Maggio 26, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Icona del cinema italiano: Claudia Cardinale compie 85 anni

Icona del cinema italiano: Claudia Cardinale compie 85 anni

La più bella invenzione italiana dai tempi degli spaghetti o l’italiano più bello della Tunisia: la donna dal nome intelligente è già stata inondata di innumerevoli complimenti. Claudia Cardinale, nata nel Maghreb e ora di casa in Francia, si è sempre sentita italiana, un’italiana del sud, intendiamoci.

Dopo una carriera cinematografica stellare, la nazione mediterranea vuole adornarsi con una star del cinema “brutta” trasformata in attivista per i diritti delle donne. Claudia Cardinale compie 85 anni questo sabato (15 aprile).

Invecchiare con dignità

“La Cardinale”, come viene spesso chiamata in Italia, può vantare una vita inebriante e movimentata. A differenza di molti colleghi, rifiuta a malincuore di seguire la via delle vecchie dive: affronta l’età con dignità e mostra con orgoglio il suo viso limpido in tutta la sua natura con rughe e tracce di vita. Ancora oggi molti la considerano un’icona e una leggenda del cinema italiano e francese, con cui altre attrici hanno dovuto misurarsi a lungo.

Il Leone d’Oro alla Mostra del Cinema di Venezia e l’Orso d’Oro alla Berlinale testimoniano la sua interpretazione. In vecchiaia, salvo poche produzioni, Cardinale taceva. Insolitamente, non la vedi come un vampiro e un sex symbol, ma come una madre o una nonna. Di recente è apparso in ruoli secondari nella produzione Netflix “Rogue City” (2020) e nel dramma “The Island of Forgiveness” (2022), che tratta della vita di un tunisino di origine italiana.

Il cardinale ha un forte legame con la Tunisia. È nata a Tunisi nel 1938, figlia di immigrati siciliani ed è cresciuta trilingue in francese, arabo e siciliano. La diva del cinema una volta ha descritto la sua infanzia nel paese nordafricano come un “periodo d’oro” pieno di “momenti magici”. Nella sua vecchia patria, la gente è orgogliosa: La Goulet, un sobborgo di Tunisi dove è nato il cardinale, gli ha intitolato una strada nel 2022 – all’epoca era lì personalmente.

Primi successi all’inizio degli anni ’60

Cardinale ha ottenuto riconoscimenti internazionali per i suoi ruoli in produzioni di celebrità del cinema italiano molto apprezzate. Nel film drammatico di Federico Fellini “8 1/2” nel 1963, è apparsa come una musa in abito bianco che danzava tra gli alberi e ha segnato uno dei suoi primi successi insieme a Marcello Mastroianni. “Il Gattopardo” (1963) dell’italiano Luchino Visconti con Alain Delon e Burt Lancaster e fama mondiale come Principessa Tala nella commedia poliziesca “La pantera rosa” (1963). Soprattutto grazie all’italo-western “Play Me the Song of Death” (1968) di Sergio Leone, si è guadagnata un posto nel trio delle dive cinematografiche italiane degli anni ’60 e ’70.

Il nome di Cardinale è citato insieme ad altre due icone del cinema italiano, Sophia Loren e Gina Lolloprigida. Lollobrigida morì a gennaio. “Sono profondamente addolorato per la scomparsa di Gina. Era una donna piena di energia e di passioni, che sembrava non potersene andare”, ha detto il porporato in un’intervista al Corriere della Sera pochi giorni dopo la morte dell’ex collega.

Libertà e libertà

Ha sempre apprezzato la libertà e l’indipendenza sia personalmente che professionalmente. I vecchi tempi erano diversi: da ragazza giovane e bella, ha dovuto lottare duramente per questo. Ecco perché viene spesso definita “indomabile”. Un recente libro sulla sua vita scritto dalla figlia, Claudia Squidieri, porta lo stesso nome. “L’indomabilità di Claudia è un filo conduttore che percorre tutta la sua vita. Si ritrova riflessa nelle decisioni e nei ruoli della sua vita”, scrive la figlia di Cardinale, che vive a Fontainebleau, in Francia, nell’introduzione al libro.

Gli uomini hanno bisogno di sentirsi indomabili. Ha dato qualche schermo Casanovas che è avanzato su di lui con una spalla fredda. Da Marlon Brando ad Alain Delon, molti ci hanno provato, ma Cardinale afferma di averli respinti tutti, dicendo che l’autodeterminazione e la difesa dei diritti delle donne sono sempre stati importanti per lei.

Ma professionalmente non poteva essere indipendente e autodeterminata a lungo. Da giovane e inesperta donna, il suo manager di allora la legava a contratti difficili ea volte umilianti; Ad esempio, non le era permesso sposarsi o cambiare troppo peso. Ecco perché ora più che mai si batte per l’uguaglianza tra uomini e donne.

Impegno per le donne

A differenza di alcuni dei suoi colleghi dell’epoca, Cardinale sostiene movimenti come #MeToo o Time’s Up. Il suo impegno per le donne è sicuramente una cosa. Da giovane donna, è stata violentata dal suo aggressore ed è rimasta incinta. Come recente ambasciatrice dell’UNESCO, ha visto gli orrori inflitti ad altre donne.

Sebbene sia diventato sempre più silenzioso sullo schermo attorno a «CC», ora brilla più che mai come combattente per i diritti delle donne. In un’intervista, ha recentemente dato un consiglio ai giovani: “Questi sono tempi incerti per tutti noi. Il mio unico consiglio ai giovani, soprattutto alle ragazze, è di mantenere la propria dignità. Sempre, in qualsiasi momento, in qualsiasi circostanza”.