Settembre 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Vedere la progressione della SM può diventare una cura

  1. Pagina iniziale
  2. Zuccherato
  3. Gottinga
  4. Gottinga

creatura:

a: Thomas Kobatz

Grande privilegio per un ricercatore di Gottinga: il professor Alexander Flugel del Centro medico universitario di Gottinga (UMG) ha ricevuto il Premio Sobeck per la sua ricerca pionieristica sulla sclerosi multipla (SM) – dalle mani del Dr. Hans C. Reiter del Ministero della Scienza del Baden-Württemberg. © Amsel / Frank Eppler / NH

Un ricercatore di Göttingen sta lavorando su approfondimenti diretti sullo sviluppo della sclerosi multipla. Questo potrebbe portare a un nuovo trattamento.

Göttingen – Sclerosi multipla – Sclerosi multipla in breve – una malattia con 1.000 volti, imprevedibile, a volte ferma o in rapida progressione – con conseguenze devastanti per le persone colpite. I focolai fatali dell’infiammazione nel sistema nervoso centrale (SNC) che caratterizzano la SM possono ora essere facilmente visualizzati e identificati.

Ma le intuizioni dirette sul focus dell’infiammazione e su cosa sta succedendo non sono state possibili per molto tempo. Il ricercatore Alexander Flugel ci lavora a Gottinga da molti anni.

Oggi può osservare direttamente ciò che sta accadendo nei siti di infiammazione del sistema nervoso centrale e persino lo sviluppo della SM. Questo porta a una migliore comprensione della malattia. Ciò è reso possibile da una tecnica di microscopia proprietaria che lui e il suo team hanno migliorato. I risultati di questa ricerca potrebbero essere utili anche per le persone con SM. Ce ne sono circa 2,5 milioni in tutto il mondo.

I risultati di Alexander Flugel, che dal 2008 è professore di neuroimmunologia e direttore dell’Istituto di neuroimmunologia e ricerca sulla sclerosi multipla presso l’University Medical Center Göttingen (UMG), portano a una nuova prospettiva sulla SM cronica: la sclerosi multipla può essere visto come un processo sistemico piuttosto che una semplice reazione immunitaria confinata al sistema nervoso centrale, affermano i giurati della Fondazione Sobeck, che ora hanno incoronato l’uomo di Gottinga con un importante premio. I risultati della ricerca di Flugel offrono “la possibilità di mettere in scena i processi patologici in modo più differenziato e quindi di influenzarli terapeuticamente in modo più efficiente”, hanno proseguito gli esperti della giuria di Sobek. Il professore dell’UMG ha ora assegnato il più grande premio europeo per la ricerca nella ricerca di base sulla sclerosi multipla, assegnando 100.000 euro.

READ  Tra nutrimento e abuso di potere: cosa è permesso fare ai terapeuti e non farlo

Il metodo pionieristico della microscopia intraorbitale sviluppato da Flugel ha creato le condizioni per l’osservazione diretta dei processi nel sistema nervoso centrale. Per fare ciò, ha etichettato le cellule T antigene-specifiche con una proteina fluorescente verde per renderle visibili nell’organismo quando sono entrate nel sistema nervoso centrale.

In combinazione con la microscopia a due fotoni, è riuscito per la prima volta nell’imaging dei modelli di mobilità dei linfociti T fino all’attraversamento della barriera ematoencefalica in un modello in vivo. In questo modo, Flügel è stato in grado di descrivere il movimento dei linfociti T patogeni lungo le meningi e le basi molecolari dietro il “movimento dei linfociti T” associato alla malattia.

Anche la sua scoperta che le cellule T autoaggressive, che sono dirette contro il proprio corpo, possono manovrare quasi facilmente attraverso il tessuto nervoso denso fino a quando non incontrano macrofagi locali (grandi cellule del sistema immunitario) e vengono attivate da loro. Questo innesca una reazione a catena immunitaria che segna l’inizio effettivo della malattia. Pertanto, il suo metodo consente una visione diretta di ciò che sta accadendo nei siti di infiammazione nel sistema nervoso centrale.

Il capo del Ministero della Scienza, della Ricerca e delle Arti del Baden-Württemberg, Hans J. Reiter, dei successi di Flugel alla cerimonia di premiazione con le meravigliose parole: “Il tuo lavoro è un pezzo così importante del puzzle per identificare la sclerosi multipla, persino Reiter dice: ‘Grazie alla tua ricerca, speriamo che questa malattia possa essere curabile un giorno .'”

Questo è anche l’impulso per Alexander Flugel, che, con il suo team e i risultati della ricerca di base, vuole far progredire la ricerca applicativa e, infine, passare al lavoro clinico, ovvero alla diagnosi e al trattamento, ovvero al trattamento. (Tommaso Kubitz)

READ  La NASA invia piccoli satelliti sulla luna

Sulla persona: Dott. Ala di Alessandro

Sig. Dott. Ala di Alessandro Nato a Erlangen nel 1965, ha studiato medicina a Monaco di Baviera e ha conseguito il dottorato di ricerca con lode in chimica fisica e biologia cellulare. Dal 1994 si è concentrato sulla neuroimmunologia presso il Max Planck Institute for Neurobiology. Dopo due anni clinici, si è dedicato interamente alla ricerca di base e ha diretto il Laboratorio di Neuroimmunologia Cellulare e Molecolare a Martinsried. Dal 2008 è Direttore dell’Istituto di Neuroimmunologia e Ricerca sulla Sclerosi Multipla presso l’Ospedale Universitario di Göttingen. Pubblica i suoi lavori su rinomate riviste internazionali e partecipa a livello dirigenziale a comitati scientifici in tutta Europa. Il Consiglio europeo della ricerca (CER) finanzia la sua ricerca sulla sclerosi multipla con una sovvenzione avanzata dal 2021. Inoltre, Flügel ha ricevuto forti finanziamenti per la ricerca ed è stato incorporato in diversi progetti congiunti. (tco)

Contesto: sclerosi multipla (SM) – la sua origine non è ancora chiara e l’interazione di molti fattori

La causa della SM non è (ancora) chiara. Sospettato di una combinazione di cause. Sembra che diverse condizioni debbano confluire affinché si sviluppi la SM. L’esatta interazione tra questi fattori non è sufficientemente nota. Il sistema di difesa del corpo, il sistema immunitario, gioca un ruolo centrale in questo. Il sistema immunitario protegge dagli agenti patogeni rendendoli innocui una volta che entrano nel corpo. Nella SM, parte di questo meccanismo di difesa sembra essere mal programmato, il che significa che è diretto contro il corpo sano di un individuo. Un difetto del sistema immunitario porta anche alla formazione di elementi di difesa (cellule, proteine/anticorpi e sostanze infiammatorie) che possono causare danni e disgregazione della mielina, dei neuroni e delle loro fibre nervose.

READ  Perché un piccolo cubo dovrebbe creare un "momento storico".

Anche il coinvolgimento di fattori genetici non può essere escluso ed è oggetto di ampie indagini. Ciò non significa, tuttavia, che vi sia un’ereditarietà diretta della malattia: ciò che viene ereditato è piuttosto una “propensione” a sviluppare la malattia, una predisposizione. Si sospetta inoltre che l’influenza di fattori ambientali come le infezioni infantili, così come altri aspetti come la vitamina D e la dieta, siano potenziali fattori che potrebbero aumentare questa tendenza. Le malattie autoimmuni sono spesso indicate in relazione alla SM. Al sistema immunitario è stato attribuito un ruolo importante nello sviluppo e nella progressione della SM. (tko con dmsg)