Dicembre 10, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra di Hollywood contro l’Ucraina: stelle in blu e giallo

Stato: 01/03/2022 22:08

Sean Penn sta girando un documentario sull’invasione russa e le stelle appaiono con la bandiera blu e gialla dell’Ucraina: molti a Hollywood sono inorriditi dall’attacco della Russia all’Ucraina.

Hollywood è apparsa in blu e giallo durante il fine settimana in solidarietà con il popolo ucraino. Molte star hanno indossato piccole bandiere ucraine sul risvolto dei loro abiti ai SAG Awards. Sul palco, alcuni vincitori usano la presenza scenica per fare dichiarazioni, come Brian Cox, che era un membro del cast di Succsession della HBO.

Quello che veramente mi preoccupa è quello che sta succedendo in Russia ai miei colleghi attori, artisti e critici. Gli è stato detto, sotto minaccia di tradimento, di non dire una parola sull’Ucraina. E lo trovo piuttosto orribile. Penso che dovremmo stare tutti uniti e anche difendere le persone in Russia a cui non piace quello che sta succedendo, specialmente gli artisti. Penso che dovremmo celebrarli insieme e sperare che possano davvero fare la differenza. Perché penso che possano.

Dichiarazioni di solidarietà e donazioni

Gli attori Michael Keaton e Jessica Chastain hanno parlato del conflitto, sottolineando che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, un ex attore, è uno di loro. Non poche stelle hanno anche legami personali con l’Ucraina. L’attrice Mila Kunis, ad esempio, è nata in Ucraina e suo marito Ashton Kutcher ha scritto su Twitter di essere dalla parte dell’Ucraina.

Alcune star usano la loro influenza per raccogliere fondi. Blake Lively e Ryan Reynold vogliono destinare ogni donazione all’UNHCR, fino a 1 milione di dollari. Angelina Jolie, che è anche impegnata con le Nazioni Unite, ha chiesto una donazione per poter fornire sostegno a molti rifugiati.

Simboli di coraggio e di principio

Altri sono pienamente impegnati: Sean Penn, per esempio, che è andato in Ucraina e sta girando un documentario sull’offensiva russa. Come regista, Ben sembrava avere il giusto istinto: aveva già visitato l’Ucraina a novembre e si era preparato per le riprese. In una dichiarazione di pochi giorni fa, si è chiaramente posizionato sul conflitto e sul ruolo degli Stati Uniti.

È davvero un errore enorme, poiché le persone muoiono e i cuori sono spezzati. Se non si tira indietro, penso che Putin avrà commesso un enorme errore per tutta l’umanità. Il presidente Zelensky e il popolo ucraino sono diventati un simbolo di coraggio e principi. L’Ucraina è diventata la punta di diamante del sogno della democrazia. Se la lasciamo combattere da sola, perderà il nostro spirito americano.

Il gruppo di intrattenimento Disney ha risposto e inizialmente non voleva più mostrare nuovi film nei cinema russi. Martedì, l’Associazione delle stazioni radiotelevisive americane (NAB) ha chiesto di interrompere la trasmissione di programmi legati al governo russo. Ciò potrebbe influire su Radio Sputnik, che occasionalmente fornisce contenuti alle stazioni radio di Washington, Kansas City e Missouri.