Dicembre 5, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

175 anni di Siemens: la sede dell’azienda nella sala macchine del settore

175 anni di Siemens
La sede dell’azienda è nella sala macchine dell’industria

Ciò che è iniziato in un laboratorio sul retro di Berlino con la costruzione di cavi index migliorati, ora viene digitalizzato dall’industria. Enorme successo nell’esportazione odierna della tecnologia “made in Germany”, Siemens ha dovuto reinventarsi più di una volta nei 175 anni di storia dell’azienda.

Infatti, quattro società tedesche nell’indice DAX possono festeggiare il loro 175° compleanno il 1° ottobre. Perché allora sarà l’anniversario dell’accordo di partnership avviato da Siemens. Oggi, il gruppo tradizionale sta aiutando le aziende di tutto il mondo nella quarta rivoluzione industriale, costruendo infrastrutture intelligenti e un mercato per i servizi digitali. Lungo la strada, Siemens è passata di mano ancora e ancora e ha aiutato altre tre società DAX nel mondo.

Sta diventando difficile spiegare Siemens in modo chiaro, perché la digitalizzazione e il software per l’industria e le infrastrutture svolgono un ruolo sempre più importante nel gruppo. E gran parte di ciò che era associato a Siemens, come telefoni cellulari, telefoni, frigoriferi o turbine di centrali elettriche, Monaco non viene più prodotto oggi.

Marche: treni e sistemi ferroviari

È ancora più facile con la più piccola delle tre sezioni di base, il pendolarismo: treni e infrastrutture ferroviarie. Forse il punto di contatto diretto più importante con il consumatore medio, anche se i clienti qui provengono da intere città, aziende o paesi. Anche qui le cose si fanno sempre più digitali, dalla manutenzione predittiva grazie all’intelligenza artificiale (AI) alle reti per la gestione dell’inventario dei treni, delle prenotazioni e della vendita dei biglietti.

Dì addio a cellulari e frigoriferi: dopo l’inizio del millennio, il gruppo con sede a Monaco si è specializzato nello sviluppo di soluzioni software intelligenti nei settori della mobilità, industriale ed energetico.

(Foto: Photo Alliance / dpa)

Ma Siemens ha recentemente guadagnato la maggior parte dei suoi soldi nella divisione delle industrie digitali, lontano dai consumatori. Riguarda le fabbriche e le linee di produzione e le loro simulazioni, il rilevamento e la risoluzione dei problemi prima che si verifichino e il monitoraggio e l’ottimizzazione costanti della produzione, nonché in termini di consumo di risorse ed energia. Intelligenza artificiale, immagini digitali della realtà e soluzioni cloud sono gli strumenti qui. “Possiamo connettere il mondo digitale e quello reale in un modo che nessun’altra azienda ha mai visto”, sottolinea il CEO Roland Bosch. Ad esempio, Siemens è stata coinvolta nella rapida costruzione di stazioni di vaccinazione contro il coronavirus e sta lavorando con Daimler per creare una fabbrica di automobili del futuro.

Lavorando sull’industria del Metaverso

I seguenti obiettivi sono già stati fissati: Insieme al produttore di schede grafiche e allo specialista di chip AI Nvidia, Siemens vuole sviluppare una sorta di metaverso industriale e combinare i suoi modelli digitali con una rappresentazione più realistica e l’IA in tempo reale di Nvidia. Questo “aprirà letteralmente un’altra dimensione” della digitalizzazione, il CEO Bush è entusiasta. “Esperti da tutto il mondo possono lavorare insieme virtualmente lì, come se fossero in una stanza, ottenendo così di più, più velocemente e in modo più sostenibile.”

Allo stesso tempo, il gruppo sta costruendo un ecosistema sotto il nome Xcelerator, in cui vengono offerti non solo i propri servizi, ma anche i servizi di fornitori di terze parti e la comunicazione con loro. E se ti piace, non devi nemmeno acquistare hardware e software, ma puoi acquistarlo come pacchetto completo come servizio.

Nel frattempo, il passaggio al digitale è andato troppo oltre per alcuni. Jürgen Kerner, chief trustee di IG Metall e membro del consiglio di sorveglianza di Siemens, ha affermato ad agosto che “Siemens non diventerà mai una pura società di software” e ha sollecitato investimenti anche nella produzione in Germania. Uno dei principali punti di forza di Siemens è rappresentato in entrambi i mondi. Grazie al suo hardware, il gruppo è già nella sala macchine del settore, dove i concorrenti di puro software volevano semplicemente andare.

Lontano dall’immagine del negozio generale

“Quello che chiediamo è che ci reinventiamo costantemente, anticipiamo le nuove tecnologie e tendenze, e rimaniamo attivi e non riposiamo sugli allori”, afferma Bush. “Vogliamo anche svolgere un ruolo di primo piano in tutto il mondo per i prossimi 175 anni”. Negli ultimi anni, questo rinnovamento si è mostrato non solo negli sviluppi spesso digitali e focalizzati su temi come la protezione del clima e la conservazione delle risorse, ma anche in una ristrutturazione radicale. Mentre altre società stavano lottando con la crisi del Corona, Siemens ha dovuto affrontare una stabilità sorprendente, il gruppo ha completato il progetto di messa a fuoco.

Dopo uno sgradevole inizio del nuovo millennio con uno scandalo di corruzione e un pessimo periodo di attività, Siemens ha voluto allontanarsi dall’immagine di un emporio che produce di tutto, dai telefoni cellulari alle turbine a gas. Questo è anche il motivo per cui sono già citate altre due società DAX.

Quattro società DAX, una storia comune

Con Siemens Healthineers e Siemens Energy, l’azienda con sede a Monaco di Baviera con radici a Berlino ha introdotto sul mercato negli ultimi anni la tecnologia sanitaria e la tecnologia energetica. Entrambi sono abbastanza grandi da essere inclusi in DAX stessi. E nessuno dei due sarebbe esistito se il 1 ottobre 1847 non fosse stata costituita una società, che all’inizio – per motivi legali – non si chiamava Siemens, ma dal nome del partner commerciale Halske.

Manca ancora il quarto set DAX. È l’unico a non prendere il nome dal fondatore dell’azienda, ma creato anche come spin-off: le radici di Infineon sono nella ex divisione semiconduttori Siemens. E tutte e quattro le società hanno un’altra particolarità in comune: il loro anno fiscale non inizia il 1 gennaio, come la maggior parte delle società tedesche, ma il 1 ottobre, come i 175 anni di storia di Siemens.

READ  Rinnovati timori di recessione: DAX ai minimi da 20 mesi