Ottobre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tre modelli a Kabul: vogliamo uscire dall’Afghanistan | Politica

Poco prima della caduta di Kabul, hanno sfilato in passerella e presentato gli ultimi abiti. Questo è inimmaginabile ora sotto il governo del movimento estremista islamista talebano. Ora le donne si nascondono dalla presa dei talebani, non possono più andare a scuola e hanno paura di essere costrette a sposarsi.

L’Afghanistan è diventato una prigione per molti di loro. Non possono uscire senza visto e la fuga sarà possibile solo illegalmente, ma è pericolosa per la vita, soprattutto per le donne.

BILD am Sonntag ha incontrato tre top model nella capitale afgana in un luogo segreto. Leggi cosa hanno vissuto queste tre donne e cosa hanno da dire alla Germania.

Freshta: “Non vedo mio padre da mesi”

Freshta (21 anni) non ha i fondi per organizzare la costosa fuga (circa 10.000 euro).

Foto: Giorgos Motavis

“Trovo particolarmente sfortunato dover lasciare il mio appartamento in mezzo sempre di corsa, sempre in altri appartamenti, soprattutto fuori Kabul. Per lo più con amici, alcuni dei quali sono fuggiti. Ci sono settimane in cui dormiamo in tre posti diversi.

Nei quartieri dobbiamo sempre stare attenti a chi incontriamo, e chiunque può donarci. Questa è davvero una brutta sensazione. Anche l’offuscamento non aiuta, perché i documenti vengono scansionati. Non vedo i miei genitori da mesi perché non voglio metterli in pericolo.

Non mi sento più a casa da nessuna parte e non vedo possibilità. Non vedo che i talebani siano cambiati, erano tutte bugie. Quando hanno preso Kabul, ci è stato promesso che saremmo andati a scuola. Tutto questo non è compensato.

Il mio sogno è poter lavorare di nuovo da qualche parte, imparare qualcosa. Forse dovrò scappare per questo, ma non ho i soldi, il costo della fuga arriva fino a 10.000 euro. Dove prendiamo i soldi? “

Farzana: Ho paura che i talebani prendano il controllo di me

Farzana (20 anni) sogna una vita da infermiera in Germania

Farzana (20 anni) sogna una vita da infermiera in Germania

Foto: Giorgos Motavis

Solo due anni fa sono stata eletta Miss Afghanistan e tutte le porte erano aperte per me. Adesso, a distanza di due anni, è tutto diverso: non mi è permesso studiare, né lavorare, assolutamente niente.

Ovviamente temo che i talebani vengano ad arrestarmi. Ecco perché mi nascondo con le mie amiche.

Spero che la Germania sia pronta ad accoglierci! Fuggire illegalmente attraverso il confine è molto pericoloso, ma non otteniamo un visto. Voglio finalmente poter vivere di nuovo!

Mio fratello è riuscito ad uscire dall’Afghanistan, ora sono in Turchia, a volte cercano di sostenerci e mandano soldi. I miei genitori vivono a Kabul ma non li vedo più perché tutti sanno che eravamo delle modelle. Mio padre ha cercato di aiutarci a scappare, ma finora senza successo.

Se ce la faremo, voglio diventare un’infermiera, ma non so se sarà di nuovo possibile nella mia vita”.

Latifa: “Ora non esco”

Latifa, 22 anni, non può lavorare come modella o insegnante durante l'era talebana

Latifa, 22 anni, non può lavorare come modella o insegnante durante l’era talebana

Foto: Giorgos Motavis

“Mi piaceva lavorare come modella, ed era quello il mio grande sogno. Quando sono arrivati ​​i talebani, è finita subito: dovevamo fuggire subito in altri appartamenti e abbiamo continuato a cambiare residenza perché c’erano spie ovunque.

In precedenza avevamo il nostro posto in un’agenzia di modelle in centro, alcune modelle sono fuggite in Iran.

Al momento non esco più in strada perché ho paura ai posti di blocco e dai talebani, che potrebbero arrestarci e poi costringerci a sposarci.

La giornata qui è diventata molto noiosa, siamo sempre in una stanza a bere tè e ad aspettare il giorno successivo. Non possiamo più fare niente perché tutto può essere pericoloso.

Spero di poter scappare un giorno. Il problema più grande è cibo e denaro: mio zio continuava a mandarci qualcosa, il mese scorso avevamo 260 afgani (l’equivalente di tre dollari). Avevo intenzione di diventare un insegnante in Afghanistan, ma anche questo è completamente impossibile sotto i talebani”.

Foto: COSTRUISCI

Questo articolo è di BILD am SONNTAG. L’intera edizione e-paper è disponibile qui.

READ  Seggi chiusi - Urbano fiducioso - l'opposizione vede la "vittoria" in futuro