Dicembre 3, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Fed Minutes: La Federal Reserve americana sta combattendo risolutamente l’inflazione | newsletter

Molti banchieri centrali vedono i costi per combattere l’inflazione in modo troppo timido, forse superiori ai costi per combatterla troppo duramente, secondo il verbale della riunione pubblicato mercoledì (minuti) dell’ultima riunione sui tassi di interesse a metà settembre. Durante l’incontro, per la terza volta consecutiva, la Fed ha aumentato drasticamente il tasso di interesse di riferimento di 0,75 punti percentuali.

Il testo affermava che l’inflazione è molto alta e che i rischi di inflazione puntano al rialzo. È pertanto necessario aumentare i tassi di interesse di riferimento entro un intervallo ristretto. Questo livello rallenta l’attività economica, ma riduce anche il rischio di inflazione. In questo settore, i tassi di interesse di riferimento dovrebbero essere mantenuti per tutto il tempo necessario, hanno sottolineato i banchieri centrali. Le autorità monetarie hanno sottolineato che da un certo momento sarà necessario rallentare il ritmo dell’inasprimento.

La Federal Reserve americana, come molte altre banche centrali, è nei guai. Da un lato, dovrebbe intervenire contro un’inflazione estremamente elevata, che attualmente supera l’8%. La Fed lo ha già fatto ampiamente quest’anno: da marzo, il tasso chiave è stato aumentato di un totale di tre punti percentuali fino all’attuale tre per cento. Un ulteriore inasprimento è previsto nei prossimi mesi, con il tasso di interesse di riferimento che presto supererà il quattro per cento. Questo livello è considerato limitato tra gli esperti.

D’altra parte, la Fed deve anche tenere d’occhio gli effetti collaterali della sua traiettoria. L’economia statunitense si è già indebolita e generalmente si è contratta nella prima metà dell’anno. Molti economisti negano che si tratti di una tipica recessione, ad esempio perché il mercato del lavoro è così forte. Alla luce dei tanti fardelli, e soprattutto della guerra in Ucraina, la Federal Reserve deve stare attenta a non stringere eccessivamente.

READ  Ecco perché le vendite di auto elettriche si dimezzeranno nel 2023

Sui mercati finanziari, il verbale dell’assemblea inizialmente non ha determinato significative oscillazioni di prezzo, essendo già note molte posizioni. Il dollaro USA si è leggermente indebolito dopo la pubblicazione del testo. Inoltre rendimenti dei titoli di Stato statunitensi è leggermente diminuito. La reazione sui mercati azionari è stata limitata.

Washington (dpa-AFX)

Fonti immagine: Mesut Dogan/Shutterstock.com, tlegend/Shutterstock.com