Dicembre 9, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I lavoratori migranti si aspettano nuove restrizioni in Italia | Europa | DW

In campagna elettorale, il nuovo premier radicale di destra Giorgia Meloni si è pronunciato a favore di un blocco più o meno ampio dell’immigrazione via mare dal Nord Africa all’Italia. “Proponiamo un blocco navale perché, come abbiamo spiegato mille volte, è compito europeo fermare la tratta di esseri umani insieme agli Stati nordafricani e creare hotspot gestiti congiuntamente sul territorio africano. Lì l’Ue deve esaminare le domande di asilo. Decidi chi ha bisogno di protezione internazionale e chi no. Fallo”, ha detto Georgia Meloni in un video del suo partito, Brothers of Italy.

Il Primo Ministro italiano Meloni pronuncia il suo primo discorso alla Camera dei Deputati

Non è del tutto chiaro cosa intenda esattamente per blocco navale, afferma Christopher Hein, un ricercatore sulla migrazione che insegna alla Lewis University di Roma. “Questo linguaggio è una chiara indicazione della direzione che prenderanno le future politiche in materia di migrazione e asilo”, ha affermato Christopher Hein della rivista speciale “Migazin”. Anche Catherine Vollard, direttrice del Consiglio europeo per i rifugiati (ECRE), è scettica sugli annunci del nuovo governo italiano. “Non è possibile fermare completamente l’immigrazione, né sarebbe nell’interesse dell’Italia. Possiamo aspettarci alcune azioni e misure controverse. Ci sono già segnali di una rinnovata attenzione all’arrivo delle navi di soccorso marittimo”, ha detto Catherine Woollart a DW a Bruxelles .

Catherine Vollard, Direttore del Consiglio europeo per i rifugiati e gli esiliati (ECRE).

Catherine Woollard, Consiglio europeo per i rifugiati e gli esiliati (ECRE): Molto non è chiaro

La chiusura dei porti non è ancora una politica di migrazione

Nel 2018 e nel 2019, l’allora ministro dell’Interno Matteo Salvini, del partito populista di destra Lega, ha temporaneamente chiuso i porti italiani per soccorrere le navi con i migranti naufraghi. La Lega di Salvini fa ora parte di un governo di coalizione di estrema destra a Roma. Georgia Meloni ha però rifiutato Salvini, che ha voluto tornare alla carica di ministro dell’Interno. È stato ingannato dal Ministero dei Trasporti.

READ  L'oliveto Karl-Heinz promette alla ragazza dei suoi sogni la "dolce vita" in Italia

Il nuovo ministro dell’Interno incaricato dell’immigrazione è uno stretto confidente di Salvini. Matteo Piantedosi non ha ancora espresso opinioni estreme come Salvini, ma il suo capo, il presidente del Consiglio Meloni, ha dato la direzione della politica migratoria in campagna elettorale: “In pratica, vogliamo attuare in Italia il semplice principio che si può entrare solo legalmente. . Flussi di immigrazione. La nostra nazione non deve essere guidata dai trafficanti o la nostra nazione e l’Europa per non essere fuorviati da coloro che desiderano smantellare”. Solo l’otto per cento degli immigrati, dice Meloni nel suo video, ha diritto all’asilo. Il resto sono giovani che vogliono lavorare in Italia.

Italia Processo Matteo Salvini a Palermo

Salvini, ex ministro dell’Interno e leader della Lega, ha chiuso i porti ed è stato processato a Palermo

L’esperto di migrazione dei Verdi al Parlamento europeo, il deputato Eric Marquardt, ritiene che il nuovo governo in Italia debba affrontare rapidamente la realtà dell’immigrazione. Eric Marquardt afferma che i soccorsi in mare e la chiusura dei porti non faranno molto per Giorgia Meloni: “Penso che scoprirà presto che il 90 percento delle persone che vengono in Italia semplicemente arriva senza l’aiuto delle navi di soccorso in mare. Ciò significa che il soccorso in mare non è un prerequisito perché chi viene in Italia, ma chi deve lasciare la Libia viene in Italia».

