Ottobre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ecco come appare un buco nero: la NASA rilascia registrazioni audio

Animazione al computer di un buco nero

Animazione al computer di un buco nero
NASA/GSFC

La NASA ha registrato e pubblicato i misteriosi suoni di un buco nero. Provengono dalle onde di pressione emesse dal buco nero.

I toni, che sono tanto belli quanto spaventosi, sono stati portati a 57 ottave per essere ascoltati dalle persone.

Un altro tipo di sonicazione del buco nero è stato tradotto in musica. Puoi ascoltare entrambi in questo articolo.

Il vuoto dello spazio è considerato silenzioso. Ma la NASA ha scoperto che i buchi neri fanno rumore. Preparato per l’orecchio umano, suona molto misterioso e misteriosamente bello.

Lo ha annunciato lunedì la NASA su Twitter clip audio con i suoni. Provengono dalle onde di pressione emesse da un buco nero. Qui puoi ascoltarlo.

L’idea sbagliata che non ci sia suono nello spazio deriva dal fatto che la maggior parte dello spazio è un vuoto in cui le onde sonore non si propagano. “C’è così tanto gas nell’ammasso di galassie che abbiamo effettivamente sentito dei rumori”, ha twittato la NASA.

Tuttavia, il suono effettivo è al di fuori dell’intervallo uditivo umano di 57 ottave sotto il Do centrale. L’Osservatorio a raggi X Chandra ha registrato dati dalle onde a raggi X visibili nel braccio di Perseo nella Via Lattea, che corrispondono ai suoni non udibili. Quindi la NASA ha aggiornato i suoni dal tono reale a un valore che gli esseri umani possono sentire.

La NASA ha già una clip audio sul suo sito web a maggio il pettoma solo il tweet ha suscitato molte reazioni.

“È fantastico – e davvero spaventoso”, Ha scritto Anche l’ancora della CNN Jim Sciutto è su Twitter.

L’attrice canadese Elizabeth Bowen confronto Note che contengono “una scena del film in cui qualcuno si imbatte accidentalmente in una sorta di culto satanico in mezzo al bosco”

“Tutti parlano di quanto sia terrificante, ma per me il modo in cui è tagliato è di gran lunga la parte più terrificante”, Egli ha detto Il blogger di astronomia Phil Plait.

Quando questa clip è stata rilasciata per la prima volta, la NASA ha anche condiviso un’altra modifica dei dati sul rumore di M87, il buco nero apparso nella prima immagine di un buco nero scattata dal progetto Event Horizon Telescope nel 2019.

La musica deriva anche dai dati dei raggi X del telescopio Chandra, ma include interpretazioni audio dei dati ottici del telescopio spaziale Hubble e delle onde radio dell’Atacama Large Millimeter Array in Cile. La NASA ha raccolto questi dati in Music.

La parte più alta della musica dell’M87 corrisponde alla parte più luminosa dell’immagine, esattamente dove si trova il buco nero.

L’articolo è apparso per la prima volta su Business Insider in DSono gli Stati Uniti d’America. Potete trovare l’originale qui.

READ  Vaccinazione contro le zanzare: non più fantasia - ma solo esperienza