Ottobre 5, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una costituzione radicalmente progressista: il Cile è di nuovo un laboratorio

Tre anni fa, decenni di malcontento sono esplosi nelle strade del Cile. Ora la popolazione vota su una costituzione che intende sostituire il testo della dittatura militare. Le visioni sono grandiose, così come le paure. E dopo il voto di oggi può succedere quasi tutto.

Le immagini che corrono sui social network e lampeggiano sugli schermi televisivi poco prima del fine settimana della decisione sono immagini di violenza. Nel centro di Santiago del Cile, sull’ampio marciapiede del centro di Alameda, una dozzina di giovani si avvicinano a un adulto e lo picchiano. Cade a terra, lo prendono a calci. Il nome dell’uomo è Simon Borek, addetto stampa alla Chilean State University. Subisce lievi ferite. Non lontano, una trentina di uomini mascherati hanno allestito barricate, lanciato bombe molotov e si sono scontrati con la polizia. Vogliono ottenere condizioni educative migliori.

A circa 200 metri di distanza, Gabriel Borek, il fratello 36enne di Simon, è seduto nel palazzo presidenziale dallo scorso marzo. il suo statoCome ha più volte sottolineato l’ex leader studentesco, dipende da cosa accadrà alla nuova costituzione, che intende sostituire il testo giuridico della dittatura militare del generale Augusto Pinochet. L’intero Cile dovrebbe prendere una decisione su questo in un referendum oggi, 3 settembre. Anche l’istruzione pubblica, che è in gran parte privatizzata come molte cose in Cile, deve essere potenziata.

Per diversi mesi, l’Assemblea Costituente ha lavorato alla realizzazione della nuova Magna Carta. Il primo è un simbolo di dittatura militare, repressione e omicidio, un simbolo che deve sparire. La maggior parte di loro è d’accordo. Ma non si tratta di come dovrebbe apparire in dettaglio il nuovo testo.

Le bombe molotov sono volate verso la polizia.

(Foto: IMAGO / Aton Cile)

I due incidenti avvenuti nel centro della capitale cilena potrebbero essere solo due dei tanti segnali di ciò che il Cile ha in serbo per i prossimi mesi. Ancora una volta, il Paese è diventato un laboratorio politico, ma questa volta non gestito dai liberali economici nordamericani, i cosiddetti “Chicago Boys”. Ma per gli stessi cileni, l’obiettivo della coalizione di sinistra Borek è quello di stabilire rapidamente uno stato sociale sulla base del modello europeo. Il desiderio per essa si basa soprattutto sulla prosperità ineguale distribuita, che la gente comune ha ottenuto in un modello economico neoliberista, da cui però riceve relativamente poco in generale.

READ  Guerra in Ucraina in diretta il 31 marzo: l'ambasciatore ucraino lancia un attacco diretto a Ritter Sport

La precedente costituzione ne è la base. Vede uno stato ristretto come un puro custode delle regole, che dovrebbe interferire il meno possibile negli affari sociali ed economici. Le questioni primarie sono organizzate in modo diverso nel nuovo testo, compreso l’accesso all’acqua potabile, la protezione dell’ambiente, il sistema sanitario ei diritti espliciti delle popolazioni indigene. I critici si aspettano una recessione economica a causa della nuova costituzione. D’altra parte, i sostenitori considerano imperativo uno stato più responsabile per soddisfare le esigenze del cambiamento climatico e dei problemi sociali.

Tanto lavoro per il futuro

L’acqua, ad esempio, è stata finora privatizzata in Cile ei suoi diritti sono spesso nelle mani delle società che la utilizzano commercialmente. Il diritto all’acqua potabile non è costituzionale, ma il possesso è un diritto. Allo stesso tempo, dal 2010 il Paese sta vivendo sempre più siccità a causa della cosiddetta mega-siccità. Intere regioni del Paese soffrono da anni di carenza di acqua potabile, che viene fornita da autocisterne a caro prezzo.

Nel 2019, la rabbia secolare per gli squilibri sociali, le tendenze autoritarie nelle istituzioni democratiche e le ferite non rimarginate dai tempi del colpo di stato di Pinochet e della sua eredità è aumentata. Scaricali per le strade del Cile. Per diversi mesi, le persone a Santiago hanno combattuto battaglie di strada con la polizia. Ad un certo punto, il governo ha indetto un referendum, in cui l’80 per cento ha deciso di redigere un testo costituzionale completamente nuovo senza la partecipazione di politici eletti.

