Dicembre 1, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“La Casa Bianca sul Reno”: Nicole Hester su vita, denaro e uguaglianza | intrattenimento

Nicole Hester (85) Non è “solo” la figlia di Joby Hesters (108). Lei stessa è un’attrice di successo, sia al cinema che a teatro.

BILD am Sonntag: Sono stato davanti alla telecamera per 70 anni. La posizione delle donne nel cinema sembra essere leggermente avanzata durante questo periodo. qual è il motivo?

Nicole Hester: Trovo incomprensibile questa aspirazione delle donne ad essere come gli uomini. Non è sufficiente usare bruscamente i due punti e scrivere “dentro” dopo di esso. Questo dovrebbe darci più fiducia in noi stessi? Una donna deve essere buona – ed è buona. Ma trovo che le liste per la posta in gioco ei due punti mi sembrino davvero incomprensibili.

2002: Nicole Hesters (allora 65enne a destra) con il padre Joby (99) e la moglie Simon Reethel (53)

Foto: PB Archives/Getty Images

Le donne spesso vengono pagate meno degli uomini.

Hester: “Penso che sia ingiusto e ci ho provato anch’io. Ho recitato un ruolo da protagonista dopo l’altro e ho ricevuto compensi sempre più piccoli. Ma i soldi mi sono bastati. Ero felice quando ero responsabile della serata sul palco. E i soldi non me lo hanno dimostrato”.

I problemi di Corona sono emersi durante le riprese della “Casa Bianca sul Reno”. Dovevi stare nella tua stanza per una settimana. Come ti sei sentito?

Hester: “Creativo. Sono andato a fare una passeggiata alle cinque del mattino. Dopo aver letto tutti i libri, dopo quattro giorni ho iniziato a dipingere l’unico quadro nella stanza: c’era un rametto di timo sopra. Poi all’improvviso mi sono spaventato Perché devi sapere: non so disegnare affatto”.

Hesters interpreta il proprietario dell'hotel

Hesters interpreta il proprietario dell’hotel in “Dasweiße Haus am Rhein” (lunedì, 20:15, Das Erste). Il vero Rheinhotel Dreesen (foto sotto) era anche una delle dimore preferite di Hitler

Foto: ARD Degeto / SWR / WDR / Zeitsprung Film / Krzysztof Wiktor

Lavori anche con molti giovani colleghi al cinema.

Hester: Tutti sono giovani rispetto a me.

Rispetto a quando hai iniziato la tua carriera, è più difficile ora che hai appena iniziato?

Hester: “Oggi a teatro è molto più difficile perché la professione è gestita molto più facilmente. Sono sicuro di avere un vecchio contegno, ma penso che l’educazione sia molto importante. Disciplina, rispetto e dignità sono cambiati incredibilmente. giorni, e potrei averne molti di più. “La gente mi guarda in modo strano quando mi rivolgo ai miei giovani colleghi per nome. Ma è così che sono cresciuto. Ora le persone vivono con i loro cellulari e ci sono sempre meno chiamate”.

Hai anche uno smartphone, vedo…

Hester: “Sì, non ho bisogno di uno smartphone per il mio lavoro, te lo giuro. Ma per la vita di tutti i giorni. Ad esempio in banca non incontro più persone. E le macchine sono per lo più rotte”.

Foto: COSTRUISCI

Ti piace guardare indietro?

Hester: “No, vivo ora. E non posso prevedere il futuro. Tutto quello che so è quello che succede a tutti noi. Niente di più. Potrebbero esserci ancora dei cambiamenti per me, ma per ora sono soddisfatto”.

Per modifiche intendi l’addio al teatro o al tuo lavoro?

Hester: “No, voglio dire addio alla mia vita come la conosco. Devo lasciare il mio appartamento, dove ho vissuto metà della mia vita e cresciuto i miei figli, e la mia salute non dura”.

Hai dei geni forti.

Hesters: “Lo sento sempre. Ma cosa significa? Nemmeno questa è una garanzia. E voglio davvero essere 108 come il mio meraviglioso padre? Mi piacerebbe vivere finché posso essere io stesso responsabile di tutto E quando non ce la farò più, spero di dormire e non svegliarmi mai più.

Questo articolo è di BILD am SONNTAG. L’intera edizione e-paper è disponibile qui.

READ  Michael Wendler ha un tatuaggio di Laura - persone