Terremoti infiniti nel supervulcano italiano: un esperto avverte di una mega eruzione

Date:

Share post:

Piero Esposito
Piero Esposito
"Appassionato di alcol. Ninja di Twitter. Amante della TV. Cade molto. Fanatico del caffè hipster."
  1. Pagina iniziale
  2. il mondo

Crescono i timori di un’eruzione del supervulcano Flagraion Fields, vicino a Napoli: attualmente la terra trema più volte all’ora.

Pozzuoli – Il supervulcano dei Campi Flegrei, alla periferia occidentale di Napoli, sembra stia aumentando la sua attività. In 24 ore, la Terra ha tremato 50 volte da giovedì a venerdì.

Nel “Combi Flegrei” quest’anno sono già stati registrati 2.435 terremoti; Nel 2017 ci sono state solo 120 scosse. Nella maggior parte dei casi, i sismografi registrano piccole scosse appena percettibili, ma ci sono anche scosse che svegliano le persone dal sonno con un forte rumore. A volte l’intonaco cade dal muro.

Super vulcano attivo: le strade di Napoli puzzano di uova marce

L’odore di uova marce si diffonde attraverso la periferia di Napoli: vapori di zolfo vulcanico che si insinuano dalle fessure della terra. Ma l’epicentro del terremoto, relativamente innocuo, è stato localizzato sotto e attorno al fumante cratere della Solfatara vicino a Pozzuoli, una città portuale a ovest di Napoli, una popolare destinazione turistica.

Gli esperti concordano sul fatto che l’acqua e i gas riscaldati e sollevati dal magma creano pressione nella fragile crosta terrestre sopra una cupola vulcanica sotterranea. Ecco da dove provengono le scosse. Ma cosa significa?

La mappa mostra i terremoti di quest’anno, principalmente a Pozzuoli e dintorni. I rossi sono una novità. ©INGV

Pericolo per l’Italia e il mondo intero: gli esperti vedono imminente una grande eruzione vulcanica

Il vulcanologo Giuseppe Mastrolorenzo, ricercatore capo dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), ha ora rilasciato un’intervista ad una stazione radio locale. Radio Radicale Con grande entusiasmo: “Le autorità danno molta importanza al rischio sismico, ma le scosse ai Flegrei di Combe non sono mai state così forti, mentre il vero problema è che le scosse attuali potrebbero essere i precursori di un’eruzione già esplosiva” che potrebbe essere una super-eruzione.”

Nuvola di vapore sopra la fumarola Pisciarelli vicino a Pozzuoli.
Una nuvola di vapore nel cratere Solpathara, che trema costantemente. © Campi Flegrei/Facebook Fonte Zona Rossa

Sarebbe un disastro, con conseguenze drammatiche ben oltre il Golfo di Bozuoli. L’energia sprigionata allora fu “dieci volte quella di Pompei nel 79 d.C.”. MastroLorenzo si riferisce attualmente all’eruzione del Vesuvio alla periferia sud di Napoli. Le città romane di Pompei, Ercolano, Opplandis e Stabiae furono distrutte a circa dodici chilometri di distanza e completamente sepolte sotto uno strato di cenere alto 20 metri. Si stima che il bilancio totale delle vittime raggiunga i 5.000.

Un vulcano vicino Napoli ha già causato migliaia di vittime

Oggi solo nella Baia di Pozzuoli vivono 350.000 persone, mentre nel napoletano vivono tre milioni. Mastrolorenzo ritiene del tutto inadeguati i piani di evacuazione in caso di eruzione: l’ipotesi basata sui piani, che un’eruzione possa essere prevista con 72 ore di anticipo è “un’ipotesi molto ottimistica, quasi come se avessimo firmato un contratto. Il vulcano ” anche un solo parametro renderebbe inutilizzabile qualsiasi previsione.

Una grande nube di cenere sul Monte Sinabung nel 2018.
L’eruzione del Sinabung del 2018 in Indonesia è ancora relativamente piccola rispetto a un supervulcano. © TIBTA PANGIN AFP

Mastrolorenzo prosegue: “Il problema è che la valutazione del livello di allerta, cioè quando passare all’arancione e in questo caso al rosso, la fa la Commissione Gravi Rischi”. È molto probabile che “riceveremo un falso allarme o, peggio, ritarderemo l’evacuazione e ci troveremo nel mezzo di un’epidemia”.

Le precedenti eruzioni dei campi flegrei sono diventate catastrofi globali

Uno sguardo alla storia della Terra mostra cos’è una supereruzione: Plegreyan Fields è un supervulcano di 16 chilometri di diametro creato da una mega eruzione 39.000 anni fa. A quel tempo, i loro flussi di fuoco distrussero tutta la vita entro un raggio di 100 chilometri. Circa 10.000 chilometri quadrati di territorio (all’incirca l’area della Bassa Baviera) furono sommersi sotto uno strato di cenere spesso 100 metri.

15.000 anni fa, quando il supervulcano eruttò nell’aria 40 chilometri cubi di magma, distrusse altri 1.000 chilometri quadrati di terra e le nubi di cenere che furono soffiate negli strati atmosferici superiori causarono un “inverno vulcanico” lungo un anno in tutto il mondo – come questo. L’eruzione del vulcano indonesiano Tambora nel 1815 provocò scarsi raccolti ed epidemie, e l’anno successivo, il 1816, divenne famoso come la “Morte congelata del Milleottocento” in America e il “Morte ghiacciata del Milleottocento” in Germania.

Dopo che le camere magmatiche sottostanti i Campi Flegrei si svuotarono, il terreno precedentemente rigonfio sprofondò fino a una profondità di 600 metri su una superficie di 90 chilometri quadrati. Dopo questa superesplosione si creò un gigantesco cratere di campi flegrei, due terzi dei quali si trovavano sotto l’oceano. All’interno di questa caldera si sono formate decine di piccoli crateri, come il famoso Solbatara.

Un altro esperto chiarisce tutto

Francesca Bianco, direttrice dell’Istituto Vulcanologico dell’INGV, ha contraddetto l’agenzia mercoledì, all’indomani dell’intervista a Mastrolorenzo. ANSA Il collega Mastrolorenzo: “Nessun dato suggerisce che si tratti di un precursore di un’eruzione imminente”.

Negli ultimi dieci anni sono stati compiuti molti passi avanti per rafforzare le attività di monitoraggio che consentono il rilevamento dei terremoti in tempo reale. I Campi Flegrei e il Vesuvio sono diventati “i vulcani meglio monitorati al mondo”.

Related articles