Maggio 18, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Da sinistra a destra: l’Italia è il paese di molti che capiscono Putin

Non solo la politica tedesca, ma Putin è stato a lungo associato alla Russia, sia politicamente che economicamente. In Italia, coloro che capiscono Putin stanno allargando l’intero spettro politico. Anche la Proud Discrimination Association raccomanda che gli ucraini si sottomettano al Cremlino.

L’invasione russa dell’Ucraina, come una cartina di tornasole, ha causato un ampio gruppo di consenso di Putin in tutta Italia. A tutti i livelli, c’è un numero sorprendente da destra a sinistra. Uno degli avvocati di Putin fin dall’inizio è stato il miliardario Silvio Berlusconi, amico personale di Putin da 20 anni. Due amanti di sé che si sono trovati.

Ho visto un buon esempio della profonda amicizia tra Berlusconi e Putin: nell’ottobre 2014, un mese dopo l’invasione della Crimea da parte delle truppe russe, l’incontro tra Putin e Angela Merkel si è svolto a margine del vertice europeo-asiatico di Milano. . Ma Putin ha sostituito il presidente tedesco. L’ha fatta aspettare per ore finché non è finalmente arrivato al Merkel’s Hotel dietro a Cathedral Square dopo mezzanotte. È arrivato con cinque ore di ritardo per cenare con Silvio Berlusconi nella sua Villa Arcore vicino a Milano perché era così importante per lui. Fino a quando l’ultimo bicchiere non fu vuoto, Putin non poteva lasciare “Amigo” Silvio.

Roma ha impedito gravi blocchi in Crimea

L’incontro con la Merkel riguardava i separatisti nel Donbass. Il preside era molto rumoroso in russo e tedesco, che si sentiva nella hall dell’hotel. Dopo l’incontro, durato fino al mattino presto, Putin è sgattaiolato fuori dall’hotel come un cane maltrattato. Quello che ci ha detto è stato: “È una conversazione dura, molto difficile, ma aperta” – durante la quale la Sig. La Merkel, citando i nomi esatti delle fazioni russe nel Donbass, ha accusato Putin di mentire perché continuava a rifiutare. Fazioni russe dalla parte dei separatisti del Donbass.

Oggi sappiamo che la conferenza del presidente Merkel non ha affatto impressionato Putin. Al contrario: l’annessione della Crimea e l’occupazione dell’Ucraina orientale sono state seguite solo da deboli sanzioni dell’UE, grazie al sostegno di Putin e dell’Italia. Questa esperienza potrebbe aver convinto Putin che questa volta sarebbe stato in grado di catturare l’intera Ucraina senza incontrare nient’altro che alcune proteste di carta dall’Occidente.

L’opposizione alle sanzioni contro la Russia, soprattutto in Italia, è sempre stata schiacciante. Nel 2016, rappresentanti italiani di politici si sono recati in Crimea per “stabilire relazioni reciprocamente vantaggiose” – anche nei territori occupati ai sensi del diritto internazionale. Kiev ha protestato, ma il Ministero degli Esteri italiano ha tenuto le orecchie aperte. All’epoca il segretario di Stato per il Movimento 5 Stelle di Pepe Grillo (M5S), Monlio de Stefano, definì l’Ucraina “il paese fantoccio della NATO”.

READ  Dopo l'incidente della funivia in Italia: Amico arrestato a Cipro

Gli anni imbarazzanti di Salvini per Putin

Ma è stata la Lega di Matteo Salvini a renderlo così difficile. Nel 2017 Salvini – una volta fotografato con indosso la maglietta di Putin nella Piazza Rossa – ha firmato un imbarazzo senza precedenti: un “accordo di cooperazione” tra Lega e partito di Putin. Tra l’altro, l’appalto è stato aggiudicato per lo scambio di “informazioni relative alla sicurezza”. La logica conseguenza è che l’Italia è stata posta in una sorta di “isolamento segreto” da altri servizi segreti della Nato, ma questo non ha infastidito Lego. Un po.

