Agosto 11, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tour de France 2022: Jens Voigt controlla i candidati in un’intervista – Bora con possibilità di podio a Parigi

Jens Voigt si aspetta molto spettacolo, ma anche pericoloso al limite, dal Tour de France 2022. Lo scrittore tedesco del Tour of France lo vede Critica i pericoli della strada e si aspetta molte cadute con conseguenze disastrose.

Nella lotta per la vittoria assoluta, il vincitore in più fasi valuta le possibilità del duo jumbo di Roglic e Venggaard di abbattere il campione in carica Pojacar.

Il pilota della Bora, a suo avviso, potrebbe essere rappresentato anche sul podio di Parigi, così come al Giro d’Italia. Ma nella classifica generale dell’ex maglia gialla ci sono anche dei grandi sconosciuti.

Giro di Francia

“Close to the Wrestler”: Voigt avverte di non iniziare il round pieno di cadute

Ieri alle 14:19

Cominciamo con uno sguardo al grande duello per la vittoria assoluta: può un doppio anticipo come Jumbo o un trio di Ineos con attacchi alternati battere la migliore Pogacar favorita?

Jens Voigt: Inequivocabilmente: No! Secondo me, portare con te un capo e sette indiani è l’opzione migliore. Solo quando non sei sicuro di poter vincere puoi adottare un duplice approccio. Ma quando è stata l’ultima volta che ha funzionato? Quando è stata l’ultima volta che un unico leader è uscito con un attacco completo a 80 km dalla fine, e ha vinto la tappa e ha afferrato la maglia – o è esploso completamente ed è arrivato 130esimo? Quand’è stata l’ultima volta che qualcuno ha rischiato una cosa del genere per dare finalmente a un collega migliori possibilità? Non l’ho mai visto, tranne forse con i fratelli Schlick perché erano fratelli. Ecco perché le strategie doppie o triple non funzionano mai. Al Jumbo, anche Wout Van Aert ha messo gli occhi sulla maglia verde, rendendo le cose difficili per la squadra.

READ  Festa dopo il fallimento a Mainz: Nagelsmann dubita fortemente del Bayern

Cosa rende Pogacar così potente?

Voto: È forte sulla montagna come tutti o quasi tutti i suoi concorrenti. I pochi corridori che riescono a tenere il passo con la sua ascesa sono molto peggio di lui nella cronometro. Non cade quasi mai, raramente fa piloti tattici e la sua squadra è molto forte ed equilibrata. Non vedo come Pogacar possa essere sconfitto se non lo facesse lui stesso. Penso che Roglic possa ancora vincere in assoluto alla Vuelta, ma per il Tour vedo la sua squadra rivolgersi a Vingegaard come leader a metà gara.

Roglic in un duello con Pogacar: ‘Ci ha spinto a fare meglio’

Dopo la svolta al Giro, come valuti le possibilità di Bora di salire sul podio con Alexander Vlasov per la prima volta nel tour?

Voto: Tre settimane fa dicevo che Vlasov ha possibilità di salire sul podio. Ma come sopravviverà all’infezione da Corona? Se gestisce bene, penso che il terzo posto sia abbastanza realistico. La squadra è intelligente, a volte può fare marcia indietro e viceversa, se necessario, allenta il martello. Proprio come hanno fatto al Giro. Inoltre, hanno molti piloti che possono andare a inseguire le tappe – penso che possano fare di più di una semplice vittoria in un giorno, perché la squadra è così forte.

Il podio: due francesi sfavoriti

Oltre ai migliori candidati, chi sono gli sfavoriti più propensi a prendere il comando a Parigi?

Voto: Mi piacciono i due piloti Romain Bardet e David Gaudo. Bardet è stato così forte al Giro e così vicino alla maglia rosa che ha dovuto ritirarsi. Spero che si sia ripreso bene ora che è affamato e arrabbiato. È salito sul podio due volte e ancora una volta è stato un perdente per me. D’altra parte, Gaudu può sfruttare il fatto che il suo compagno di squadra Thibaut Pinot andrà probabilmente alla ricerca di tappe e può essere un potente assistente per lui in montagna. Inoltre, gli australiani Jack Haig del Bahrain o Ben O’Connor (ag2r) sono buoni per una posizione di vertice.

Ma iniziare il Tour in Danimarca e nel nord della Francia sarà una bella sfida, soprattutto per i contendenti in classifica generale…

Voto: Non c’è niente di sorprendente in questo tour, ogni giorno è molto importante per chi vuole la maglia gialla. In ogni fase della prima settimana, gli organizzatori hanno costruito una sfida. Che si tratti di vento laterale, ghiaia o una brutta montagna alla fine, come a Calais, poi la prima montagna nella 7a tappa. Questo detto è vecchio, ma puoi davvero perdere la gara in qualsiasi giorno. I piloti usciranno dalla prima settimana mentalmente esausti.

