Febbraio 8, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un calciatore iraniano rischia l’esecuzione per aver parlato a nome delle donne | gli sport

Sul campo ha lottato per la sua squadra. Nel suo nativo Iran, ha fatto una campagna per i diritti delle donne.

Amir Nasr Azadani (26 anni, Tractor SC) è ora minacciato di esecuzione.

Lunedì sera, Fifpro (un sindacato con oltre 65.000 membri) ha twittato:

Qui è dove troverai i contenuti di Twitter

Per interagire o visualizzare i contenuti di Twitter e altri social network, abbiamo bisogno del tuo consenso.

“Fifpro è scioccata e disgustata dalle notizie secondo cui il calciatore professionista Amir Nasr Azadani rischia l’esecuzione in Iran dopo aver fatto una campagna per i diritti delle donne e le libertà fondamentali nel suo paese. Siamo solidali con Amir e chiediamo la sua rimozione immediata”.

In relazione alle proteste in Iran, che vanno avanti da quasi tre mesi, si dice che Amir Nasr Azadani sia ora sulla lista delle vittime delle autorità giudiziarie. Sebbene i media statali lo abbiano negato martedì, un tribunale lo ha accusato di “fare guerra a Dio”.

Secondo la fatwa islamica, questa accusa è punibile con la morte. Di conseguenza, molti iraniani sui social media, inclusi gli ex professionisti della Bundesliga Ali Karimi e Mehdi Mahdavikia, temono che alla fine verrà giustiziato.

“Fretta!” I fan del Marocco adorano Van Gaal

I disordini sono iniziati alla fine di settembre, dopo la morte del 22enne Mohseh Amini. La polizia l’ha arrestata per presunta violazione delle norme in materia di foulard. Amini è morto poco dopo mentre era ancora in custodia della polizia.

parole molto chiare… Colpa della disattenzione di Noir!

Il calciatore sarebbe stato presente alle proteste che hanno ucciso l’esercito filogovernativo.

Sebbene lui stesso affermi di non aver preso parte alla rivolta, il 20 novembre ha letto quella che sospettava fosse una confessione forzata alla televisione di stato iraniana.

Resta da chiedersi se la richiesta della Fifpro avrà un impatto su un’eventuale condanna a morte. Diversi presunti manifestanti sono stati giustiziati in Iran nelle ultime settimane.

Ai Mondiali del Qatar, la nazionale iraniana ha sostenuto il movimento per la libertà in patria quando si è rifiutata di cantare l’inno nazionale nella prima partita contro l’Inghilterra.

Avviso WhatsApp!

Ecco le notizie WhatsApp dai corrispondenti BILD dal Qatar!

(Gli utenti dell’app inseriscono il seguente indirizzo nel browser del proprio smartphone: bild.de/wm-katar)

READ  Successo storico: Clemens nei quarti di finale del World Darts Championship