Per il partito, sono stati più di qualche segno amichevole di Putin: almeno questa è la fine dello scandalo sui milioni di petrolio del Cremlino. Un gruppo di mercanti vicini alla Lega, coordinati dall’amico di Salvini Gianluca Savoni, ha cercato di concludere un accordo con la compagnia petrolifera russa. La Lega dovrebbe ricevere 65 milioni di dollari l’anno in commissioni sugli accordi petroliferi con l’Italia. L’accordo è esploso dopo che il sito di notizie statunitense Buzzfeed ha rilasciato una trascrizione segreta dei colloqui a Mosca nel 2019. Da allora il caso è presso la Procura di Milano.

L’attacco all’Ucraina ha ora cambiato il quadro. Il vecchio amico Berlusconi è completamente scomparso. Dopo alcuni giorni di incertezza e la richiesta generale di “niente guerra”, Salvini ha tentato una campagna di pubbliche relazioni in Polonia, dove ha cercato rifugio. Il sindaco polacco – conservatore -, invece, teneva in mano la maglietta di Putin, ricordando al sovrano del Cremlino la schiavitù di Salvini.

Tuttavia, i nazionalisti italiani di destra amano descrivere la Russia come “essenziale”. Si dice che i produttori di latte nel blocco conservatore di Leh, la Bo Valley, siano duramente colpiti dalle sanzioni. I fatti non supportano questa promessa: le esportazioni di mozzarella e latticini verso la Russia sono gestibili, con meno di mezzo miliardo di euro prodotto dalle vendite alimentari di Putin.

“Sì, ma la NATO…”

La Russia non è importante per l’economia italiana: nel 2021 l’Italia ha esportato un totale di $ 750 miliardi di merci, di cui meno di $ 8 miliardi sono andati alla Russia. La Roma ci compra per 14 miliardi di dollari, soprattutto, ovviamente, il gas. Con l’assalto della Russia, le argomentazioni economiche pro Putin sono diventate obsolete.

Ecco perché Berlusconi e Salvini sono rimasti in silenzio. Lo spettatore è stupito dal numero di persone che capiscono Putin in tutti i media e sono veri amici del boss del Cremlino. La televisione di stato RAI ha una migliore comprensione delle “cause russe” ovunque.

Violente proteste sono scoppiate sui social media quando il giornalista della RAI di Mosca Marco Innaro – utilizzando materiale di propaganda russa – ha descritto la guerra per la centrale nucleare di Zaporizhia come “autodistruzione” da parte degli ucraini. Una redazione della Rai (RAI1) ha interrotto i servizi di Inaro, ma non è successo niente. La Rai non è un caso isolato. I colloqui politici dell’Italia sono pieni di persone che capiscono che Putin esorta l’Ucraina ad arrendersi “per salvare vite”.

READ  Il capo del FMI è un'immagine di unità corrotta dalla corruzione

Gli ucraini non hanno “Bella Xiao”

Peggio ancora: Mauricio Landini, leader della Cgil, il più grande sindacato italiano, un tempo considerato “comunista”, insieme all’Anpi contro ex partigiani e fascisti, ha indetto una grande manifestazione il 5 marzo con lo slogan dominante. : “Non con Putin, né con la Nato”. Lo slogan evoca ricordi del peggior periodo del terrorismo di sinistra in Italia. Lo slogan dell’epoca era: “Non con l’Armata Rossa, non con il governo”. Numerosi manifestanti hanno chiesto la fine della vendita di armi all’Ucraina e la resa dell’Ucraina per porre fine allo spargimento di sangue.

Più che bizzarra la dichiarazione di Gianfranco Bagliarulo, presidente dell’Associazione italiana contro ex partiti e fascisti. Ha dichiarato che l’aiuto militare all’Ucraina è stato un “errore irreparabile e grave” che avrebbe messo l’Italia in “grande pericolo”.

Ad ogni incontro, 120.000 amici della lotta razzista italiana contro gli occupanti tedeschi ei loro amici fascisti intonano la famosa canzone “Bella Xiao”, in cui viene cantato l’atto eroico di un partito armato “contro l’invasore”. . E il leader dell’Anpi, tutto il popolo, ora nega agli ucraini il diritto di difendersi dall'”invasore”.

La sinistra che sostiene il dittatore

L’offensiva russa mostra quanto sia radicato nella società italiana il rifiuto dello Stato di diritto come modello di democrazia parlamentare. La caduta del comunismo e quanto poco rammarico sia stato elaborato nella mente di molti italiani da quando Mosca era la capitale del “partito sempre giusto”.

