È morta l’icona del pattinaggio artistico Jutta Müller

Date:

Share post:

Benigna Baresi
Benigna Baresi
"Totale drogato di caffè. Ninja della TV. Risolutore di problemi impenitente. Esperto di birra."

2 novembre 2023, 20:44

Il pattinaggio artistico tedesco ha perso quello che probabilmente è il più grande allenatore di tutti i tempi. Secondo le informazioni dell’MDR, Jutta Müller è morta giovedì mattina (2 novembre 2023) in una casa di cura all’età di 94 anni. Durante il suo periodo attivo come allenatrice di pattinaggio artistico, la donna di Chemnitz ha formato numerosi campioni mondiali e olimpici.

La grande dama degli sport sul ghiaccio è entrata nei libri di storia con 57 medaglie ai Giochi Olimpici, ai Campionati Mondiali ed Europei. Ha formato grandi atleti di snowboard, come sua figlia Gaby Seifert, Jan Hoffmann, Annette Butsch e Katarina Witt. “Con lei, il mondo del pattinaggio artistico perde uno dei suoi più grandi allenatori”, ha affermato Andreas Wagner, presidente della Federazione tedesca di pattinaggio artistico.

“Fondazione sportiva a Chemnitz”

Butch, la prima campionessa olimpica tedesca di pattinaggio artistico, ha reagito alla morte del suo allenatore con profonda tristezza. “Ce lo dovevi sempre aspettare a causa della sua età – ha detto la 63enne -. Ma alla fine c’è qualcosa di definitivo. E questo mi crea un problema”. Agenzia di stampa tedesca.

In occasione del suo ottantesimo compleanno, Müller è stata nominata cittadina onoraria della città di Chemnitz. “Con UTA Müller, Chemnitz non ha perso solo un cittadino onorario. È stata un’istituzione nello sport di Chemnitz, che lo ha plasmato come poche altre nel corso di molti decenni. La sua reputazione è andata oltre la nostra città”, ha affermato Sven Schulz, sindaco di Chemnitz .

I primi successi con la figlia Gaby Seifert

Ha iniziato la sua carriera da allenatrice nel 1955 al Karl Marx Stadt. Corridore attiva, divenne campionessa di pattinaggio di coppia della Germania dell’Est nel 1949. Ma è stato dietro le quinte che sarebbero arrivati ​​i veri grandi successi. Prima con sua figlia Gaby Seifert, diventata due volte campionessa del mondo. A loro seguirono negli anni ’70 Annette Butsch e Jan Hoffmann. Pötzsch ha vinto due titoli mondiali ed è diventata campionessa olimpica ai Giochi di Lake Placid quando aveva solo 19 anni. “Sono grato di averla al mio fianco. Senza di lei, probabilmente non sarei stato in grado di arrivare fin qui”, ha detto il nativo di Chemnitz. Hoffman è stato anche due volte campione del mondo, conquistando l’argento a Lake Placid.

Müller e Witte si rendono immortali

Müller aveva un rapporto molto speciale con Katharina Witt, e non solo per i loro successi comuni. Dal 1982 al 1988, “Il volto più bello del socialismo” è stato praticamente imbattibile, vincendo quattro titoli di Coppa del Mondo e l’oro olimpico nel 1984 e nel 1988. Indimenticabile sul ghiaccio è stata Carmen, che ha battuto anche la rivale americana Debbie Thomas nello stile libero. La Müller vinse il suo ultimo titolo europeo con Eveline Grossmann a Leningrado nel 1990. Quando la Witt osò scendere di nuovo sul ghiaccio ai Giochi di Lillehammer nel 1994, fu allenata da Jutta Müller. C’è stato un rispettabile ottavo posto.

Katie Witt dice sempre “tu”

Müller è sempre stato un allenatore severo, ma sempre una persona di riferimento stretta. “Tutti ci chiedono: ‘Lo dite ancora?’ “Sì, lo dirò sempre! Per me la signora Muller è sempre la signora Muller. Per rispetto nei suoi confronti! Eppure mi è molto vicina”, ha ricordato la campionessa olimpica Katarina Witt in occasione del 90esimo compleanno di Müller: “È stata l’unica in tutta la mia vita a cui è stato permesso di urlare contro di me. E questo non era raro.”


Katarina Witt con la sua allenatrice Jutta Müller ai Mondiali del 1985 a Tokyo
Credito immagine: Imago/AfloSport

2022 – Trasferimento in casa di cura

Nell’estate del 2022, Müller ha dovuto lasciare la sua amata città natale, Chemnitz, per motivi di salute. Ha portato sua figlia, Gaby Seifert, in una casa di cura a Bernau, nelle vicinanze. In precedenza abitava in un appartamento di 100 metri quadrati su undici piani nella città sassone.

In occasione della morte di Jutta Müller, giovedì 2 novembre alle 23:10 MDR TELEVISION trasmetterà il film “Jutta Müller – l’allenatore di pattinaggio artistico di maggior successo al mondo”.

Questo argomento nel programma:TV MDR | MDR attuale | 2 novembre 2023 | 17:45

Mostra tutto

Mostra tutto

Related articles

Turista italiana prima salvata dalle lavoratrici stagionali, poi violentata?

Pagina inizialePanoramastava in piedi: 21 luglio 2024, 22:39Da: Moritz BlitzingerPremeredivisoDue uomini avrebbero prelevato un turista dalla strada a...

Audi riporta le auto elettriche rottamate e taglia i prezzi delle auto elettriche

Home pageun lavorostava in piedi: 21 luglio 2024, 15:14da: Patrick FreewahInsisteDivideTuttavia, il nuovo modello Audi Q4 non è...

Questi sono i vincitori di quest’anno del premio di gioco da tavolo più prestigioso al mondo

I vincitori delle tre categorie Gioco dell'anno sono stati annunciati ufficialmente domenica a Berlino. Ogni estate viene assegnato il...

L’atmosfera terrestre ha dimostrato di essere il miglior scudo protettivo contro le supernove vicine

Home pageLo sappiamostava in piedi: 21 luglio 2024, 19:13da: Giuliano MayerInsisteDivideIn teoria, una supernova potrebbe rappresentare una grave...