Ucraina-Notizie: ++ Polonia e Ungheria interrompono l’importazione di grano dall’Ucraina ++

Date:

Share post:

Edoardo Borroni
Edoardo Borroni
"Fanatico di alcol esasperantemente umile. Praticante di birra impenitente. Analista."

nastro dal vivo Guerra in Ucraina

La Polonia e l’Ungheria hanno interrotto le importazioni di grano dall’Ucraina

“I blogger sono convinti che i documenti siano trapelati intenzionalmente negli Stati Uniti”

Dopo che documenti statunitensi riservati sono trapelati su Internet, l’FBI ha arrestato un sospetto, un 21enne Air National Guardsman. Il giornalista di WELT Christoph Wanner riassume gli sviluppi.

Sebbene i prodotti agricoli debbano essere esportati in altri paesi, spesso rimangono nei vicini paesi ucraini, causando silos pieni e prezzi più bassi. Il primo ministro Kaczynski conferma che la Polonia continua a sostenere l’Ucraina. Altro nel live streaming.

z.zPer proteggere la propria agricoltura, Polonia e Ungheria hanno sospeso fino alla fine di giugno le importazioni di grano e altri alimenti dall’Ucraina. rappresentanti di entrambi i paesi hanno detto sabato. A causa della guerra di aggressione della Russia, dall’Ucraina vengono esportati via mare meno prodotti agricoli. Invece, una quantità significativa di grano dall’Ucraina arriva su strada nei paesi europei vicini, tra cui la Polonia. Anche se i prodotti agricoli dovrebbero essere esportati in altri paesi, spesso rimangono nei vicini paesi ucraini, causando interi silos e prezzi drasticamente inferiori. Questo, a sua volta, spinge i contadini di Polonia e Ungheria sulle barricate.

“Dobbiamo proteggere l’agricoltura polacca”, ha detto sabato il capo del partito Legge e giustizia al governo, Jaroslaw Kaczynski, in una conferenza del partito. Allo stesso tempo, la Polonia rimane un affidabile sostenitore dell’Ucraina nella sua lotta contro l’invasione della Russia: “Rimaniamo immutati amici e alleati dell’Ucraina”. Ma l’agricoltura polacca deve essere protetta per evitare una “profonda crisi”.

Anche il ministro ungherese dell’Agricoltura, István Nagy, ha annunciato un divieto temporaneo di importazione di prodotti agricoli dall’Ucraina tramite il servizio online di Facebook. Si aspetta una soluzione dall’UE entro la fine del divieto temporaneo di esportazione alla fine di giugno. In Polonia il divieto si estende a cereali, zucchero, carne, frutta, verdura, latte, uova e altri alimenti. In Ungheria sono interessati i cereali, i semi oleosi e altri prodotti agricoli. Il ministero dell’Agricoltura ucraino si è rammaricato di questo passo. Sebbene i contadini polacchi si trovino in una “situazione difficile”, la situazione dei contadini ucraini è molto peggiore in vista della guerra di aggressione della Russia.

Qui è dove troverai i contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

Tutti gli sviluppi nel live streaming:

07:01 – Barbock: Come G-7, mostrerai determinazione sulla Russia

Secondo il ministro degli Esteri Analina Berbock, i paesi del G7 intendono continuare a opporsi fermamente all’aggressione russa in Ucraina. “Ora si tratta di mostrare (al presidente russo Vladimir) Putin la nostra determinazione a non raggiungere i suoi obiettivi attraverso l’esaurimento e la stanchezza”, ha detto Burbuck a Seoul prima di partire per il Giappone per partecipare alla riunione dei ministri degli Esteri del G7 a Karuizawa. “Come G-7, siamo forti insieme perché sappiamo esattamente cosa rappresentiamo: per un ordine internazionale in cui lo stato di diritto e il diritto internazionale abbiano la precedenza sulla legge del più forte”, ha affermato Burbock.

In qualità di “squadra di crisi costantemente funzionante”, il G7 delle democrazie economicamente potenti si è opposto all’aggressione della Russia “blocco dopo blocco: con gli aiuti invernali per il popolo ucraino, con sanzioni russe e un tetto ai prezzi del petrolio. Con il nostro sostegno, l’Ucraina ha resistito alla Russia guerra energetica e offensiva invernale”. “Quando ci incontreremo in Giappone, aumenteremo il nostro impegno”.

04:06 – Il ministro della Difesa cinese Li dovrebbe visitare la Russia per quattro giorni

Tra le discussioni sulla posizione di Pechino sul conflitto in Ucraina, il ministro della Difesa cinese Li Changfu ha in programma di recarsi in Russia domenica. La visita, su invito del Cremlino, dura quattro giorni. Il presidente cinese Xi Jinping ha visitato il presidente russo Vladimir Putin a marzo. I paesi occidentali accusano Pechino di sostenere tacitamente Mosca alla luce della guerra di aggressione della Russia in Ucraina.

