Novembre 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sulle tracce dei Negroni in Italia

  1. Pagina iniziale
  2. viaggiare

Creato da:

Il cameriere Graziano Ferrario con la bar manager Roberta Stochetto – e un Negroni in un bicchiere grande. Stile di vita italiano senza di lui – impensabile. © Alexandra Stahl/dpa-tmn

Penseresti che un drink fosse un drink. Non così il Negroni: il cocktail italiano è una leggenda. Glass, figura milanese e fiorentina, racconto di alta cultura.

Milano/Firenze – Anche da lontano, il Bar Passo in via Plinio a Milano brilla in una notte piovosa: sopra l’ingresso ci sono grandi lettere bianche e rosse. All’interno, il classico cocktail da aperitivo Negroni viene servito in bicchieri grandi come trofei di calcio.

Si compone di tre parti uguali Campari, vermouth rosso e gin. Aggiungere i cubetti di ghiaccio e la fetta d’arancia. Stile di vita italiano senza di lui – impensabile.

Ci sono gruppi di persone sedute con questi Negroni ridicolmente grandi, donne con pantaloni a zampa bianchi che si fanno selfie davanti al bar, un grande soooo ai baristi mentre passano, e “Let’s Dance” di David Bowie sta suonando. Tutto questo potrebbe anche essere una scena del film Helmut Diet.

Pioggia fuori, sensazione di spiaggia dentro

Il cameriere tira fuori un Negroni spagliato, la bevanda della casa. Qui è stata inventata una modifica della bevanda rituale. Ha prosecco al posto del gin. Il primo sorso sembra estate e il secondo sorso sembra estate. Maltempo fuori? Non mi sentivo così. Il cameriere si chiama Graziano e porta dei panini con olive, patatine, pasta di tonno. In Italia un cocktail è sempre metà pasto. Al terzo sorso, ti senti quasi come se fossi in spiaggia.

Graziano spiega che ha lavorato al bar per 28 anni e ha preso a calci le olive dal pavimento bagnato dalla pioggia. Un ragazzo passa con una borsa luminosa per il servizio di consegna: ora guidi Negroni grandi come trofei di football tutta la notte? No, porta la pizza solo ai camerieri. Grande ciao di nuovo.

Graziano fa entrare la boss Roberta, la sorella del barista Maurizio Stoccetto, famoso per il suo Negroni spagliato. Negroni conferma che le lenti sono leggermente più grandi. Le piace paragonarlo a un trofeo di calcio. A proposito di Negroni, dice di essere nato a Firenze – sembra un uomo.

READ  Il papa si congratula con il presidente italiano per il compleanno

Quando il conte voleva una bevanda forte

La bevanda non ha un certificato di nascita, ma ha una targa commemorativa. È la casa di via della Spata a Firenze che un tempo ospitava il Caffe Cassoni. Si dice che il conte Camillo Negroni abbia ordinato allo sportello nel 1919 un americano (campari, vermouth, soda water), un po’ troppo forte.

Il barista sostituì l’acqua con gin e uno spicchio di limone, e nacque un Negroni all’arancia. L’uomo dietro il bancone si chiamava Fosco Scarcelli. Un barman conosciuto per nome in Italia.

Quando visito Firenze, c’è un’impalcatura davanti alla targa commemorativa dei Negroni, dove un tempo c’era il Caffè Cassoni, dove ora i turisti fanno shopping. Fosco Scarcelli è morto da tempo, così come Camillo Negroni. Ma il suo cocktail sopravvive. E come. Una volta all’anno, la “Settimana Necroni” si svolge in tutto il mondo, quest’anno a metà settembre. Le star di Hollywood sfoggiano i loro drink su Instagram.

Dal bordo interno al classico

Dopo l’ordine del conte Negroni, la bevanda è diventata un consiglio da addetti ai lavori e in seguito un bar l’ha resa popolare a Cuba. Negli anni Cinquanta divenne finalmente un classico, ad esempio nella Hollywood italiana, a Cinecittà a Roma. Si dice che il regista americano Orson Welles sia rimasto entusiasta del Negroni.

Puoi leggerlo in innumerevoli articoli – da “New York Times” a “Zeit-Magazin”. Del resto, l’origine del Negroni è in un libro del barista fiorentino Luca Picci. Per chi ancora pensa che sia solo un cocktail: la presentazione è di Antonio Paolucci. Non è un barista, è uno storico dell’arte. È stato direttore dei Musei Vaticani a Roma fino al 2016. Negroni sta alla cultura italiana come la Galleria degli Uffizi sta a Firenze.

Visita il miglior esperto Negroni

Bevi una storia con un Negroni, non solo un cocktail, dice Luca Picci. Quindi il barista e scrittore Picci è il miglior esperto di Negroni d’Italia, ed è il barista del venerabile Caffe Gili nel centro di Firenze: tende rustiche, tavoli di marmo, lampadari. Quando il tempo è bello, tutti i posti sull’ampia terrazza all’aperto sono occupati. Ci sono molti turisti seduti lì, la maggior parte dei quali non ha mai sentito parlare del conte Negroni.