Molti credono che l’Occidente a Kiev gestisca un governo fantoccio e che Putin stia combattendo contro i fascisti e Plutone Grots al potere a Kiev. Tra loro c’erano non solo gli ex sostenitori del KPI, il più grande partito comunista dell’Europa occidentale un tempo, ma anche coloro che non si sono liberati dalla speranza che Mosca sarebbe stata il paradiso dei lavoratori, il salvatore di tutti i lavoratori e il oppresso, chi governa il Cremlino.

No, non è così facile: il Partito Democratico (PD), l’erede di maggioranza del KPI, non ha altra scelta che schierarsi con l’opposizione ucraina. Tuttavia, i sostenitori dei partiti separatisti di estrema sinistra a sinistra del PD, i circoli “antimperialisti”, godono di un maggiore sostegno ai margini dello spettro politico e sostegno a Putin.

Tra loro ci sono molti giovani che hanno trasformato il loro odio per le “nazioni occidentali”, “l’imperialismo americano” e “l’egemonia tedesca in Europa” in simpatia politica per Putin. Putin odia l’Occidente? Il pensiero in questi circoli è che noi facciamo lo stesso, quindi stiamo dalla parte di Putin. L’illusione ideologica delle masse è che le fake news russe sulla guerra ottengano migliaia di like sui social media; L’hashtag “Sono dalla parte di Putin” – “IostoconPutin” – è in circolazione da giorni.

READ  Chiacchiere sui Lidi d'Italia - Panorama

Partenza difficile da Mosca

38% entro il 2020 – Il governo italiano sta cercando di liberarsi dalle grinfie di Salvini, Berlusconi e perenni sostenitori di Putin per porre fine alla dipendenza del Paese dal gas russo. In primo luogo, il governo paga a tutti i proprietari di case il 110% del costo dell’isolamento termico e delle attività di energia rinnovabile attraverso i fondi NGEU. Questa decisione del tutto esemplare è stata presa prima ovunque in Ucraina, ma ora è molto efficace.

Per inciso, l’Italia può diversificare rapidamente quando si tratta di gas. Roma trasforma un dittatore in un fornitore con una combinazione di altri dittatori. Invece della Russia, il nuovo gasdotto TAP dall’Azerbaigian dovrebbe ora garantire fino al 10 per cento del consumo di gas. Inoltre, Libia e Algeria devono ancora consegnare. Presto potrebbero essere sfruttati i giacimenti di gas in Turchia ed Egitto.

L’Italia ha una capacità di stoccaggio reale quando utilizza il gas naturale per generare elettricità. Le famiglie hanno ricevuto 5,5 miliardi di metri cubi di gas l’anno scorso, ma 2,6 miliardi di metri cubi sono stati convertiti in elettricità. 1,2 miliardi di metri cubi sono andati all’industria. La produzione di gas è economica e ha un impatto ambientale relativamente basso. Ma ora l’aumento del costo dell’elettricità si sta trasformando in un esplosivo sociale.

Secondo il governo Draghi, le centrali elettriche a petrolio e carbone devono intraprendere azioni a breve termine per ridurre gli acquisti di gas dalla Russia a meno del 10% del consumo totale. In ogni caso l’Italia avrà condizioni migliori per il fotovoltaico rispetto alla Germania. Ma qui da anni non si fanno progressi: l’argomento popolare è che “i tetti non dovrebbero essere danneggiati”.

Tuttavia, in tempi di aumento dei costi dell’elettricità, i tetti “si rompono” perché sono meno dannosi e tecnicamente implementati più velocemente. L’ultima carta tolta dal tappo di Mario Tragi è del tutto utopica: l’Italia vuole ottenere elettricità dai “reattori a fusione magnetica” tra 15 anni. Sfortunatamente, Drake ha trasformato la sua volontà in un padre del pensiero. I reattori a fusione sono ancora un progetto di ricerca. Alla domanda dei ricercatori competenti quando il forno a fusione sarà finalmente pronto, hanno sempre ricevuto la stessa risposta in 45 anni: 30 anni.