Ottobre 5, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ucraina- News ++ Selenskyj conferma l’obiettivo di ripristinare la Crimea

nastro dal vivo Guerra in Ucraina

“Gli spiriti liberi torneranno” – Zelensky conferma l’obiettivo di ripristinare la Crimea

Guerra Ucraina-Kiev

29 agosto 2022, Ucraina, Kiev: Volodymyr Zelensky, Presidente dell’Ucraina, parla tramite collegamento video da Marienpalast ai partecipanti al Forum strategico di Bled. Foto: Sarsenov Daniiar / Presidenza dell’Ucraina / Planet Pix via ZUMA Press Wire / dpa +++ dpa-Bildfunk +++

Fonte: dpa / Sarsenov Daniiar

Nel suo discorso serale, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky parla di guadagni di terra. Si attiene anche al suo obiettivo di reclamare la Crimea. Sviluppi attuali nella trasmissione in diretta.

DottIl presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha sottolineato in un nuovo videomessaggio l’obiettivo di ripristinare la Crimea nel Mar Nero, annesso alla Russia. “Credo che la bandiera ucraina e la vita libera torneranno in Crimea. “Liberiamo tutta la nostra terra, tutto il nostro popolo”, ha detto Zelensky nella clip pubblicata a Kiev domenica sera. Per la liberazione, le forze armate ucraine, la ricognizione militare e i servizi speciali stanno già adottando tutte le misure necessarie.

“E tutti possono vedere: gli occupanti hanno già iniziato a lasciare la Crimea. È la scelta giusta per tutti”. Tuttavia, non ci sono prove che i russi si siano effettivamente ritirati dalla penisola. Il capo dello Stato ha anche fatto riferimento al ” repressione” contro la popolazione tartara Crimea, i cui diritti alla libertà sono soppressi.

La Russia ha incorporato la Crimea nel suo territorio nel 2014. Il presidente del Cremlino Vladimir Putin ha giustificato la guerra contro l’Ucraina il 24 febbraio dicendo di aver visto indicazioni sui tentativi della leadership ucraina di riconquistare la Crimea usando la forza militare. La Russia ha sempre sottolineato che non lo permetterà in nessun caso.

Leggi anche

La lotta per raggiungere il Polo Nord: Vladimir Putin (Russia), Joe Biden (USA) e Xi Jinping (Cina)

Di recente, ci sono state enormi esplosioni con distruzione devastante e incidenti con droni in Crimea. Le già stringenti misure di sicurezza sulla penisola sono state poi nuovamente rafforzate. “La presenza russa ha trasformato la Crimea in uno dei luoghi più pericolosi e liberi d’Europa”, ha detto Zelensky.

Nel video registrato dopo un colloquio con la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, il presidente ucraino ha ribadito la sua richiesta di vietare l’ingresso ai russi. Ha sottolineato che le restrizioni sui visti dovrebbero essere imposte a coloro che sostengono il terrorismo contro l’Ucraina. “L’Europa è un Paese prezioso, non Disneyland per i sostenitori del terrorismo”.

Qui è dove troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

Tutti gli sviluppi nel nastro della trasmissione in diretta:

5:00 – Sondaggio: la guerra sta cambiando l’atteggiamento degli investitori nei confronti dell’industria della difesa

La guerra in Ucraina ha reso molte persone più aperte a investire nell’industria della difesa. Prima dell’attacco russo al paese vicino, circa il 53 per cento delle persone in Germania riteneva moralmente riprovevole per gli investitori privati ​​investire in compagnie di armi, secondo un sondaggio del portale di confronto Verivox con 1.040 partecipanti. Secondo le informazioni di Verivox lunedì, poco meno di due terzi (59,7%) di coloro che mantengono questo atteggiamento negativo. Circa un quinto di ciascun gruppo ora ritiene giustificati gli investimenti nell’industria degli armamenti (20,9%) o nutre dubbi sulla precedente situazione negativa (19,3%).

“Nelle notizie, la gente sente che l’Ucraina ha urgente bisogno di armi per la difesa e che anche le forze armate tedesche hanno bisogno di ammodernare il proprio equipaggiamento. Alla luce di questi rapporti, è chiaro che molti stanno ora ripensando al loro originale rifiuto degli investimenti nella difesa settore”, ha affermato Oliver Mayer, amministratore delegato di Verivox, che classifica i risultati del sondaggio.

“Ma gli eventi della guerra hanno scosso le norme di valore in tutte le categorie della popolazione”, ha detto Mayer. Perché anche tra gli intervistati che hanno ritenuto validi gli investimenti in armi anche prima della guerra (un buon 47 per cento), il 23 per cento ha cambiato idea e non considerava più tali investimenti moralmente giustificati. Almeno il 25 percento ha dei dubbi sulla loro precedente posizione di supporto.

La crescente domanda di armi, munizioni e equipaggiamento militare ha fortemente aumentato le scorte di difesa negli ultimi mesi. L’industria sta beneficiando del forte aumento della spesa per la difesa nei paesi occidentali.

01:21 – Zelenskyy ha annunciato le indagini sull’esplosione a Chernihiv

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha avviato un’indagine sull’esplosione di un lanciagranate durante un evento per bambini a Chernihiv. “Due persone direttamente coinvolte nel tragico incidente di Chernihiv sono state arrestate con l’accusa di aver commesso un crimine”, ha detto Zelensky nel suo discorso notturno. Quindici persone, tra cui otto bambini, sono rimaste ferite in un’esplosione durante un’esibizione non programmata di equipaggiamento militare in una città dell’Ucraina settentrionale sabato.

23:17 – Zelensky riferisce sui guadagni di terra

Nel suo discorso serale, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky parla di guadagni di terra. Ha ringraziato le forze armate per aver sequestrato due siti nel sud del Paese, un terzo a est e anche altre aree a est. Non fornisce informazioni precise sulla posizione e sull’ora. Ha ricevuto rapporti positivi in ​​un incontro con i suoi comandanti militari e il suo capo dell’intelligence, Zelensky. Dichiarazione russa non disponibile.

21:49 – Ucraina: le forze liberano un villaggio nella regione di Kherson

Secondo le informazioni ricevute dalla città di Kiev, le forze armate ucraine hanno liberato il villaggio di Vysokopila dall’occupazione russa nella regione di Kherson. Il vice capo dell’ufficio presidenziale, Kirilo Tymoshenko, ha pubblicato su Telegram una foto della bandiera alzata. Tuttavia, già a giugno ci sono state segnalazioni di restauro di questa città nella parte settentrionale della regione.

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

READ  Immigrazione: secondo le guardie di frontiera polacche, la Bielorussia si sta preparando a prendere d'assalto il confine