Febbraio 1, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

UE e lato destro nord-sud | Politica

Dall’Italia alla Svezia

L’UE e il Nord-Sud si stanno spostando a destra

Manuel Schwarz e Steffen Trumpf, Dpa

26.12.2022, 07:20

| Tempo di lettura: 5 minuti

Leader del partito di estrema destra Fratelli d’Italia: Giorgia Meloni.

Foto: Oliver Weiken/dpa

Roma/Stoccolma
L’Italia ha avuto un primo ministro di estrema destra, mentre la Svezia ha avuto per la prima volta un governo sostenuto dai populisti di destra. L’UE si sta spostando di nuovo a destra?

Un primo ministro a Roma radicato nel fascismo e un governo a Stoccolma fanno per la prima volta causa comune con i populisti di destra: Italia e Svezia si sono spostate violentemente a destra nel 2022.

Un tale sviluppo era temuto da molti a Bruxelles, dove la gente ha lottato a lungo con i governi nazionalisti di Polonia e Ungheria. Sta emergendo un nuovo fronte di destra all’interno dell’UE? La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e il cancelliere federale Olaf Scholz possono intraprendere molte azioni concrete nel 2023.

Quando Giorgia Meloni dell’estrema destra Fratelli d’Italia ha vinto le elezioni a settembre, molti europei hanno oscillato tra disagio, ansia e paura per il sindacato. La Meloni si scaglia da anni contro Bruxelles, chiedendo un approccio più duro ai migranti, criticando Berlino e Parigi e simpatizzando invece con Budapest e Varsavia. In vista delle elezioni, van der Leyen si è lasciato ingannare dicendo che Bruxelles aveva “strumenti” se l’Italia avesse causato problemi.


“I timori sono esagerati e fuori luogo”, afferma l’analista politico Wolfgang Piccoli. Almeno pubblicamente, Meloni ha fatto la differenza: a giugno, in occasione di un evento organizzato dal partito di estrema destra spagnolo Vox, ha gridato slogan anti-UE e anti-immigrati nei cuori di nazionalisti e razzisti. Campagna elettorale. Anche alcuni commentatori scherzano sul fatto che il leader dell’opposizione un tempo coraggioso stia continuando il corso del suo predecessore Mario Draghi in molti settori.




Come reagisce Melony durante i loro indici di popolarità?

In effetti, il 45enne si rende conto che c’è poco spazio di manovra. Uscire dall’UE? Nessun problema, dopotutto, l’Italia sta ancora trattenendo miliardi di euro dal fondo per la ricostruzione Corona di Bruxelles. Nessuno rinuncia a quel tipo di denaro. Meloni una volta descrisse il dittatore Benito Mussolini a 19 anni come un “buon politico” e poi – con qualche riluttanza – prese le distanze dal fascismo. Nei sondaggi la Meloni non ha nuociuto al suo aspetto moderato, anzi.

“La grande domanda sarà come reagirà Meloni quando i suoi indici di popolarità diminuiranno”, afferma Piccoli. “Allora i suoi istinti di destra si risveglieranno o si modererà?”

L’Europa ha già avvertito il presentimento di uno scontro con Roma – sicuramente su una questione profughi: la Meloni ha rifiutato la nave dei soccorritori marittimi “Ocean Viking” di SOS Méditerranée con 234 migranti in un porto in Italia, che doveva proseguire. per la Francia. Parigi è stata indignata, aspramente criticata e ha aumentato i controlli alle frontiere con l’Italia. Anche il presidente Sergio Mattarella è intervenuto per smussare la marea diplomatica. La Meloni ha però già accennato a “nuove misure” contro i soccorritori civili in mare. All’UE, insieme a Grecia, Malta e Cipro, è stato chiesto di agire contro le ONG.

Innovazione in Svezia

Anche la Svezia ha registrato un cambiamento significativo nel 2022, anche se non così drasticamente come l’Italia. Nelle elezioni parlamentari di settembre, i nazionalisti Democratici svedesi hanno ottenuto un quinto dei voti, un record.

Di conseguenza, il paese più popoloso della Scandinavia ha sperimentato qualcosa di nuovo che è visto con preoccupazione da molti nel paese: l’accordo del governo del conservatore Ulf Kristerson per assicurarsi la maggioranza necessaria per eleggere un nuovo primo ministro. Populisti di destra per la prima volta. In precedenza, i Democratici svedesi erano costantemente emarginati dagli altri partiti – ora sono il partito di supporto decisivo senza il quale il governo di minoranza conservatore non può raggiungere la propria maggioranza parlamentare.

Si diceva che una festa con radici nella scena neonazista fosse il Reichstag di Stoccolma. Il leader del partito Jimmy Akesson ha già annunciato un “cambio di paradigma nella politica di immigrazione e integrazione” e massicci tagli al numero di quote di rifugiati ammessi ogni anno. Ulteriori misure riguardanti specificamente i migranti seguiranno nel 2023.

All’inizio dell’anno la Svezia assumerà la presidenza del Consiglio dell’Unione europea. “Questo governo renderà il lavoro dell’UE una priorità assoluta”, ha promesso il ministro dell’UE Jessica Rosewall a metà dicembre. È nell’interesse della Svezia mantenere unita l’UE e compiere progressi su questioni che richiedono soluzioni comuni. Gli svedesi dovrebbero concentrarsi sulla sicurezza, sui valori democratici e sullo stato di diritto.

Ad ogni modo, la gente si frega le mani a Varsavia e Budapest più a est, non tanto per il cambio di governo in Svezia, ma per la nuova donna forte in Italia. Soprattutto, il primo ministro ungherese Viktor Orbán, ma attorno al partito di governo polacco PiS il primo ministro Mateusz Morawiecki, presta molta attenzione a Meloni. Orban vede in lei un alleato importante nella lotta contro le istituzioni europee. Il disaccordo, soprattutto, potrebbe ridursi all’eterna questione di destra della migrazione: gli estremisti italiani non possono respingere i rifugiati in altri paesi dell’UE – e Orbán non vuole accoglierli.




READ  Primi conflitti nell'alleanza di Meloni