La seconda tappa del ponte sulla Grande Cintura è fonte di discussione in particolare: che impressione hai ricavato dalla visita sul campo?

Voto: La pista sta già serpeggiando lungo la costa prima del finale, quindi non importa da dove provenga il vento da quel giorno, ci saranno sezioni dove ci sono raffiche di vento. Quasi esattamente 20 chilometri prima del traguardo, era sul ponte sul Great Belt, proprio in mare aperto. Il muro frangivento sul ponte è alto solo 1,5 metri circa, quindi non protegge completamente i conducenti. A seconda della direzione del vento, le autorità di sicurezza danesi decideranno se si vuole guidare a destra o a sinistra delle due corsie: in questo modo il conducente intrappolato nel vento non finirà in acqua, ma nella prossima corsia.

“It’s Crazy”: Il viaggio attraverso la grande cintura sotto la lente d’ingrandimento

Sembra un pasticcio preprogrammato…

Voto: Il Tour Chief in realtà voleva che il traguardo fosse sul ponte, ma non è possibile con tutti i camion e le piattaforme. Quindi il ponte viene spinto all’indietro e i conducenti tornano sulla terraferma su una piccola pendenza probabilmente a 75 km/h, e ci sono due curve a 90 gradi in attesa su una strada leggermente più stretta, il che è anche emozionante. Poi solo tre chilometri alla destinazione. Sarà così eccitante che temo che molte delle classifiche generali, sfortunatamente, perderanno il loro podio quel giorno e probabilmente ci saranno diverse cadute con le ossa rotte.

L’autunno inizierà il round

Anche nella terza e nella quarta tappa, potrebbero esserci di nuovo segnali di vento, prima che l’acciottolato attenda i piloti nella quinta tappa…

Voto: I pavé non sono la difficoltà maggiore. Cedric Vasseur, capo del team Cofidis ed esperto di strada lì, mi ha spiegato che il problema principale a questo punto, secondo lui, non sono i tratti acciottolati, ma l’approccio al primo di questi. Questi 20, 30 chilometri sono piuttosto stretti, con una serie di cambi di direzione, e sarebbe davvero stressante e, a suo avviso, la parte più importante dell’intera tappa.

Quindi i divari tra i favoriti potrebbero essere maggiori in queste fasi rispetto ad alcuni arrivi in ​​montagna?

Voto: Questo è esattamente come potrebbe accadere. Al limite del vento, perdi un minuto o più molto velocemente, cosa che non accade spesso in montagna, dove i divari tra la maggior parte dei corridori in vetta sono molto più piccoli. Puoi avere le gambe migliori del mondo quando cadi per le strade strette, ma quando ci sono 50 uomini davanti a te, non puoi superarli. Quindi la prima settimana sarà molto importante e stressante. Lo sanno tutti, quindi tutti i piloti vogliono essere davanti a quella curva importante, ma non è possibile, c’è posto solo per 20 piloti. Ecco perché mi aspetto che la prima settimana del tour sia caratterizzata da molte cascate.

Pista del Tour de France: il percorso completo con tutte le 21 tappe

Il Tour de France sta aumentando drammaticamente la posta in gioco e ponendo la scena al di sopra della sicurezza?

Voto: Prendo un esempio da un altro sport: è come se all’improvviso colorassi l’intero campo nel bel mezzo di una partita di calcio: poi diventa più emozionante e loro scivolano di più – chi lo farà? nessuno! Sono una persona eccentrica, è molto tesa ed eccitante per gli spettatori, ma questa prima settimana del Tour de France è la cosa più vicina alla felicità. Siamo un passo avanti per rendere l’arena una vera questione di vita o di morte. Questo è un duro lavoro per i conducenti, non possono evitare questi rischi. Ti stai allenando perfettamente, cercando di mantenerti in salute, rispettando le normative Corona – poi la situazione è rovinata da sei mesi di lavoro.

Si dice spesso che il vincitore del tour deve essere in grado di affrontare ogni sfida, anche i bordi del vento o l’acciottolato, come lo vedi?

Voto: Sì, la versatilità è essenziale, ma c’è una differenza tra una pista dura e mettere a repentaglio la salute dei piloti.

La seconda parte dell’intervista con l’esperto di Eurosport Jens Voigt sulle possibilità dei piloti tedeschi nel Tour de France 2022 è disponibile qui su Eurosport.de giovedì!

Potrebbe interessarti anche:Tour de France 2022: tutte le 21 tappe, profili e salite

Pista del Tour de France: il percorso completo con tutte le 21 tappe

Giro di Francia

Elenco di partenza del tour: tutti i piloti a colpo d’occhio – formazioni complete

20/06/2022 alle 11:18

Giro di Francia

Amaro: l’assistente di Pogacar Trentin fallisce dopo il test corona positivo

16 ore fa