Dicembre 5, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Vacanze in Italia: un libro di viaggio essenziale sull’Alto Adige – Viaggi

Il residente della casa di vetro può lanciare pietre? L’albergatore Michel Costa, che gestisce un hotel a Wallbadia, è ancora serio sul turismo nel suo nativo Alto Adige. “Esci dalla corsa!” è il titolo del suo libro, un appello contro gli sviluppi indesiderati nel turismo. E Costa chiede la fine di questa frenesia. Senza però una soluzione brevettata su come affrontare efficacemente gli eccessi del turismo in Alto Adige.

Questo naturalmente colpisce Costa, che gestisce con la famiglia l’hotel “La Perla” di Corvara. Un uomo che perfeziona il lusso nel suo hotel appartenente al gruppo “Leading Hotels of the World” e si fa beffe degli eccessi del turismo di massa? In altre parole, di persone che vogliono viaggiare nelle Dolomiti, ma che non spendono esattamente 600 euro a notte per una camera doppia, così da poter sostenere il concetto di turismo che mantiene il personale, i fornitori e il percorso locale. La vita è particolarmente importante. A parte il fatto che l’equilibrio ambientale degli hotel di lusso è molto scarso a causa del consumo energetico molto elevato per ospite.

Michil Costa conosce questo problema. Ma questo lo squalifica dal pensare a vie d’uscita dall’attuale miseria? Raramente: il cambiamento è sempre positivo se viene dall’interno. Non c’è consenso nella regione del nord Italia, soprattutto non politicamente, sul fatto che il turismo in Alto Adige abbia bisogno di un cambiamento. Ma la sofferenza dei residenti continua ad aumentare.

Hotspot di Instagram: negli ultimi anni il Lago di Braies è stato invaso dai turisti, motivo per cui ora solo un numero limitato di auto può entrare nel lago di montagna in Val Pusteria.

(Foto: Imago/Foto IPA)

Il traffico pesante è da tempo un grosso problema, così come i prezzi elevati degli immobili e – da non sottovalutare – la sensazione di essere una figura minore nella propria terra d’origine a meno che non si faccia parte della folla turistica.

Michelle Costa fa questi due punti: Si può prevenire la perdita della propria identità culturale se ne è consapevole e la comunica agli ospiti. Anche la congestione del traffico dovrebbe essere evitata. Costa Brenner fa riferimento alla galleria di base, che dovrebbe essere completata tra una decina d’anni, e insiste affinché i collegamenti siano ora realizzati nelle separate valli altoatesine.

Calcola che il cicloturismo, ancora sottovalutato dai politici regionali del turismo, può sfuggire al traffico – solo se la durata del soggiorno di questi vacanzieri è significativamente più lunga del pernottamento medio; Questo da solo riduce significativamente il traffico in arrivo e in partenza. Se si rende più attraente il cicloturismo vietando più di prima il trasporto privato motorizzato nei passi dolomitici, molti effetti si rafforzeranno a vicenda: più protezione della natura, meno inquinamento acustico, meno congestione del traffico, più rispetto – dopotutto, molto è correlato . Molto.

L’obiettivo principale di Michelle Costa è l’ospitalità. Ha delle idee molto precise, molto rigide al riguardo, non facilmente trasferibili in ogni bed and breakfast. Ma uno dei suoi pensieri sembra estremo ma vale universalmente: “L’ospite non è affatto sempre perfetto”, scrive Costa a un certo punto. Significato: gli albergatori e i loro dipendenti non dovrebbero sopportare tutto e non dovrebbero umiliarsi inutilmente. Ciò include la fiducia in se stessi – che ovviamente dovrebbe essere oscurata da un risultato che ci sta dietro – e l’onestà. Perché l’ospite non deve essere ingannato, dice Costa. Gli piace servire il maiale altoatesino. Ma genuino, prodotto tradizionalmente e non da maiali ingrassati in condizioni dubbie in Ungheria, e portano solo l’etichetta. Allontanarsi dall’immagine di marketing verso un atteggiamento di base, questo è il credo di Costa. Impara che in ogni modo non è conforme all’ideale che presenta.

Mitchell Costa: Esci dal trambusto! Il turismo è un appello contro la monocultura. Tradotto dall’italiano da Annette Rubesamen. Raetia Verlag, Bolzano 2022. 204 pagine, 17,90 euro.

READ  L'INARRESTABILE RAJEEV LAKHANPAL