Settembre 30, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

In vista delle elezioni in Italia: dove può vincere la sinistra

“Scegli” – decidi. Con questo slogan il Partito Democratico di sinistra, in breve PD, ha avviato la campagna elettorale per il Parlamento italiano. “Scegli” brilla a lettere bianche su uno schermo teatrale nel centro di Roma questo martedì sera. Enrico Letta, ex presidente del Consiglio e leader del Pd, parlerà a breve ai suoi sostenitori. Questo fu l’inizio della sua campagna elettorale a Roma. Il 25 settembre – a due settimane di distanza – si terranno già le elezioni.

Ma qui non c’è febbre propagandistica. La piazza è piccola. Anche con un pubblico dai due ai tremila, come scrivono i giornali, deve avere il pieno effetto. Ma BT ha installato la piattaforma nel mezzo e quindi ha ridotto della metà lo spazio. Quindi gli organizzatori non si aspettavano una grande folla – e apparentemente non lo volevano, perché l’evento non era pubblicizzato da nessuna parte. Volantini e poster? niente.

Enrico Letta martedì scorso

Fonte: A.P

Di conseguenza, il pubblico è composto principalmente da membri del partito e giornalisti. Questa strategia prudente sorprende se si guardano i sondaggi: il PD è attualmente al secondo posto e ha recentemente perso un po’ di consensi. Il partito nazionalista di destra Fratelli d’Italia (Fratelli d’Italia) guida con il candidato leader Giorgia Meloni con il 25,8 per cento.

Ma chi si aspetta un contrattacco rimarrà deluso. Il PD non si concentra sulle classiche questioni di sinistra come i diritti dei lavoratori, il salario minimo o la redistribuzione. Questi potrebbero mobilitare molti elettori in Italia, che è stata scossa da una crisi perpetua.

Invece, li propaganda contro di noi. Al centro: la politica identitaria, con la quale il PD vuole distinguersi dalla destra. Il messaggio è chiaro: noi stiamo bene, loro sono cattivi. Dacci il tuo voto.

Ma questa strategia ha un problema, perché lascia il diritto di dominare la campagna elettorale con i suoi temi: tagli alle tasse, aiuti alle famiglie, immigrazione. Gli elettori sono tanti, il PD può ancora vincere le polemiche: il 42 per cento degli aventi diritto al voto ancora non sa dove metterà la croce.

Continuare a leggere

Non si può più lavorare solo sull'estrema destra: Georgia Maloney sarà il primo ministro

Pasquale Russo, 65enne imprenditore informatico e sostenitore di lunga data del PD, è venuto ad assistere al lancio della campagna elettorale del PD. Critica la strategia del Pd: “Questa polarizzazione non fa bene alla propaganda perché aliena le persone invece di convincerle”. L’Italia è un Paese frammentato di questi tempi: chi sta tra destra e sinistra non sa a chi rivolgersi.

Russo preoccupa il focus sulle politiche identitarie: “Il PD punta solo sull’uguaglianza. Questa è certamente una questione importante. Ma è così che sembrano quasi seri”. In effetti, è stato solo quando si è trattato di politiche identitarie che il PT è emerso come partito.

I titoli in Italia sono chiamati titoli ZTL, dall’abbreviazione di “zona traffico limitato” – zone a traffico limitato. In altre parole, argomenti in cui puoi conquistare i giovani elettori urbani nelle zone a traffico limitato dei centri urbani.

Ad esempio, ha continuato a promuovere la Legge Zan, una legge contro l’omosessualità, anche se aveva già fallito in parlamento e gli era stata negata una seconda possibilità in questa legislatura. Ad esempio, c’è stato il supporto dell’influencer italiana di fama mondiale Chiara Ferragni, che ha utilizzato le sue piattaforme per promuovere la causa del PD.

Continuare a leggere

Dopo la sua cacciata, Draghi può guidare il Paese solo ad interim.  Non può rispondere agli eventi attuali

Nessun governo, nessun piano

Un altro esempio è Ius Scholae, una riforma della legge sulla naturalizzazione volta a dare ai bambini stranieri che frequentano la scuola in Italia un accesso più rapido alla cittadinanza. Il PD ha presentato questa mozione al Parlamento in un momento in cui sapeva che non c’era possibilità.

