Dicembre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Capriccio dei prezzi di New York: gli investitori statunitensi sfidano lo shock dei tassi di interesse


Rapporto di mercato

Stato: 13/10/2022 22:14

Wall Street ha risposto agli ultimi dati sull’inflazione con forti aumenti dei prezzi. Ma dopo una delusione iniziale, gli investitori l’hanno ripreso. Il peggio potrebbe finire presto?

La Borsa di New York era impegnata oggi. Il Dow Jones Leading Index ha oscillato selvaggiamente tra 28.660 e 30.168 punti e altri importanti indici azionari statunitensi erano simili.

Il Dow ha chiuso a 30.038 punti, registrando un grande guadagno giornaliero del 2,83%. Il Nasdaq incentrato sulla tecnologia è aumentato del 2,23%, mentre il Nasdaq 100 è avanzato del 2,30%. L’indice S&P 500 è salito a livello di mercato del 2,6% a 3669 punti.

Nel frattempo, non sembrava affatto un guadagno così evidente, perché gli ultimi dati sull’inflazione inizialmente hanno inviato onde d’urto sul mercato e causato enormi perdite. Ma nel corso dell’anno, gli investitori hanno scaricato sempre di più le loro paure.

Sean Cruz, capo analista degli investimenti presso l’intermediazione TD Ameritrade, ha affermato che la vendita iniziale è stata un po’ esagerata. Pensa che sia un buon segno che non ci siano vendite successive. Tuttavia, Craig Erlam, analista di mercato presso l’intermediazione Oanda, ha messo in guardia dall’annunciare un’inversione di tendenza. “Questo non è un rapporto sull’inflazione che vuoi vedere”.

Sperando di stabilizzare i tassi di interesse

In particolare, i prezzi al consumo sono aumentati dell’8,2% a settembre rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, secondo il Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti. Gli esperti si aspettavano una media dell’8,1%. Ad agosto, il tasso di inflazione era dell’8,3 per cento.

L’inflazione core, che ignora le fluttuazioni dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari ed è al centro della Federal Reserve (Fed), è aumentata dal 6,3% al 6,6%. Questo tasso è stato anche superiore alle aspettative del mercato. La pressione al rialzo sui prezzi suggerisce che la Federal Reserve statunitense aumenterà ulteriormente i tassi di interesse, che già quest’anno ha alzato significativamente il tasso chiave. Un altro rialzo di 75 punti base è un risultato imposto a Wall Street.

“Dopo questi dati sull’inflazione, potrebbe non esserci più nessuno che pensi che la Fed possa aumentare i tassi di meno di 0,75 punti percentuali alla riunione di novembre”, ha affermato Sima Shah, analista di investimento senior presso Principal Global Wealth Manager. Se la pressione sui prezzi rimane troppo alta, a dicembre dovrebbe essere prevista la quinta mossa consecutiva di questa portata.

Questo è esattamente ciò che dovrebbero essere le prossime settimane: la pressione sui prezzi rimarrà elevata o c’è un appiattimento più pronunciato di essa, in modo che la Fed possa prendere un ritmo più lento?

Walgreens convinto

Tra i singoli titoli, le azioni Walgreens Boots Alliance di Dow sono aumentate nettamente del 5,35% dopo aver annunciato i risultati fiscali del quarto trimestre. La catena di drugstore ha registrato un calo di circa il 32% degli utili per azione rettificati dalle operazioni continue. Ma questo era leggermente migliore di quanto gli analisti in media si aspettassero. Anche le vendite sono rimaste leggermente al di sopra della stima media degli esperti. I guadagni giornalieri del Dow sono stati JP Morgan Securities, che ha guadagnato oltre il cinque percento.

READ  Netflix pianifica una svolta di 180 gradi: l'idea apparentemente rivoluzionaria ha 81 anni

Gli ordini iniziali sono leggermente superiori al previsto

Nel frattempo, la situazione nel mercato del lavoro statunitense è leggermente peggiorata la scorsa settimana. Il numero delle prime domande di sussidio di disoccupazione è passato da 9.000 a 228.000, il secondo aumento consecutivo. Gli analisti si aspettavano una media di soli 225.000 ordini. Nonostante i numeri siano leggermente in rialzo, il mercato del lavoro è ancora molto forte. La Fed non ha bisogno di pensarci e può concentrarsi completamente sulla lotta all’inflazione.

