Estinzione di specie, carenza d’acqua e caldo: i ricercatori avvertono dei punti critici

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."

Al: 25 ottobre 2023 alle 12:14

Mancanza d’acqua, specie animali estinte, temperature estremamente elevate: i ricercatori identificano sei punti critici in un nuovo rapporto. Una volta superati, diventa difficile prendere contromisure. Anche i detriti spaziali svolgono un ruolo.

Dall’estinzione delle specie alla scarsità d’acqua fino ai pericoli dei detriti spaziali: i cosiddetti grandi rischi che minacciano il mondo. Le conseguenze potrebbero portare a danni irreparabili se l’umanità non cambia rotta. Questo è il messaggio del rapporto ora pubblicato “Rischi di catastrofi interconnessi” Università delle Nazioni Unite a Bonn.

Sull’orlo della svolta

“Sfruttando eccessivamente le nostre risorse idriche, distruggendo la natura e la biodiversità e inquinando sia la Terra che lo spazio, siamo pericolosamente vicini all’orlo di molti pericolosi punti critici”, ha detto alla DPA Zita Sepesvári, autrice principale del rapporto.

Secondo il rapporto, questo punto viene raggiunto quando il sistema non è più in grado di mitigare i rischi e di svolgere determinate funzioni. “Le nostre azioni stanno mettendo a repentaglio queste importanti capacità tampone su cui facciamo urgentemente affidamento”, ha affermato Sepesvári. I disastri ambientali degli ultimi anni, come siccità, inondazioni e uragani, lo hanno chiaramente dimostrato.

Il rapporto individua sei rischi:

  • Aumenta l’estinzione delle specie
  • Esaurimento delle acque sotterranee
  • Ghiacciai che si sciolgono
  • Rifiuto spaziale
  • Calore insopportabile
  • Perdita della capacità di assicurare

Aumenta l’estinzione delle specie

Ad esempio, ci sono conseguenze per altre specie se un particolare tipo di animale o pianta si estingue. Ad esempio, le tartarughe gopher scavano buche che più di 350 altre specie usano come nascondigli, terreno di riproduzione o per fuggire a temperature estreme. Il risultato: se la tartaruga muore, mette a rischio anche altre specie.

Il rapporto avverte inoltre che se un ecosistema perde troppe specie ben connesse, collasserà.

Mancano le fonti d’acqua

L’altro problema è l’impoverimento delle falde acquifere. Da più della metà delle principali falde acquifere del mondo viene prelevata più acqua di quella che può essere reintegrata naturalmente. Secondo il rapporto ciò potrebbe portare alla perdita delle fonti d’acqua.

Secondo il rapporto, questa svolta è già stata raggiunta in Arabia Saudita. “Anche in Germania l’agricoltura dipende sempre più dalle riserve di acqua sotterranea. Ora dobbiamo pensare in anticipo a quanto lontano vogliamo spingerci con il nostro utilizzo”, ha affermato il ricercatore Sipesvare.

Ghiacciai che si sciolgono In forte aumento

Secondo il rapporto, i ghiacciai di tutto il mondo si stanno sciogliendo a un ritmo due volte più veloce rispetto agli ultimi 20 anni a causa del riscaldamento globale. I ghiacciai si ritirano quando il ghiaccio si scioglie più velocemente di quanto possa formarsi nuova neve.

Una volta superato drasticamente il picco di scioglimento dovuto al ritiro dei ghiacciai, la quantità di acqua di disgelo diminuisce, con gravi conseguenze per l’approvvigionamento idrico, da cui dipendono molte regioni, secondo il rapporto. Può produrre lunghi periodi di siccità.

Ghiacciaio islandese “Okjökull” – scioglimento del ghiaccio dal 1986 ad oggi.

Rifiuto spaziale Minaccia le infrastrutture nello spazio

C’è pericolo anche nello spazio. “Lo spazio ha un problema di rifiuti”, afferma il rapporto, “perché i satelliti che non sono più operativi vengono lasciati nell’orbita terrestre come detriti spaziali”. Poiché i detriti spaziali si muovono a una velocità di oltre 25.000 chilometri orari, anche un piccolo pezzo di spazzatura può causare gravi danni in caso di collisione. Più spazio spazzatura Cura. Pertanto, la ISS e i satelliti operativi dovranno eseguire regolarmente manovre evasive.

Il rapporto prevede il rischio che si verifichi una reazione a catena in caso di collisione di due oggetti di grandi dimensioni. Ciò potrebbe influire sul funzionamento dei satelliti e sul monitoraggio meteorologico associato. “Dobbiamo urgentemente pensare alla regolamentazione qui”, ha detto Sipesvari. Altrimenti rischiamo di distruggere la nostra infrastruttura spaziale.

L’aiuto termico ritarda solo il punto di svolta

Secondo il rapporto, inoltre, i cambiamenti climatici porteranno sempre più zone ad essere esposte a un caldo insopportabile. In alcune zone, le temperature hanno già raggiunto un punto tale che è difficile per le persone rimanere fuori per lunghi periodi senza assistenza.

Solo i ricchi possono permettersi il raffreddamento tramite aria condizionata e ventilatori. Inoltre, secondo gli autori, ritardano solo il punto in cui viene raggiunto il punto critico del “calore insopportabile” per gli esseri umani. Potrebbe contribuire al riscaldamento globale se si affidasse all’energia proveniente dai combustibili fossili, ha affermato Sipsafari.

In India, il caldo era estremamente intenso in estate e i canali sporchi fornivano raffreddamento

“La recitazione si concentra troppo sul presente.”

Man mano che i disastri diventano più gravi, i costi assicurativi aumentano fino a diventare non più insostenibili. Una volta raggiunto questo punto, le persone non hanno più una rete di sicurezza economica. Il rapporto conclude che le soluzioni applicate oggi si concentrano sul ritardare i punti di svolta piuttosto che sull’affrontare veramente le cause profonde. “Le nostre azioni sono troppo rivolte al presente”, ha criticato Sepesvári. “Le scelte delle generazioni future non vengono prese in sufficiente considerazione”.

Gli autori menzionano diversi possibili passi di miglioramento. Nel complesso, è necessario rispettare maggiormente i bisogni e il benessere della natura e vederla come un sistema globale di parti interconnesse, “di cui noi esseri umani siamo solo una parte”.

Related articles

Gli alpinisti in Italia hanno bisogno di essere salvati dalla neve sulle Dolomiti

Pagina inizialePanoramastava in piedi: 14 luglio 2024, 19:28Da: Martina LieblPremeredivisoUn tour delle Dolomiti si conclude in modo drammatico...

I prezzi delle auto piccole sono aumentati notevolmente e l’acquisto di una nuova auto è diventato quasi impossibile

Home pageun lavorostava in piedi: 14 luglio 2024, 22:27da: Marco HofstetterInsisteDivideSecondo uno studio dell'ADAC, le nuove utilitarie con...

Laura Wintoura racconta la sua vita da single e parla del partner dei suoi sogni

A sorpresa, Laura Wintoura parla della sua vita privata.Foto: Andreas Rentz/Getty ImagescelebritàLaura Wintoura è una delle presentatrici di...

La scienza vuole aggiornare la definizione del pianeta: l’ultima volta che Plutone è stato retrocesso

Home pageLo sappiamostava in piedi: 14 luglio 2024, 21:03da: Tanja BannerInsisteDividePlutone è un pianeta nano. Questo è...