La Cina afferma di considerarsi una parte neutrale nel conflitto in Ucraina. Xi finora non ha condannato l’attacco della Russia al Paese vicino, né ha parlato con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Durante la sua visita in Cina venerdì, il ministro degli Esteri tedesco Annalena Berbock (i Verdi) ha chiesto alla leadership di Pechino di esercitare influenza sulla Russia. Ha detto che la Germania vorrebbe che “la Cina agisse contro la Russia per porre finalmente fine alla sua aggressione”.

Leggi anche

4:05 – I ministri degli Esteri del G7 discutono del ruolo dell’Ucraina e della Cina in Giappone

I ministri degli Esteri del Gruppo dei Sette si incontrano domenica a Karuizawa, in Giappone, per discutere, tra le altre cose, della guerra di aggressione della Russia in Ucraina. Anche il ruolo della Cina nel conflitto, criticata dall’Occidente per essere troppo filo-russa, giocherà probabilmente un ruolo importante nei colloqui nella città a nord-est di Tokyo. Il ministro degli Esteri tedesco Annalina Berbock (Verdi), che sta partecipando alle consultazioni, sabato ha accusato Pechino di voler stabilire “le proprie regole” nella politica mondiale.

Altro tema affrontato dai ministri degli Esteri dei maggiori Paesi industrializzati è la protezione del clima. Allo stesso tempo, i ministri dell’ambiente del gruppo di paesi stanno discutendo di questo argomento a Sapporo. Gli incontri si tengono in Giappone perché il Paese detiene attualmente la presidenza del G7. A maggio si è tenuto a Hiroshima un incontro al vertice dei capi di Stato e di governo del G7. Includono Germania, Francia, Italia, Giappone, Canada, Stati Uniti e Regno Unito.

01:03 – Dieci volte più allarmi a causa di aerei russi sul Mar Baltico

La Bundeswehr ha recentemente lanciato allarmi per gli aerei russi sul Mar Baltico. Come riporta l’Air Force al quotidiano “Neue Osnabrücker Zeitung”, l’anno scorso ci sono stati 30 allarmi di questo tipo. Nel 2021 ci sono stati solo tre infortuni. Nel 2023, gli aerei militari tedeschi sono stati schierati nove volte entro la fine di febbraio a causa degli aerei russi. Tuttavia, lo spazio aereo tedesco non è mai stato violato da aerei russi, secondo “NOZ” con riferimento alle informazioni dell’Aeronautica Militare.

Un cosiddetto allarme di avvio viene attivato se un aereo entra nello spazio aereo tedesco senza permesso o piano di volo e non risponde ai messaggi radio. Quindi due Eurofighter della Luftwaffe devono identificarlo e, se necessario, scortarlo fuori dallo spazio aereo. L’aumento statistico può anche essere dovuto al maggiore coinvolgimento della Bundeswehr nella parte orientale della NATO. Dall’aprile 2022, l’Air Force è responsabile delle azioni della Coalition Joint Air Police. “In periodi in cui non c’erano intercettori tedeschi di stanza lì, ma alcuni provenienti da altri paesi della NATO, i voli non erano ovviamente inclusi nelle statistiche tedesche”, ha detto a NOZ un portavoce dell’aeronautica.

Puoi ascoltare il podcast di WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

“Kick-off Politics” è il podcast di notizie quotidiane di WELT. Argomento principale analizzato dagli editori WELT e le date di oggi. Iscriviti al podcast su SpotifyE Podcast AppleE Musica Amazon o direttamente tramite un feed RSS.

Related articles

Nuovo favorito per le vacanze: scelto come il lago più bello d’Italia

Pagina inizialeviaggiostava in piedi: 13 luglio 2024, 14:45Da: Francisca KindlPremeredivisoUna guida turistica italiana ha nominato per la nona...

Gli esami di laboratorio rivelano la presenza di sostanze tossiche

Home pageconsumatorestava in piedi: 13 luglio 2024 alle 19:09da: Romina KunziInsisteDivideLe donne si espongono regolarmente al pericolo senza...

Notizie di mercato: Desiree Doue nuovo obiettivo

Il Bayern Monaco sta preparando la sua squadra per la nuova stagione. Il Monaco punterà anche sul...

Verrà distribuito Android Auto 12.4

Android Auto 12.4 è distribuito da Google. Come sempre, potrebbe volerci del tempo prima che la nuova...