READ  Italia: le studentesse protestano a Venezia dopo il divieto di educazione fisica
Luca Picci
Il bar manager Luca Picci è il miglior esperto di Negroni d’Italia. © Alexandra Stahl/dpa-tmn

La domanda è: Picci può ancora sentire il nome Negroni? Lui può. Solo i suoi nemici lo infastidiscono. Ad esempio, un blogger francese sostiene che il Negroni sia stato inventato in Corsica.

Picci, invece, afferma di avere documenti e fotografie originali che supportano la sua teoria. Compresa una lettera del 1920 in cui un amico metteva in guardia dal bere troppo Negroni. Ha ricevuto i documenti dai nipoti di Camilo Negroni.

Picci descrive il conte Negroni come attraente ma modesto. Il suo libro contiene immagini in bianco e nero del Conte: un uomo alto e magro che guarda la telecamera, a volte con i baffi ea volte senza. Più severo che felice. Potresti vederlo con cani o pistole. Non ha un cocktail in mano.

Preferenze di consumo sconosciute in Europa

Camilo Negroni è nato vicino a Firenze nel 1868 e in seguito ha vissuto come cowboy nel Wyoming e Alberta, Canada e New York. Nel 1912 tornò in Italia e parlava quattro lingue: italiano, spagnolo, francese e inglese. Il suo tempo in America potrebbe aver influenzato le sue preferenze sul bere. L’uso di cubetti di ghiaccio nelle bevande non è comune in Europa.

Sulle tracce dei Negroni in Italia
Con il Negroni si beve una storia, non solo un cocktail, dice Luca Picci. © Alexandra Stahl/dpa-tmn

Il conte morì nel 1934 all’età di 66 anni, un anno dopo la morte della moglie. C’è anche un film su questo: “Alla ricerca di Negroni” di Federico Micali.

Mantello cardinalizio e altre varianti

Oltre alla variante classica, ora ci sono innumerevoli varianti. Oltre a Prosecco, Sbagliato e Boulevadier (bourbon al posto del gin). Oppure Tecroni (tequila al posto del gin). Uno dei primi turni fu Cardinal negli anni ’50: non perché lo avesse ordinato la star del cinema Claudia Cardinale. Ma un cardinale ha incoraggiato un barman a Roma a creare una variazione con un tipo speciale di vermouth. Un vermouth rosso come un abito da chiesa.

READ  Giorgia Meloni incontra Emmanuel Macron

Bichi, d’altra parte, ha escogitato una variante di Mezcal chiamata Neg-Mex, che viene fornita con un marshmallow arrosto — “una provocazione”, ride. Il suo caffè ha cioccolatini Negroni e gelatina Negroni. Peccato che non si possa più chiedere a Camilo Negroni cosa ne pensa di tutto questo. Picci, invece, disegna volentieri uno schizzo sul taccuino del pubblico per trovare la tomba di Counten.

Presso la tomba di Negroni

L’omonimo di Negroni è sepolto nell’elaborato Cimitero di Trespiano fuori Firenze. Se la folla di turisti nel centro della città intorno al Duomo e alla Galleria degli Uffizi è troppo stancante, puoi raggiungere questo cimitero in un’ora di macchina e goderti la campagna toscana. Non devi annoiarti lì: accanto al cimitero non c’è solo un bar, ma anche una gelateria.

Cimitero del Trebbiano
L’omonimo di Negroni è sepolto nell’elaborato Cimitero di Trespiano fuori Firenze. © Alexandra Stahl/dpa-tmn

Grazie al dipinto di Picchi fu presto scoperta la tomba del conte, una semplice lastra di pietra davanti a un alto muro tombale, che portava solo il nome Camillo Negroni e le date di nascita e morte. Nessun toast, nessun bicchiere da cocktail inciso.

Sulle tracce dei Negroni in Italia
Luca Picci è barista e scrittore. Descrive Camilo Negroni come attraente ma modesto. Il suo libro contiene immagini in bianco e nero del conte: un uomo alto, magro, più severo che allegro. © Alexandra Stahl/dpa-tmn

È la tomba più semplice immaginabile data l’eredità dei Negroni e tutto il clamore che promette. In definitiva, il Negroni può essere un cocktail. Una leggenda però. dpa

Come arrivare: I voli diretti dalla Germania agli aeroporti di Linate a Bergamo, Malpensa o Milano sono più frequenti e spesso più economici dell’aeroporto di Firenze. Un viaggio in treno da Milano a Firenze dura meno di due ore.

– Bar Basso, Via Plinio 39, Milano, tutti i giorni dalle 9.00 alle 1.15, chiuso il martedì (info: http://barbasso.com/en/)

– Caffè Gilli, Via Roma 1/R, Firenze, tutti i giorni dalle 7:30 alle 1:00 (info: https://www.caffegilli.com)

– Cimitero Cimitero Trespiano, Via Bolognese 449, Firenze, tutti i giorni dalle 8:00 alle 16:30

– Ufficio Turistico Italiano (info: www.enit.de e www.italia.it/en)

Sulle tracce dei Negroni