Maggio 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Durata record del contagio: un paziente Corona a Londra è risultato positivo per 505 giorni fino alla morte – panorama – società

Nel Regno Unito, un paziente Corona è stato continuamente infettato dal virus Corona per 16 mesi. Un team di ricerca britannico riferisce di un nuovo studio che sarà presentato sabato alla Conferenza europea sulla microbiologia e le malattie infettive a Lisbona. Il record precedente era di 335 giorni.

[Wenn Sie die wichtigsten News aus Berlin, Deutschland und der Welt live auf Ihr Handy haben wollen, empfehlen wir Ihnen unsere runderneuerte App, die Sie hier für Apple- und Android-Geräteherunterladen können.]

Per il loro studio, tra marzo 2020 e dicembre 2021, i ricercatori del King’s College London e del Guy’s and St Thomas’ Hospital di Londra hanno esaminato i casi di nove pazienti il ​​cui sistema immunitario era stato indebolito da trapianti di organi, HIV, cancro o altri trattamenti farmacologici. Tutti positivi da almeno otto settimane, due da oltre un anno.

Cinque dei nove pazienti sono sopravvissuti, due dei quali dopo il trattamento con anticorpi e virus. La quinta persona era ancora infetta all’ultimo follow-up all’inizio del 2022, anche dopo il trattamento, e aveva avuto Covid-19 per 412 giorni. Se continua a risultare positiva al suo prossimo appuntamento, mancherà il record di 505 giorni, secondo i ricercatori.

virus malato mutato

Il team ha scoperto che il virus in nove pazienti con corona a Londra è cambiato nel tempo. Cinque di loro hanno sviluppato almeno un mutante; Hanno rilevato in un paziente dieci mutazioni che si sono verificate separatamente nelle varianti alfa, delta e omcron. I ricercatori ora sospettano che i pazienti immunocompromessi accumulino mutazioni nel corso dell’infezione persistente, che possono dare origine a nuove varianti.

La virologa e coautrice dello studio, Gaia Nebia, ha dichiarato venerdì all’Agence France-Presse che la situazione mostra l’urgente necessità di nuovi trattamenti per Corona per i pazienti con immunodeficienza. “I pazienti immunocompromessi con infezione persistente hanno poche possibilità di sopravvivenza e sono urgentemente necessarie nuove strategie di trattamento per porre fine all’infezione”. (AFP)