Gennaio 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Effetto domino: il nucleare “verde” è un problema anche in Italia

La Commissione ha inviato la sua bozza di tassonomia, che regola la classificazione dei vari tipi di energia a fine anno. Sono stati mesi di discussioni sul valore del gas, del petrolio e, soprattutto, dell’energia nucleare. Ora Bruxelles ha deciso di classificare gli investimenti nelle centrali a gas e nucleari come rispettosi del clima a determinate condizioni. Naturalmente, sono arrivate rapidamente dure critiche da Austria, Germania e gruppi ambientalisti. Altrove, il progetto è stato accolto con sollievo, ad esempio in Francia, che in precedenza aveva promosso l’energia nucleare.

Ma ora il dibattito è tornato sul tavolo anche in Italia.
Il paese aveva già spento l’energia nucleare dopo il disastro nucleare di Chernobyl alla fine degli anni ’80. Come l’Austria, anche l’Italia riceve elettricità dall’estero: qui si può aggiungere l’energia nucleare. Il ritorno al nucleare è stato respinto in un referendum del 2011. Ma ora il recente forte aumento dei prezzi dell’elettricità e del gas sta creando problemi a molti italiani.

La Lega di destra di Matteo Salvini vuole iniziare una nuova avventura. Salvini ha accolto con favore la decisione di Bruxelles e si è impegnato a costruire nuove centrali nucleari. Ha twittato che il Paese non dovrebbe restare fermo adesso: “La Lega è pronta a raccogliere firme per un referendum che porterà il nostro Paese verso un futuro più indipendente, sicuro e pulito”.

Obiezioni fino al 12 gennaio

Gli oppositori delle armi nucleari – ad eccezione di Lussemburgo, Danimarca e Portogallo – ad eccezione di Austria e Germania – non hanno molte opzioni per evitare la classificazione. Gli Stati membri dell’UE hanno tempo fino al 12 gennaio per commentare la bozza. Secondo i rapporti di sabato, l’attuazione potrebbe essere interrotta solo se una “maggioranza competente rafforzata” di paesi o una maggioranza nel parlamento dell’UE si pronunciasse contro di essa.

READ  Qualificazioni Mondiali: la Svizzera in Qatar per vincere la vittoria di Ferdinand sull'Italia

Di conseguenza, almeno 20 paesi dell’UE che rappresentano almeno il 65 percento della popolazione dell’UE o almeno 353 membri del Parlamento dell’UE devono aderire al Consiglio dell’UE. Questo è considerato improbabile che accada.

L’UE sta rivedendo le centrali a gas e nucleari

La Commissione Ue vuole classificare gli investimenti nelle moderne centrali a gas e nucleari come rispettosi del clima. Dei 27 paesi dell’UE, 13 sono attualmente dipendenti dall’energia nucleare, con l’unica eccezione della Germania. La Francia vede l’energia nucleare come una tecnologia chiave per un’economia senza emissioni di carbonio.

Critica dell’Austria

Anche il ministro della Difesa per il clima Leonor Kiesler (Verdi) ha minacciato un’azione legale. “Se questi piani verranno implementati, faremo causa”, ha detto Kiesler su Twitter. Con la sua proposta, la Commissione europea cerca di “lavare verde” il nucleare e il gas naturale, ha scritto Gewessler. “Perché il nucleare è pericoloso e non sarà la soluzione nella lotta alla crisi climatica”.

Anche il ministro delle finanze Magnus Brunner (ÖVP) ha espresso rammarico. “A nostro avviso, abbiamo sempre sottolineato che l’energia nucleare non è una forma fissa di energia e non dovrebbe essere inclusa nell’ordine tassonomico”. Finanziato per il nucleare. Per noi, questo è un altro motivo per rifiutare il piano “, ha affermato Brunner.

Per Othmar Karas (ÖVP), vicepresidente del parlamento Ue, il piano è un tentativo di “greenwashing”: “Il nucleare non può e non sarà una tecnologia futura sostenibile”. Il piano deve essere fermato.

La decisione dell’UE ha suscitato forti critiche da SPÖ e FPÖ e da gruppi ambientalisti come WWF, atomitopp_oberoesterreich e GLOBAL 2000.

La rimozione degli accessi è una questione aperta

In particolare, la bozza prevede che gli investimenti in nuove centrali nucleari possano essere classificati come green se rispettano gli standard tecnici più recenti e che entro il 2050 venga rilasciato un piano specifico per la rimozione dei rifiuti radioattivi ad alta attività. Inoltre, le nuove strutture devono ottenere i permessi di costruzione entro il 2045.

READ  Sofia Gogia Rehab invece di Sbandieratore - Tomaso Sala con Biglietto Olimpico - Candidato Matia Casse - Laura Della M.

Gli investimenti in nuove centrali a gas dovrebbero essere classificati temporaneamente come verdi, soprattutto su richiesta della Germania. Ad esempio, dovrebbe essere rilevante il numero di gas serra emessi. Per gli impianti approvati dopo il 31 dicembre 2030 saranno consentiti, secondo la proposta, solo fino a 100 grammi di CO2 equivalente per kilowattora di energia – calcolati nel ciclo di vita.