Settembre 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Truth Social prima dell’implosione?: gli incontri segreti di Trump hanno messo a rischio 1,3 miliardi di dollari

Verità sociale prima del crollo?
Gli incontri segreti di Trump hanno messo a rischio 1,3 miliardi di dollari

Di Roland Peters

I grandi social media lo hanno bandito, ma Donald Trump ha il clone di Truth Social e piani giganti. Ma i problemi si stanno accumulando nella società di media dell’ex presidente degli Stati Uniti. Alla fine, potrebbe finire a mani vuote.

Non mi interessa, lo farò da solo! Questa è stata più o meno la reazione dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump dopo che Twitter, Facebook e Instagram lo hanno bandito dalle loro pagine all’inizio del 2021. Ci è voluto circa un anno prima che la sua versione di Twitter, Truth Social, il social network della “verità”, diventasse live . In evidenza: lo stesso, ma Truth Social potrebbe esaurire presto i soldi. A Trump verrà negata un’altra opportunità per comunicare le sue opinioni agli elettori.

Tra due mesi lo trovi già elezioni di medio termine Invece, gli Stati Uniti sono in modalità campagna. Il presidente Joe Biden e Trump sostengono i loro candidati al Congresso e al governatore e compaiono negli stati contesi. Si cerca di convincere gli americani che starebbero meglio con i Democratici al potere che con i Repubblicani. L’altro prosegue dicendo che la vittoria elettorale di Biden è stata una frode.

Prima dell’assalto al Campidoglio il 6 gennaio 2021, Twitter e la rete televisiva conservatrice Fox News erano forse i maggiori portavoce di Trump su questa affermazione. Ad oggi, l’affermazione non è stata motivata. Dopo la sua cacciata, Truth Social e i media conservatori più piccoli sono diventati ancora più piccoli. Ma l’azienda, che appartiene al Trump Media and Technology Group (TMTG), sta accumulando problemi. Il punto di partenza è lo stesso Trump, che, secondo il New York Times, avrebbe ignorato la legge in occasione di riunioni e convegni dell’anno scorso.

meditare sul denaro

TMTG sta esaurendo il tempo molte volte. Secondo i media americani, la rete non fa soldi, quindi è in arretrato con milioni di dollari in pagamenti ai fornitori di servizi. L’azienda deve solo il suo servizio cloud, senza il quale la rete sarebbe costretta a ridursi all’irrilevanza assoluta, ad agosto di 1,6 milioni di dollari, scrive Axios.

(Foto: Reuters)

La società di media di Trump in realtà voleva essere quotata in borsa tramite una società di comodo, chiamata Special Purpose Acquisition Corporation (SPAC). Una pioggia di soldi laverà via i problemi finanziari. Ma questo sta diventando sempre più improbabile. Il piano su larga scala di Trump per diventare una star costante nell’universo dei media conservatori degli Stati Uniti, che “può contrattaccare le grandi aziende tecnologiche”, è stato detto, è sull’orlo del collasso.

TMTG si presenta ai potenziali investitori come una “rivitalizzazione del mondo dei media conservatori” in cui, tra le altre cose, Fox News, The One America Network (OAN), l’altra versione di Gettr di Twitter o il “Washington Examiner” dovrebbero diventare satelliti. La società di media di Trump si è vantata di voler competere con il canale televisivo di notizie CNN, il canale di intrattenimento Disney Plus e Netflix, oltre a Truth Social. Di recente, l’azienda ha pubblicato annunci di lavoro per programmatori. Un reparto tecnico aggiuntivo dovrebbe anche competere con Google Drive e Amazon Web Services nel lungo periodo.

L’idea è venuta da due ex partecipanti al programma televisivo di Trump “The Apprentice”, che si sono rivolti al presidente che è ancora dopo la sua sconfitta elettorale. A Trump è piaciuto, ma ha dovuto trovare un modo per finanziare la prevista società di media. L’ha finalmente visto negli incontri e nelle discussioni con SPAC Digital World Acquisition.

Il modo legale per una tale società di comodo è raccogliere fondi dagli investitori tramite un’IPO e quindi fondersi con una società che poi le paga una parte di quei soldi. Secondo l’agenzia di stampa Reuters, ciò porterebbe 1,3 miliardi di dollari per la società di media di Trump. L’ingresso nell’enorme mercato dei media statunitensi sarà più di un semplice denaro iniziale dignitoso.

Ma la US Securities and Exchange Commission e il Dipartimento di Giustizia stanno indagando sulla SPAC. La fusione è pendente. Il capo di Digital World Acquisition, il banchiere di investimento Patrick Orlando, potrebbe aver chiesto al Truth Social e organizzato la fusione nei colloqui con Trump senza che fosse annunciato nell’IPO SPAC – e sarebbe illegale. Una giuria federale di New York ha convocato tutti i membri del consiglio di amministrazione della SPAC per testimoniare.

Lo sfondo di questo divieto è che le società di comodo sono difficilmente soggette a controllo quando diventano pubbliche a causa del loro basso livello di attività. In tal modo, le autorità vogliono bloccare questa potenziale backdoor verso società fraudolente o instabili e proteggere meglio gli investitori da possibili perdite successive.

Le scadenze di Trump sono finite

I ritardi nella fusione potrebbero far fallire TMTG, poiché il limite del debito contrattuale prima della fusione è di $ 50 milioni. La società ne ha già utilizzato una parte, ma come detto non ha entrate. L’intesa contrattuale con gli investitori prevede che la fusione avverrà entro settembre. Se ciò non accade, gli azionisti recupereranno i loro soldi e la SPAC verrà sciolta.

Per estendere di un anno il termine per la fusione, il 65% degli investitori deve essere d’accordo, ma questo deve ancora concretizzarsi. SPAC sta cercando di attirare fondi di investitori con un valore di mercato target di TMTG di $ 15 miliardi. Ma la maggior parte di loro, secondo i media americani, sono piccoli investitori coinvolti per ragioni ideologiche e non hanno ancora acconsentito. Il consiglio di amministrazione della società di comodo può ritardare la fusione senza la necessaria approvazione per un massimo di sei mesi, ovvero fino a marzo 2023. SPAC ha affermato di ritenere che TMTG abbia “fondi sufficienti” fino ad aprile 2023.

Quindi il problema è stato solo rimandato per Trump. In primo luogo, non è chiaro quanto dureranno le indagini contro l’acquisizione del mondo digitale. In secondo luogo, le autorità possono anche semplicemente vietare la fusione a causa di accuse di collusione illegale. Quindi Trump rimarrà a mani vuote. E forse senza un portavoce per candidarsi alla presidenza nel 2024.

READ  La famosa compagnia di telefonia mobile è insolvente: debiti fiscali di 70 milioni di euro