Maggio 23, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Combattere il melanoma aggressivo con le cellule killer: una pratica curativa

Immunoterapia contro il cancro della pelle nera

Il melanoma maligno, spesso indicato come cancro della pelle nera, è il tipo più grave di cancro della pelle. Il trattamento nelle fasi avanzate è una sfida per i professionisti medici, tuttavia, il tasso di sopravvivenza delle persone infette è migliorato significativamente negli ultimi dieci anni. Ciò è dovuto principalmente ai progressi nell’immunoterapia.

Tuttavia, secondo un gruppo di lavoro presso il Centro medico universitario di Göttingen, solo il 40% circa dei pazienti con melanoma maligno risponde all’immunoterapia. Il team ha identificato i biomarcatori che possono essere utilizzati per prevedere se l’immunoterapia funzionerà su una persona. I risultati della ricerca sono stati recentemente pubblicati sulla rivista.ricerca sul cancro” Piede.

Biomarcatori per predire il successo del trattamento

Per la prima volta, il gruppo di ricerca ha esaminato le cellule natural killer del sistema immunitario per il loro ruolo nelle terapie immunitarie contro il cancro della pelle. Il team è stato in grado di identificare una serie di biomarcatori che possono essere utilizzati per prevedere quanto bene l’immunoterapia funzionerà in una persona. Secondo i ricercatori, le cellule NK (cellule natural killer) non sono state ancora considerate nello sviluppo di immunoterapie per il melanoma. La partecipazione può avere un vantaggio critico nelle possibilità di successo del trattamento.

Cosa fanno le cellule natural killer?

Come spiega il gruppo di lavoro in un comunicato stampa sui risultati della ricerca, le cellule natural killer hanno proprietà citotossiche e possono uccidere le cellule malate. Le cellule natural killer hanno un vantaggio rispetto alle cellule T del sistema immunitario in quanto non devono essere prima stimolate specificamente per un antigene.

READ  Corona virus: la fine dell'epidemia? Drosten vede un'opportunità in Omicron

Ciò rende le cellule NK uno strumento promettente nel trattamento dei tumori solidi. Secondo i ricercatori, al momento non esiste un trattamento in cui le cellule natural killer vengano prese in considerazione in modo specifico. Il suo utilizzo è già in fase di sperimentazione in alcuni studi preclinici.

Svantaggi delle immunoterapie attualmente disponibili

Il team di ricerca avverte che le immunoterapie attualmente disponibili sono costose e hanno effetti collaterali significativi. Il tasso di risposta è relativamente basso, inferiore al 40%. Nell’immunoterapia utilizzata, i linfociti T citotossici in particolare vengono attivati ​​contro il tumore.

L’autore principale dello studio, il dott. Sabrina Capello.

Migliorare le future immunoterapie

Il professor Dr. aggiunge. Ivan Bojski del gruppo di studio. D’altra parte, le sonde possono essere utilizzate per predire la risposta alle immunoterapie a base di cellule T già utilizzate in clinica. D’altra parte, i risultati potrebbero aiutare lo sviluppo e il miglioramento delle terapie a base di cellule natural killer in futuro, spiega il professore. Secondo il gruppo di lavoro, i risultati della ricerca costituiscono la base per il trattamento del cancro personalizzato in futuro. (FP)

Informazioni sull’autore e sulla fonte

Questo testo è conforme alle specifiche della letteratura medica, delle linee guida cliniche e degli studi attuali ed è stato verificato da professionisti del settore medico.

autore:

Diploma Editor (FH) Volker Plasic

nota importante:
Questo articolo contiene solo consigli generali e non deve essere utilizzato per l’autodiagnosi o il trattamento. Non può sostituire una visita dal medico.