Ma il PD è meno preoccupato della vittoria che dell’impostazione di quegli accenti identitari politici che contano per il loro collegio elettorale centrale. Di conseguenza, il partito è rimasto fermo per anni a circa il 20 percento di approvazione. In larga misura, l’Italia è il paese che ha portato al potere Silvio Berlusconi e le sue buffonate sono state nuovamente derise in questa campagna elettorale.

La maggior parte degli italiani non è interessata ai dibattiti sul linguaggio appropriato al genere che dilagano in Germania. Con tutti questi elettori, è improbabile che l’attenzione sulla politica dell’identità prenda piede.

Grande percentuale di non votanti

Anche decidere di utilizzare una piccola piazza come sede per lanciare una campagna elettorale dimostra che il partito non sta davvero cercando di ottenere voti. Lo pensa anche Russo, tifoso del Pd: “Questa esibizione dovrebbe svolgersi al Tor Bella Monaco”. La travagliata zona alla periferia di Roma è nota per l’elevata percentuale di non votanti.

Ma il PD vuole allestire la sua piattaforma nella piazza, che è storicamente importante per la sinistra – e il metro quadrato di immobile residenziale nel suo quartiere costa 7.800 euro. Sono 1990 euro al Tor Bella Monaco.

Il partito ha buone argomentazioni, crede Russo. Dopotutto, ha governato in otto degli ultimi undici anni e ha fatto bene il suo lavoro. A cominciare dal chiaro impegno dell’Unione Europea per una lotta scientifica contro la pandemia del corona e dal fermo sostegno di Mario Draghi come Primo Ministro. “Ma non raccolgono i frutti del loro lavoro”, dice Russo.

L'apparizione in campagna elettorale di Giorgia Meloni - davanti a una foto del suo avversario politico Enrico Letta

L’apparizione in campagna elettorale di Giorgia Meloni – davanti a una foto del suo avversario politico Enrico Letta

Fonte: AFP

Francamente, non sembrano provarci troppo. Letta ha finora trascorso la campagna rispondendo a Georgia Meloney. In primo luogo, Meloni si è lamentata della sua copertura all’estero in tre video in inglese, francese e spagnolo, seguiti da tre video di Leta in cui ha criticato Meloni. Nelle stesse lingue, ovviamente. Poco dopo, Meloni ha rilasciato un’intervista alla rete televisiva americana Vox, e poco dopo Leta è apparsa sulla CNN. Il suo messaggio: “Meloni al potere sarebbe un rischio”.

Quando finalmente Leta sale sul palco quella sera, non parla a lungo di ciò che il PD può fare per la maggior parte delle persone – che senso ha, questa maggioranza non esiste ora. Invece, il suo obiettivo è incoraggiare i sostenitori del partito a convincere coloro che li circondano che sono indecisi ad unirsi al PT.

L’argomento è semplice: “Ogni voto che non è nella nostra lista è un voto per Georgia Maloney”. È dubbio che ciò basti a convincere gli elettori preoccupati su come pagare la prossima bolletta dell’elettricità.

Puoi ascoltare i nostri podcast WELT qui

Il tuo consenso revocabile alla trasmissione e al trattamento dei dati personali è richiesto poiché i fornitori di terze parti di contenuti incorporati richiedono tale consenso per visualizzare i contenuti incorporati. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore su “on”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni al riguardo qui. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite l’interruttore in fondo alla pagina e tramite Privacy.

“Kick-Off Politics” è il podcast di notizie quotidiane di WELT. L’argomento e le date più importanti della giornata analizzati dai redattori di WELT. Iscriviti al podcast Spotify, Podcast di Apple, Amazon Musica o direttamente tramite un feed RSS.

READ  Pubblicità: PATRIZIA investe in immobili logistici per celle frigorifere in Italia | Notizia