Prima di questo “Estallido Social” (“Social Outburst”), a seconda di chi ne parlava, il Cile era descritto o come un vile laboratorio del neoliberismo, dove la popolazione era ridotta in schiavitù a beneficio dell’élite secondo tutte le regole del capitalista arte. o rispettabile Come paese modello in Sud America, che, con un’economia di libero mercato e un piccolo Paese, si è fatta strada nella cerchia delle brillanti nazioni industriali, diventando così l’unico membro dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico nel continente. Non c’era niente tra loro.

READ  Nuovo vaccino Corona: Approvazione del vaccino "convenzionale" a base di proteine ​​che è stato richiesto

Se il popolo cileno approva la nuova costituzione, il governo e il Congresso dovranno modificare di conseguenza l’intero elenco di leggi. È probabile che anche la magistratura sia fortemente coinvolta in questo processo. Tra l’altro, la definizione del Cile come Stato plurinazionale è controversa. Circa il 13 per cento dei cileni si identifica come indigeno. Il progetto di costituzione concede loro diritti di autogoverno, inclusa la propria giurisdizione.

672293d5048da8b37ebbb10fb9dd0b2b.jpg

Capo mapuche Hector Letul (a destra, fascia blu)

(Foto: AP)

Nel sud del Paese c’è un’emergenza militare – sempre – dall’anno scorso, perché gli indigeni Mapuche non vogliono riconoscere le istituzioni statali e vogliono che le aziende forestali vengano espulse dalle loro terre di origine. Ci sono gruppi estremisti tra i Mapuche che vogliono che i loro ex territori si separino dal governo di Santiago. Ciò solleva preoccupazioni tra le persone non indigene che vivono nelle aree, nonché tra le imprese che vi operano.

L’argomento è politicamente molto esplosivo. Più recentemente, la polizia ha arrestato il leader indigeno più famoso, Hector Letul, con l’accusa di furto di legname, cospirazione e resistenza alle autorità. È un simbolo della resistenza armata nel cuore dell’ex regione Mapuche. Un ministro che in precedenza aveva cercato di parlare con il Lytol attraverso canali privati ​​è stato costretto a dimettersi.

Cosa succede dopo?

Nei recenti sondaggi d’opinione, gli oppositori della costituzione hanno guidato di circa il 10%. I gruppi di sinistra e progressisti hanno dominato l’Assemblea costituente. Questo potrebbe essere esattamente ciò che ti infastidisce in questo momento, perché i conservatori stanno prendendo in considerazione singoli punti e li criticano con veemenza, a volte addirittura distorcendoli completamente. Inoltre, molti elettori moderati non si sentono rappresentati, l’organizzazione civica di centrosinistra “Amarillos por Chile” sotto la direzione del professore di lettere e giornalista Cristián Warnken riceve un forte sostegno; Richiede cambiamenti più moderati e graduali.

9c191557c0afe1c1e1ec31a925fe3027.jpg

Centinaia di migliaia di persone hanno partecipato alla manifestazione di chiusura della campagna “Aprebo” nel centro di Santiago.

(Foto: Reuters)

Al momento del primo referendum nel 2020, c’era un forte umore per il cambiamento e molti cileni più anziani non avevano votato a causa della pandemia. La partecipazione è stata volontaria, con un’affluenza del 50 per cento. Il voto è ora obbligatorio e i sondaggisti si aspettano un’affluenza di oltre il 60%. I cileni più giovani, in particolare, vogliono il cambiamento perché si sentono addomesticati e privati ​​delle vecchie strutture sociali e delle élite. Il risultato dipenderà da quanti elettori hanno un’età compresa tra i 18 ei 30 anni e se molti elettori più anziani, che tendono ad opporsi al nuovo testo, andranno alle urne.

READ  Guerra in Ucraina: il vice Bild Paul Runzheimer litiga con Sahra Wagenknecht a Lans - Politica interna

Modelli matematici di calcolo per due istituti di ricerca d’opinione Previsioni climatiche Al momento dell’ultimo sondaggio, “Apruebo”, cioè i sostenitori, ha vinto. Nel primo referendum e nelle elezioni presidenziali, le loro previsioni, che si basano tra l’altro sulle interazioni nei social network, erano molto più vicine al risultato successivo rispetto ai soliti sondaggi di opinione.

Il risultato potrebbe essere molto vicino. Se la nuova costituzione verrà adottata, ci sarà una protesta tra i conservatori e in seguito potrebbero esserci proteste o rivolte. Se il campo “Rechazo”, il rifiuto, vince, viene creata una sceneggiatura completamente nuova o viene rivista la prima versione. Inoltre, come nel 2019, dovrebbero esserci grandi disordini e risse di strada. Così, il Cile deve affrontare un’altra prova acida. Perché la violenza, come il colpo di stato di Pinochet nel 1973, o nel 2019 nelle strade, può portare a cambiamenti politici in Cile.