Ottobre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un’enorme cometa che sfreccia verso il sole: l’hai vista anche tu?

  • aTanya Banner

    Chiudere

La cometa C/2017 K2 ha battuto i record quando è stata scoperta nel 2017. Ora si sta avvicinando alla Terra e può già essere vista utilizzando piccoli telescopi.

Francoforte – È stata scoperta già nel 2017, ma ora la cometa C/2017 K2 (PanStarrs) è interessante solo per gli osservatori sulla Terra. Il motivo: il 14 luglio 2022, la cometa, soprannominata K2, ha raggiunto la posizione più vicina nella sua orbita alla Terra, ed era particolarmente facile da osservare dalla Terra – e questo è ancora possibile fino all’autunno, Come scrive il padre.

La cometa K2 è eccezionale: quando è stata individuata per la prima volta dal sistema del telescopio PanStarrs alle Hawaii nel 2017, si pensava che fosse la cometa più lontana scoperta nel suo cammino verso l’interno del sistema solare. A quel tempo si trovava tra le orbite di Saturno e Urano, a circa 2,4 miliardi di km dal Sole. Ora si trova nel sistema solare interno e si sta già avvicinando al punto più vicino, a circa 270 milioni di km dalla Terra. Da allora ha continuato a volare verso il sole. La cometa raggiungerà il punto più vicino al Sole, il cosiddetto perielio, il 19 dicembre 2022.

Cometa C/2017 K2 (PanStarrs): quando e come monitorare al meglio una cometa

Questa è una buona notizia per gli osservatori nell’emisfero settentrionale della Terra: con un piccolo telescopio, la cometa dovrebbe essere visibile per tutta l’estate. Tuttavia, il momento migliore per osservare non era il giorno della posizione più vicina, il giorno prima Era la più grande luna piena dell’anno (luna gigante) nel cielo, e prendere appunti difficili a causa della sua luminosità. Pochi giorni dopo, la luna sorse dopo mezzanotte, quindi il cielo era più scuro e la cometa era meglio chiusa.

READ  Questi segnali di pericolo indicano l'aterosclerosi

Ma come si trova il colpevole? Può essere trovato nel sud dopo il tramonto. Rimane nella costellazione dell’Ofiuco fino a circa la fine di luglio, dopodiché si avvicina alla stella Acrab nella costellazione dello Scorpione. Verso la metà di settembre, al buio, non si alza più tanto sopra l’orizzonte da poter essere visto bene. Software di astronomia gratuiti e app come “Stellarium”, “SkySafari” o “Star Walk” possono essere utilizzati per determinare la posizione esatta di una cometa.

Guarda nelle profondità dell’universo: ecco come Hubble vede l’universo

Guarda nelle profondità dell’universo: ecco come Hubble vede l’universo

Cometa C/2017 K2 (PanStarrs): cosa possono vedere gli osservatori in un telescopio

Chi osserva la cometa con un piccolo telescopio dovrebbe essere in grado di vedere una macchia di luce diffusa o confusa (coma coma) attorno al nucleo della cometa C/2017 K2 in un cielo adeguatamente scuro. Osservatori esperti potrebbero essere in grado di vedere la chioma (la foschia e la polvere che si accumulano attorno al nucleo di una cometa) più grande di molte altre comete. Parte della coda della cometa può anche essere visibile nel telescopio. Le lunghe esposizioni di una cometa dovrebbero mostrare sia la cometa che la sua coda in tutto il loro splendore.

Guarda la cometa dal vivo

Se non hai un telescopio ma vuoi comunque osservare una cometa, troverai quello che cerchi su Internet: DAS Il progetto del telescopio virtuale mostra la cometa in una trasmissione in direttaA partire dal 15 luglio alle 12:15

La cometa C/2017 K2 (PanStarrs) ha battuto i record quando è stata scoperta

Le comete sono per lo più roccia e polvere tenute insieme dal ghiaccio. Quando una cometa si avvicina alle gelide zone esterne del sistema solare, il ghiaccio si riscalda e sublima, la cometa diventa energetica e inizia a scaricarsi. Appaiono la chioma e la caratteristica coda della cometa. La cometa C/2017 K2 era già attiva quando è stata scoperta nel 2017, anche se si trovava ancora a 2,4 miliardi di chilometri dal Sole.

READ  Vitamina D, quando i preparati aiutano e quando no, Apotheken Umschau, Gütsel Online, OWL live

Tuttavia, la prima attività della cometa sembra avere poco a che fare con il Sole. Dopo aver osservato le comete con il “telescopio spaziale Hubble” nel 2017, il ricercatore capo David Jewett dell’Università della California ha affermato che questa attività è dovuta invece alla sublimazione del supermateriale quando il K2 è entrato per la prima volta nella regione planetaria del sistema solare. Ecco perché è così speciale. Questa cometa è così lontana e così fredda che l’acqua ghiacciata è congelata come rocce”.

Scoperta una cometa più lontana

Intanto con Bernardinelli-Bernstein è la cometa più lontana del sistema solare (4,4 miliardi di km dal Sole). lo è anche lui Già attivo e diretto nel sistema solare. Tuttavia, non è più vicino al sole di quanto lo sia all’orbita di Saturno.

Le prime osservazioni telescopiche della cometa C/2017 K2 hanno indicato che la cometa potrebbe avere un nucleo di 30-160 chilometri di diametro. Tuttavia, successive osservazioni utilizzando il telescopio spaziale Hubble della NASA hanno mostrato che il nucleo potrebbe essere più piccolo, circa 18 chilometri o meno. Un altro segno che una cometa può essere grande (o almeno molto attiva) è la dimensione della sua chioma: il suo diametro è di 130.000 km – 10 volte il diametro del pianeta Terra. Le osservazioni presumono anche che la sua coda sia lunga circa 800.000 chilometri.

La cometa C/2017 K2 (PanStarrs) è stata ripresa dalla NASA e dall’ESA Hubble Space Telescope nel giugno 2017. Visibile è il nucleo di una cometa circondato da una chioma diffusa e misteriosa. (foto d’archivio)

© NASA, ESA e D.Guitt (Università della California)

I nuclei delle comete hanno solitamente una dimensione fino a tre chilometri – K2 è più grande

La maggior parte delle comete ha nuclei con un diametro da uno a tre chilometri. Alcuni di loro possono anche avere una dimensione fino a 16 chilometri. La famosa cometa Hale-Bopp ha un diametro di 60 chilometri e Bernardinelli-Bernstein è larga circa 150 chilometri. Come Bernardinelli-Bernstein, si ritiene che la cometa C/2017 K2 abbia avuto origine nella Nube di Oort ai margini del Sistema Solare. Da lì stava viaggiando all’interno del sistema solare circa tre milioni di anni fa. (scheda)

READ  Notizie attuali sulla demenza: la scoperta di un virus nel cervello degli anziani! L'herpes causa il morbo di Alzheimer?