Maggio 19, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Proteste in Italia e Portogallo – e la Germania hanno trovato lo sconto sui carri armati

I camionisti sono attualmente arrabbiati in molte parti d’Europa. I prezzi del carburante stanno esplodendo a causa dei timori per la guerra in Ucraina e le sanzioni per la fornitura. Non in una visione disfunzionale, chiedendo a gran voce l’aiuto del governo.

Questo lunedì i camionisti italiani hanno espresso la loro insoddisfazione per gli scioperi e il blocco stradale nell’isola di Sardegna. A volte nessuna delle principali corsie di circolazione funziona. L’annuncio delle proteste ha portato ad attacchi di panico in supermercati e distributori di benzina.

“Non possiamo andare con tali prezzi”, spiega un camionista. “Oltre al diesel, crescono anche altri costi, ad esempio le barche. Non possiamo stare al passo con questo”.

Un aumento di 14 centesimi al litro

Anche la delusione dei camionisti portoghesi è enorme. Di conseguenza, sono iniziate proteste e scioperi vicino alla capitale, Lisbona. In Portogallo, la scorsa settimana i prezzi del diesel sono aumentati di oltre 14 paise al litro e della benzina di 8 paise.

I piloti sono arrabbiati e determinati. Un manifestante afferma che lo sciopero terminerà solo se ci saranno promesse immediate da parte del governo.

Sconto Lindner e serbatoio

In Germania, il ministro delle finanze dell’Unione Christian Lindner (FDP) ha proposto un sussidio per il rifornimento di carburante invece di tagli alle tasse per liberare i consumatori dall’aumento dei prezzi del carburante.

L’importo dello sconto non è stato ancora determinato, ma questa settimana dovrà essere presa una decisione. Potrebbero essere 20 centesimi al litro, forse anche di più. Questo sviluppo ha causato una violenta reazione in Germania.

A margine della riunione dell’Eurogruppo, Lindner ha affermato di ritenere che gli aiuti mirati, come far cadere la Germania da terra, siano lo strumento più attivo nell’attuale crisi. La politica fiscale nell’UE dovrebbe generalmente essere decisa all’unanimità da 27 paesi.

READ  Due Gran Premi in Italia: Emola / Formula 1 fino al 2025