Gennaio 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Taturt da Monaco: Come si riconosce la cicuta maculata ed è davvero mortale?

Aggiornato il 19 dicembre 2021 alle 21:47

  • Un controllore di un monastero in Baviera è stato ucciso da una delle piante più velenose della Germania.
  • I commissari Patek e Letmeyer indagano sulle suore colpite dalla chiusura della loro casa.
  • Il film è stato girato in un vero e proprio monastero, che di fatto è caduto vittima della morte dei monasteri indirizzati sulla “scena del crimine”. Sei domande e risposte sul nuovo numero di Monaco.

Puoi trovare altre notizie in TV e in streaming qui

Cos’è la cicuta maculata e come si riconosce?

la vittima inScena del crimineAvvelenamento da cicuta maculata (Conium maculatum) È uno dei tipi più velenosi di ombelico ed è Una delle piante più velenose Germania. È un’erba dell’albero bianco molto simile ad altre piante innocue (come carote o semi di cumino) – tuttavia, un utile segnale di avvertimento è l’odore pungente dell’urina di topo. Inoltre, la cicuta può raggiungere i due metri di altezza e avere un gambo rosso maculato.

Secondo il sito web dell’editore della farmacia, la cicuta è stata elogiata come pianta medicinale dalla suora medievale e guaritrice Hildegard von Bingen come trattamento per la gotta e le coliche. La medicina popolare ha utilizzato questa erba, che ha proprietà paralitiche grazie a un principio attivo simile al curaro, “in anticipo di nevralgie, reumatismi muscolari e articolari, rigidità del collo, spasmi e spasmi dei bronchi”.

Il gambo della cicuta maculata ha macchie rosse.

© picture alliance / WILDLIFE / D.Harms

Come funziona il veleno ed è davvero mortale?

Il sito web “Apotheken.de” descrive anche gli effetti collaterali della cicuta, che è usata raramente nella medicina tradizionale: “I sintomi di avvelenamento quando si mangiano circa 10 g di frutta secca o circa 30 g di foglie appena essiccate sono una sensazione di bruciore nella bocca, prurito alla gola, naso che cola Salivazione, roteare gli occhi, visione offuscata e debolezza alle gambe, l’uso interno non è raccomandato.

Il filosofo greco Socrate nacque nel 399 a.C. Fu ucciso con il metodo di esecuzione comune all’epoca per la cicuta a coppa: i detenuti dovevano uccidersi bevendo una bevanda d’acqua altamente concentrata con la cicuta schiacciata. A partire dai piedi, il midollo spinale e il sistema respiratorio sono stati gradualmente paralizzati: il detenuto è rimasto completamente cosciente fino alla morte.

L’abbazia di Dannerberg esiste davvero?

numero. Molti monasteri disabitati o convertiti sono stati convertiti per la fotografia Bayern È stato visitato fino a quando il team di produzione ha trovato l’Abbazia di Reisach situata sull’autostrada tra Rosenheim (che svolge anche un ruolo nella “scena del crimine”) e Kufstein. Era importante che non rimanesse vuoto come altri edifici in Baviera: “Si respira un’atmosfera speciale e si respira ancora lo spirito dei religiosi che vi abitavano fino a poco tempo fa”, afferma la produttrice Annie Brunner.

Cosa è successo ai veri residenti del monastero?

Reisach era un monastero dei Carmelitani Scalzi che, a differenza del thriller, era abitato da uomini. La radio Bayern 5 ha riferito della chiusura nel maggio 2019: “Dopo 300 anni di vita monastica, gli ultimi monaci di Oberdorf Kloster Reissach stanno facendo le valigie. L’ordine ha restituito il diritto di utilizzarlo al proprietario del monastero, il proprietario dell’abbazia. Il Libero Stato di Baviera. La diocesi di Monaco non vuole che i monaci dalla Polonia si siano ritirati dall’abbazia di Reisach a Oberdorf. Come in molti monasteri, anche i Carmelitani mancano di prole e mantenere il monastero da ristrutturare è diventato troppo costoso”. I monaci si trasferirono nel monastero carmelitano in Polonia.

Quanto sono realistiche le suore sulla “scena del crimine”?

Al centro di questo thriller poliziesco c’è la paura delle suore di chiudere il loro convento. Secondo la produttrice Annie Brunner, è stato chiesto alle sorelle di una vasta gamma di monaci “chi hanno pubblicamente denunciato la vita e la morte del monastero”. Infatti, secondo la regista Maris Pfeiffer per Bayerischer Rundfunk, voleva fare un “film estivo leggero”.

Si è presentata alle suore come “donne rispettose, fedeli, ma alienate da ciò che intendiamo come vita”. Ma poi il gruppo di ricerca ha incontrato “donne cosmopolite, pienamente riflessive e osservanti” che hanno deciso di vivere in una comunità religiosa solo dopo un lungo esame: come in “Taturt”, tutte hanno “percorsi di vita diversi, mantengono profonde amicizie, così quanto alle persone fuori del monastero».

Che ruolo hanno gli uomini?

È chiaro che il cuore del regista appartiene alle donne di Tatort. Maris Pfeiffer permette la collisione di due mondi: “Nel mondo delle donne, si tratta principalmente di preservare la società – e di sentimenti molto individuali. La sua vita quotidiana ordinaria lascia spazio alla conversazione, così come gran parte delle faccende quotidiane nel monastero, anche per le cose belle. Si cantano tante preghiere. Oh, è il privilegio di poter cantare da un’ora e mezza a tre ore al giorno”. un mondo plasmato più da questioni logiche e pratiche, incluso il mondo dei grandi gesti e delle macchine grasse”.

Nina Konzendorf, Joachim Kroll

“Tatort” è uno dei format di maggior successo in Germania e da oltre 50 anni soddisfa i telespettatori ogni domenica. Diverse star sono già state davanti alla telecamera per il classico ARD, tra cui Nina Kunzendorf, che festeggerà il suo 50esimo compleanno il 10 novembre. Questi attori erano in realtà investigatori della “scena del crimine”.

READ  Gelzer era la "Regina della giungla": un'attrice in corsa per la carica di sindaco