DAX va sulle montagne russe

La giornata di negoziazione volatile si è conclusa oggi con una nota positiva nel mercato azionario locale. Dopo le precedenti violente oscillazioni, il DAX è salito dell’1,51% e ha chiuso a 12.355 punti, appena sotto il massimo giornaliero di 12.379 punti. L’intera giornata è stata dedicata ai nuovi dati sull’inflazione negli Stati Uniti. I dati sull’inflazione statunitense di settembre hanno inizialmente incontrato poca approvazione in borsa e hanno spinto il DAX al suo minimo giornaliero esattamente a 12.000 punti.

Con la stessa quantità di turbolenze del crollo dei dati, l’indice è salito successivamente, dopo il rimbalzo di Wall Street. L’elevata volatilità, espressa in una tale configurazione a V, è solitamente un’espressione di estremo nervosismo da parte degli investitori.

Deutsche Bank al vertice del DAX

Tassi di interesse significativamente più elevati hanno spinto Deutsche Bank in cima all’indice tra i singoli titoli del DAX. Perché tassi di interesse più elevati determinano un importante margine di interesse per le istituzioni finanziarie. Il produttore di aromi Symrise era alla fine del benchmark, anche se T-Share, considerato difensivo, è in controtendenza.

Negli Stati Uniti continuano ad aumentare le pressioni inflazionistiche

I dati sull’inflazione negli Stati Uniti, attesi con impazienza in vista di questo, hanno solo indicato un lento calo degli aumenti dei prezzi, alimentando così nuove preoccupazioni sui tassi di interesse. “Il rialzo del tasso base ha nuovamente accelerato in modo drammatico. Quindi è ancora alto in modo allarmante. Per riprendere il controllo del processo inflazionistico, la Fed dovrebbe continuare a utilizzare il piede di porco. All’inizio di novembre, alzerà il tasso di riferimento nettamente di 75 punti base.Per la quarta volta consecutiva”, commenta Bastian Heberl di Hauck Aufhäuser Lamp.

Dopo i dati sull’inflazione, è chiaro che la Fed aumenterà i tassi di interesse per la quarta volta dello 0,75% all’inizio di novembre, ha affermato il gestore di portafoglio Thomas Altmann di QC Partners, ma i dati hanno anche un lato positivo. “Il tasso annuo è sceso per il terzo mese consecutivo”, ha detto Altman. Almeno la direzione è corretta, anche se il percorso è più pianeggiante di quanto sperato. “Le prospettive per ulteriori sviluppi inflazionistici consentono certamente di concludere che la maggior parte del lavoro della Fed è terminato”, ha affermato Thomas Getzel, economista presso VP Bank.

Inizia la stagione dei reportage

È probabile che l’inizio della stagione dei rapporti negli Stati Uniti sia un altro fattore determinante per la direzione dei mercati azionari. “Un trend positivo potrebbe sicuramente portare a un rally a Natale. Se il trend delude, i minimi di quest’anno dovrebbero essere testati di nuovo”, afferma Thomas Altmann di Asset Manager QC Partners.

Il prezzo del petrolio torna positivo

Anche il prezzo del petrolio è salito sulla scia del rally del mercato azionario. Ci sono state perdite di prezzo nel mercato petrolifero negli ultimi tre giorni di negoziazione. Di recente, le preoccupazioni per il rallentamento dell’economia globale e il relativo calo della domanda hanno esercitato pressioni sui prezzi del petrolio, Dopo il Fondo Monetario Internazionale (FMI) Previsione di crescita economica globale declassata.

Anche il fatto che l’OPEC si aspettasse che il petrolio indebolisse la domanda di petrolio ha causato malumore. Pertanto, l’organizzazione ha successivamente fornito una ragione per il massiccio taglio della produzione che il più grande gruppo OPEC + ha condotto la scorsa settimana.

L’euro si riprende dallo shock dei tassi di interesse

Ci sono stati anche movimenti significativi nel mercato dei cambi. La prospettiva di un aumento significativo dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve ha inizialmente spinto il dollaro prima di invertire i suoi guadagni rispetto all’euro. L’euro è attualmente scambiato a $ 0,9773 negli scambi statunitensi e quando i dati sull’inflazione sono stati pubblicati, la moneta unica è scesa a $ 0,9633. Quindi la Banca Centrale Europea ha fissato il tasso di riferimento a $ 0,9739 (mercoledì: 0,9706).

le libbre si riprendono

Nel frattempo, il tasso di cambio della sterlina britannica è aumentato in modo significativo di circa il 2% dopo le notizie di un imminente cambiamento da parte del governo britannico nella sua politica fiscale. La valuta britannica, recentemente sottoposta a forti pressioni, è salita bruscamente rispetto al dollaro USA a $1,1315 in tarda serata. In mattinata la sessione è stata inferiore a $ 1,11.

