Maggio 25, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ucraina!: Il Ministero degli Affari Esteri si prepara a evacuare i tedeschi – Politica all’estero

Sembra che la guerra tra Ucraina e Russia stia diventando sempre di più.

BILD ha appreso: il Ministero degli Affari Esteri sta lavorando a un piano di evacuazione per i parenti dei dipendenti dell’ambasciata tedesca in Ucraina. Secondo il piano, dovrebbero essere allontanati dal Paese se la situazione dovesse peggiorare ulteriormente.

Negli Stati Uniti, i piani stanno già diventando più realistici. E i media statunitensi hanno riferito che l’evacuazione del personale dell’ambasciata dovrebbe iniziare lunedì.

Gli Stati Uniti inviano aiuti militari

Tra gravi tensioni con la Russia, sabato notte gli Stati Uniti hanno inviato nuovi aiuti militari in Ucraina.

L’ambasciata americana ha dichiarato su Twitter che l’aereo cargo era atterrato in un aeroporto di Kiev. A bordo c’erano 90 tonnellate di carico, comprese le munizioni per la “difesa in prima linea”. Questo sostegno è stato ordinato dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden (79).

L’ambasciata ha pubblicato le immagini che mostrano lo scarico dell’aereo. È stata la prima di numerose spedizioni. Ciò “dimostra il forte impegno degli Stati Uniti nei confronti del diritto sovrano all’autodifesa dell’Ucraina”.


Le spedizioni di aiuti dagli Stati Uniti sono arrivate a Kiev sabato notteFoto: DISPOSIZIONE / tramite Reuters

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, 71 anni, e il collega americano Anthony Blinken, 59 anni, si sono incontrati solo venerdì per colloqui sulla crisi a Ginevra.

Di recente, il Cremlino ha fortemente criticato la consegna di armi anticarro leggere dalla Gran Bretagna all’Ucraina. Anche gli stati baltici Estonia, Lettonia e Lituania vogliono inviare missili anticarro e sistemi antiaerei statunitensi in Ucraina.

Gli Stati Uniti hanno anche annunciato un’esercitazione militare Nato: secondo le informazioni americane, le esercitazioni nel Mediterraneo denominate “Neptune Strike 22” dovrebbero iniziare lunedì prossimo e durare fino a dodici giorni. Vi prenderà parte anche la portaerei USS Harry S. Truman. Il portavoce del Dipartimento della Difesa John Kirby ha affermato che l’esercitazione non era correlata ai timori di un’invasione russa dell’Ucraina.

La Russia ha precedentemente annunciato varie esercitazioni navali con un totale di 140 navi da guerra nelle prossime settimane (ad esempio nel Mediterraneo, nel Pacifico e nell’Atlantico). Diverse manovre sono già in corso sul suolo russo.

L’Ucraina ha anche chiesto ripetutamente alla Germania di fornirle armi. Finora il governo federale si è attenuto al suo rifiuto. “La gravità della situazione richiede un ripensamento immediato e un cambio di rotta dal governo dei semafori sulla questione delle consegne di armi all’Ucraina”, ha affermato l’ambasciatore ucraino Melnik.

► Il ministro federale della Difesa Christine Lambrecht (56, SPD) ha spiegato in “Welt am Sonntag”: “La consegna di armi non sarà utile al momento – questo è il consenso del governo federale”. Il politico dell’Spd ha annunciato che a febbraio “verrà consegnato un ospedale da campo completo, compresa la formazione necessaria, con un cofinanziamento dalla Germania per un importo di 5,3 milioni di euro”.

Gli Stati Uniti e i loro alleati occidentali chiedono da settimane il ritiro delle forze russe ammassate al confine ucraino. In cambio, Mosca chiede garanzie di sicurezza e la fine dell’espansione orientale dell’alleanza militare occidentale della NATO.

READ  Tra le vittime anche bambini: 46 morti in un incidente di autobus in Bulgaria