Maggio 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

A proposito di “Cantautorap” e della Pop Fusion italiana

“Mi piace la musica plastica”, ha detto Joananti in un’intervista alcuni anni fa. È un piacere confrontarsi in classifica con i vincitori dei talent show sotto i trent’anni. “Voglio essere un pop”. Juanotti, che ha tirato fuori l’hip-hop italiano, flirtava con il business da anni e non gli ha fatto male.

Il 2021 è stato un buon anno per la pop fusion italiana, non solo per la band esteticamente attiva Meneskin, che ha vinto l’Eurovision Song Contest. Altri hanno investito nella continuazione del lavoro di Joanotti, che oggi ha lo strano attributo di “contadora”, una combinazione di possibile songwriting e rap in Italia, poiché anche i rapper italiani si sono ispirati al K-Pop e hanno osato cantare di nuovo. Cambia come le acconciature – L’ho scoperto quando la mia storia d’amore Italopop è riapparsa all’inizio dell’inverno.

Ragazzi vestiti ad alta voce

È iniziato con una canzone che giustamente chiamava “Maleto Tempo” di Franco126, che era una pasta cotta nel mio forno. All’inizio era come una ballata. Federico Bertolini, nome di un musicista romano che, come ho appreso, prese il nome da alcune scale nel quartiere di Dresdver e si definì un rapper, dove cantava con voce operetica. Poi ha gridato con un sospiro “Maledo”, lamentandosi dei brutti momenti, rendendosi conto di essere cresciuto non solo nella situazione sociale, ma soprattutto, e ha visto inevitabilmente scorrere tutti i momenti speciali come l’acqua della pasta.

Nella prossima occasione, come Franco126, ho messo insieme una playlist di ex rapper che chiamavano il loro modello Lucio Dalla o che finivano l’autodune e cantavano della loro angoscia mentale; Gli artisti odiati dai media hip-hop italiani, che si travestono da cantanti pop per soldi, stanno in realtà commettendo un crimine atroce. Ho controllato la playlist in azienda. Ha iniziato con Fira Quintale e la canzone “Michelle”, che è diventata la sigla della serie Netflix nel 2020. La canzone parla di due persone che discutono: “Voglio fare la pace, ma abbiamo lanciato razzi”. Più acusticamente, i razzi sono tutti linee veloci e possono essere identificati dal fatto che la sua struttura rap non è fra. Respirare.

READ  Vincent Pollore sostituisce Hervey Cutekno, leader del "Torneo di Parigi" e del "JDT".