I nuovi primi ministri Liz Truss e il ministro delle finanze Kwasi Quarting hanno già demolito parte delle loro radicali riforme fiscali dopo forti proteste. Contrariamente a quanto inizialmente previsto, l’aliquota fiscale più elevata rimarrà al livello precedente. I piani hanno pesato pesantemente sulla sterlina e hanno spinto al rialzo i rendimenti del mercato obbligazionario. La Banca d’Inghilterra ha dovuto intervenire con breve preavviso per stabilizzare il mercato dei titoli di Stato, o la cosiddetta jelt.

Il motivo del “significativo aumento dei tassi”

Secondo il presidente della Bundesbank Joachim Nagel, la Banca centrale europea dovrebbe aumentare drasticamente i tassi di interesse nella sua prossima riunione poiché l’inflazione continua a salire. Sebbene l’entità degli aumenti dei tassi di interesse dipenda dai dati attuali, Nagel ha affermato oggi in una conferenza stampa congiunta con il ministro delle finanze federale Christian Lindner alla conferenza autunnale del Fondo monetario internazionale (FMI) a Washington.

READ  BioNTech Stock News (ADR): BioNTech (ADR) con perdite

Ha aggiunto che i dati recenti sono chiari e indicano chiaramente la direzione del “forte movimento dei prezzi”. Il controllo dell’inflazione è la priorità assoluta. La prossima riunione della BCE sui tassi di interesse è il 27 ottobre.

Siemens aiuta ACC a costruire e far funzionare impianti di batterie

Con il produttore europeo di batterie ACC, Siemens ha conquistato uno dei suoi maggiori clienti fino ad oggi per la sua nuova piattaforma hardware e software Xcelerator. Di conseguenza, Siemens sarà il “fornitore preferito” per l’automazione, la digitalizzazione e l’elettrificazione per uno o tre impianti di batterie per veicoli elettrici che Automotive Sales (ACC) pianifica in Europa.

ACC è di proprietà delle case automobilistiche Mercedes-Benz e Stellantis e del gruppo petrolifero ed energetico francese TotalEnergies con un terzo ciascuno. L’azienda ha a disposizione sette miliardi di euro per costruire le “Giga Factory”.

Easyjet prevede una domanda stabile

La compagnia aerea low cost britannica EasyJet prevede che la domanda rimarrà stabile nel prossimo inverno ed estate, nonostante l’impatto dell’elevata inflazione sui consumi. “Siamo di fronte a un contesto macroeconomico incerto con molti punti di forza”, ha affermato il presidente della compagnia aerea Johan Lundgren. La crescente domanda di voli nell’estate del 2023 lo rende fiducioso.

Le vendite dei biglietti per le vacanze autunnali e il periodo natalizio stanno andando meglio rispetto a prima dell’epidemia di coronavirus nel 2019. 20 milioni di posti saranno offerti nell’attuale primo trimestre dell’anno fiscale, ovvero il 30% in più rispetto allo stesso periodo l’anno scorso, anche se solo l’83 per cento della capacità pre-crisi.

IAG in su

I numeri commerciali sorprendentemente forti hanno dato a IAG il più grande aumento di prezzo degli ultimi sette mesi. Le azioni della casa madre British Airways sono ora aumentate di circa il dieci percento a Londra. Secondo i dati preliminari, la società ha raggiunto un utile operativo di 1,2 miliardi di euro nell’ultimo trimestre. Inoltre, non si osserva alcuna diminuzione della domanda.

Da quando la rivale statunitense Delta e la compagnia aerea low cost EasyJet hanno rilasciato dichiarazioni simili, l’indice del settore turistico europeo è aumentato del 4,4%. Lufthansa è cresciuta in modo significativo anche in MDAX.

Südzucker guadagna di più

Südzucker ha registrato un aumento degli utili nei primi sei mesi dell’anno fiscale 2022/23. Con un aumento delle vendite del 29 percento a 4,624 miliardi di euro, il risultato operativo (Ebitda) è salito a 465 (anno precedente: 278) milioni di euro. L’utile consolidato è stato di 316 milioni di euro dopo i 134 milioni di euro dell’anno precedente. L’aumento dei profitti è stato sostenuto da CropEnergies, una sussidiaria del business dei biocarburanti, dello zucchero e dell’amido. Di conseguenza, l’Executive Board ha alzato le sue previsioni per le vendite per l’intero anno.