“L’Italia beneficia degli immigrati”

Inoltre, sostiene l’eurodeputato Verde, anche l’Italia beneficia della migrazione. “Per esempio, molte zone in Italia lavorano solo quando si parla di agricoltura, perché anche gli arrivi irregolari lavorano in questa zona – a volte in condizioni disumane. Ecco perché possono dire qualcosa pubblicamente, ma penso che lo scopriranno presto. Il loro populismo da la campagna elettorale metterà l’Italia in una posizione migliore. Nella pratica di governo che non ha aiutato”.

La stragrande maggioranza delle circa 65.000 persone che finora sono arrivate in Italia via mare quest’anno non finiranno nel sistema di asilo italiano, ma si sposteranno invece più a nord. Questo fenomeno di migrazione in avanti si applica anche ad altre vie di fuga attraverso la Grecia oi Balcani. Questo è l’unico modo per spiegare perché la maggior parte delle domande di asilo nell’UE non vengono presentate nei paesi mediterranei dell’Italia o della Grecia, ma solo in Germania.

La stagnante politica migratoria dell’UE non è facile

A livello europeo, la Commissione Ue e gli Stati membri, nonché il nuovo presidente del Consiglio italiano, hanno chiesto una migliore protezione delle frontiere esterne, ovvero prevenire gli ingressi irregolari. Molti sono i sostenitori dell’idea di esaminare le domande di asilo nei campi fuori dall’UE. Finora, questo non è stato implementato nella pratica. A causa dell’opposizione di Polonia, Ungheria e altri paesi, la distribuzione tra gli Stati membri dei richiedenti asilo provenienti dall’Italia o dalla Grecia è invariabilmente fallita.

Gli immigrati italiani lavorano nei campi di pomodoro vicino a Foggia ARCHIVIO

Raccolta del pomodoro in Puglia: Migranti come mietitori (immagine d’archivio)

Tuttavia, il nuovo governo di destra italiano vuole lavorare a stretto contatto con i governi di destra in Polonia e Ungheria. È difficile valutare come ciò influirà sulla politica migratoria. “È impossibile prevedere quale impatto avrà a livello dell’UE. Dipende da molti fattori che ancora non conosciamo”, ha detto a DW Woollard, direttore del Consiglio europeo per i rifugiati. Pensa che l’Italia, gravemente colpita economicamente, potrebbe essere disposta a scendere a compromessi sulla politica in materia di rifugiati e migrazione per assicurarsi denaro continuo dal fondo dell’UE per la ricostruzione del coronavirus.

READ  L'attore Volker Bruce commenta l'operazione di salvataggio in Italia

Una nuova missione dell’UE nel Mediterraneo?

L’eurodeputato verde Marquardt ritiene che la cooperazione non sarà più facile dei governi precedenti. “È il caso dell’Italia che un grande partner costruttivo rischia di perdere. Questo è sicuramente un ostacolo alla condivisione delle responsabilità di cui abbiamo bisogno nell’UE”.

Europa Immagine simbolica Missione di protezione delle frontiere Sofia salva meno persone

Torna a Sofia? Dal 2015 al 2019 l’UE ha monitorato la regione mediterranea sotto la guida italiana.

Nella sua prima dichiarazione del governo di martedì, Giorgia Meloni ha annunciato che la “Mission Sofia”, il monitoraggio del Mediterraneo da parte delle unità navali dell’UE, potrebbe essere rilanciata al posto del blocco navale dell’Italia. Meloni ha annunciato che se ne occuperà a livello dell’UE. Nel 2019 “Mission Sofia” si è conclusa su istigazione dell’Italia, perché i paesi dell’UE non volevano impegnarsi ad accettare le persone soccorse da “Sofia” e distribuirle in tutta l’UE.