Ottobre 6, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Total Energies smentisce: fare rifornimento di aerei da combattimento russi?

Energie totali negate
Rifornimento di aerei da combattimento russi?

Il colosso energetico francese Total Energies deve difendersi da pericolose accuse. Una società sussidiaria ha fornito carburante ai caccia russi, riporta “Le Monde”. Il gruppo afferma di non produrre cherosene per l’esercito russo e minaccia azioni legali.

Si dice che un giacimento di gas parzialmente di proprietà francese in Russia sia utilizzato per produrre carburante per gli aerei da guerra russi schierati in Ucraina. Secondo il quotidiano francese “Le Monde”, la società energetica francese Total Energies possiede importanti partecipazioni nella Terneft Gas Company, che opera nel giacimento di Termokarstovoy in Siberia. Il gruppo ha dichiarato di non produrre cherosene per l’esercito russo.

Il giornale ha riferito di aver tracciato la catena di approvvigionamento da Termokarstovoye a due basi aeree, ciascuna con uno squadrone di aerei da combattimento multiruolo. Ha aggiunto che questi squadroni sono accusati di aver compiuto attacchi alla popolazione civile ucraina, come il bombardamento di un teatro nella città portuale di Mariupol. Il difensore dei diritti umani Amnesty International ha descritto l’attacco aereo come un crimine di guerra.

Il campo di Termokarstovoye è gestito da Terneftgaz, secondo i dati dell’ONG Global Witness, a cui Le Monde fa riferimento nel suo rapporto. Secondo il rapporto annuale della società per il 2021, Total Energies (ex Total) possiede il 49% di Terneftegaz. L’altro 51% apparteneva alla russa Novatek, di cui Total Energies detiene una quota del 19,4%. Secondo la ricerca di “Le Monde”, il gas condensato veniva trasportato su rotaia da Termokarstvoye a una raffineria vicino alla città siberiana di Omsk, da dove veniva prodotto il carburante. Questo è stato utilizzato per fornire aerei russi almeno fino a luglio.

3.400 ripieni di carri armati per i caccia Sukhoi Su-34

Da febbraio 2022, “centinaia di spedizioni di carburante” sono state consegnate dalla raffineria di Omsk alle basi aeree vicino al confine ucraino attraverso diversi terminal, secondo Le Monde, utilizzando i dati del fornitore di servizi di dati finanziari Refinitiv. Queste consegne sono state effettuate nel 2017. In totale, ci sono circa 42.700 tonnellate di cherosene per aviazione per le basi di Morosovsk e Voronezh, che è sufficiente per riempire 3.400 carri armati di aerei da combattimento Sukhoi Su-34.

Alla domanda del quotidiano, Total Energies ha chiarito che non gestisce il giacimento di gas interessato e non ha alcun ruolo nelle decisioni su come verrà utilizzato il prodotto. Nowatek, di cui Total Energies possiede azioni, è una “società privata indipendente”. Total Energies non ha informazioni sulle vendite di Nowatek, né controlla queste vendite. Tuttavia, il gruppo ha ammesso che le sue azioni in Terneftegaz danno voce in capitolo in alcune decisioni. Tuttavia, Nowatek è responsabile della gestione delle strutture di proprietà di Terneftgaz. Total Energy non riceve dividendi da febbraio 2022.

“No, Total Energies non produce cherosene per l’esercito russo”, ha detto Total Energies su Twitter dopo la pubblicazione del rapporto. La società respinge “tutte le accuse infondate” nell’articolo. Questo contiene “errori, acronimi e bugie”. Anche Total Energy ha minacciato un’azione legale. La società risponderà punto per punto all’articolo e si riserva il diritto di “prendere le opportune azioni legali a tutela dei propri interessi e reputazione”. Louis Goddard, un ricercatore di dati presso l’ONG Global Witness, ha affermato che l’affermazione di Total Energies secondo cui la sua produzione non aveva nulla a che fare con le operazioni militari russe era “infondata”. Il pieno potenziale deve essere “giocato a carte scoperte”.

Dopo l’invasione russa dell’Ucraina, Total Energes ha annunciato che non avrebbe più investito in nuovi progetti in Russia. A differenza di molti altri gruppi energetici internazionali, la società rimane attiva nel Paese, in particolare per quanto riguarda il gas liquefatto prodotto dalla joint venture internazionale Yamal LNG.

READ  Tesla Model 3 ora ha un'autonomia di almeno 491 km