento per milioni di spettatori, ascoltatori e lettori”. Da questo punto di vista nasce l’obbligo delle emittenti di orientarsi nei testi e nelle formulazioni agli standard linguistici applicabili e di trattare la lingua come un bene culturale “conforme, responsabile e ideologico-libero”.

L’appello indica che, secondo i sondaggi, più di tre quarti dei consumatori dei media preferiscono l’uso consolidato e del tutto naturale del linguaggio: ÖRR non dovrebbe ignorare i desideri della maggioranza.

I firmatari discutono linguisticamente. In tedesco c’è una differenza tra genere e genere, cioè grammaticale e naturale. Ad esempio, “persona” non è automaticamente femminile, anche se c’è un articolo femminile prima della parola.

I ricercatori sono preoccupati per la scienza stessa

I ricercatori non chiedono solo una “rivalutazione critica dell’uso della lingua in ÖRR per motivi linguistici”. Sono anche preoccupati per la scienza stessa.

︎ Bayer: “Dai ranghi della politica dell’identità, i principi della scienza vengono messi in discussione. Le scoperte scientifiche devono sempre resistere al controllo. Questa è l’essenza della scienza”.

La sua richiesta: “Dobbiamo tornare all’essenza fattuale e scientifica del dibattito e non discutere costantemente dal livello morale”.

“Sessualizzazione del linguaggio”

Gli “attivisti guidati dalla politica dell’identità” sono spesso interessati alle “sensibilità individuali”. Beyer: “Non puoi praticare la scienza con i sentimenti, hai bisogno di argomenti e di esame critico. Altrimenti lascerai il campo della scienza”, dice il tedesco.

Nell’appello, gli studiosi hanno espresso preoccupazione per il fatto che il genere porti alla “sessualizzazione del linguaggio”, cioè a una “focalizzazione permanente sulle differenze di genere”. Ad esempio, nel caso di voci doppie come “conducenti”

Ciò vanifica anche l’importante obiettivo dell’uguaglianza di genere. Testo in chiaro: il sesso non fa quello che dovrebbe.

Ignora le regole di ortografia

Gli studiosi sono anche molto critici sul fatto che ÖRR ignori le attuali regole ufficiali di ortografia: nel marzo 2021, il Consiglio tedesco di ortografia ha indicato esplicitamente che i caratteri specifici del genere come asterischi, due punti o trattini bassi non sono conformi al set ufficiale di regole, perché queste forme facilitano la comprensione di termini, testi e certezze Legali inequivocabili.

Questo disprezzo per le regole di ortografia ufficiali valide “non è coerente con il mandato educativo delle emittenti come previsto dal Trattato sui media interstatali”.

Ma non è tutto: il genere di ÖRR va contro la neutralità politica a cui tutte le emittenti sono vincolate dal Trattato sui media statali.

Ad esempio, il linguaggio di genere originariamente proveniva dalla linguistica femminista ed è ora “promosso principalmente da gruppi universitari incentrati sugli studi sulla giustizia sociale orientati alla politica dell’identità”.

La radiodiffusione a pagamento deve mantenere una distanza critica da tale “forma ideologica di discorso”.

Anne Will, Ingo Zamperoni, Claudia Stamm Avidamente di genere

Ann Will (56, a sinistra) ne parla

Ann Will (56, a sinistra) parla della “Associazione dei contribuenti” nel suo programma. Secondo la propria nomenclatura, si chiama “Associazione dei contribuenti”

Foto: ARD

Il relatore dell’ARD Anne Weil, Ingo Zambrone (“Everyday Topics”, basato su forme duali) e Claudia Stamm (Baerischer Rundvank) sono considerati “appassionati di genere” nelle trasmissioni pubbliche.

Cosa dice ARD

Alla domanda di BILD, ARD ha affermato che l’argomento è stato “discusso e trattato in modo completamente diverso” nelle emittenti.

Ciò significa: il sesso deve continuare a essere consentito. ZDF ha anche affermato che i medium sono ancora liberi di fare sesso.

Di recente, Bayerischer Rundfunk ha dovuto prendere un serio schiaffo di genere: al “Diversity Debate 2022”, le classi scolastiche che hanno votato in un sondaggio non volevano affatto unirsi al gruppo di genere, con grande dispiacere della moderatrice Claudia Stamm. Vergogna in cima!

Germanic Beyer crede: “Il genere non prevarrà contro la volontà della stragrande maggioranza della società. La resistenza sta crescendo – le persone si stanno difendendo sempre più da questo linguaggio didattico. E le voci dai ranghi della scienza che si oppongono al genere stanno aumentando sempre più”.

READ  Narcisismo: come affrontare un narcisista come capo