Febbraio 8, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Studio allarmante dalla Groenlandia: “Sorprendentemente chiaro”

Il riscaldamento globale sta progredendo rapidamente. Ora i ricercatori della Groenlandia stanno riportando numeri allarmanti: milioni di persone potrebbero essere colpite.

Nelle quote più elevate della calotta glaciale della Groenlandia, il primo decennio del 21° secolo è stato il più caldo analizzato in circa 1.000 anni. Dal 2001 al 2011, la temperatura media è stata di 1,5°C più calda rispetto alla media del XX secolo. Lo riferisce un team guidato da Maria Horhold dell’Alfred Wegener Institute (AWI) di Bremerhaven. Il gruppo scrive sulla rivista Nature che il riscaldamento globale può ora essere rilevato in una delle regioni più remote del mondo.

Ha esaminato campioni di carote di ghiaccio prelevati nella Groenlandia settentrionale e centrale. Usando gli isotopi stabili dell’acqua, gli scienziati possono capire come erano le temperature dell’aria calda in passato. Poiché le serie temporali valutate risalgono solo all’anno 1000, i ricercatori non hanno rilasciato dichiarazioni sul periodo precedente. L’ultima volta che gli scienziati hanno esaminato i campioni di carote di ghiaccio della Groenlandia è stato fino al 1995. “Non abbiamo visto alcun riscaldamento in quel periodo, a differenza dell’aumento della temperatura globale”, ha detto Horhold.

Crateri sulla calotta glaciale “sorprendentemente chiari”

Nel 2012 è stata eseguita nuovamente la perforazione sulla calotta glaciale. I campioni hanno mostrato una temperatura “sorprendentemente alta”. I risultati delle indagini sul ghiaccio di base condotte nel 2019 sono ancora in attesa.

Il riscaldamento della calotta glaciale influisce anche sul deflusso dell’acqua di fusione nell’oceano e quindi sull’innalzamento del livello del mare. Dalle osservazioni satellitari del cambiamento della massa di ghiaccio, che non facevano parte dello studio, si può vedere che dal 2003 al 2016 il deflusso annuo delle acque di disgelo è stato il doppio rispetto al periodo 1961-1990. “La Groenlandia attualmente contribuisce maggiormente al mare”, il ha detto il ricercatore Horhold per CNN News.

READ  Fisica: la trappola perfetta non lascia fuoriuscire la luce

“Se continuiamo a emettere carbonio come abbiamo fatto, la Groenlandia contribuirà all’innalzamento del livello del mare fino a 50 cm entro il 2100, colpendo milioni di persone che vivono nelle zone costiere”, ha avvertito Horhold.

potenziale punto di svolta

La calotta glaciale della Groenlandia è la seconda più grande massa glaciale interna contigua dopo la calotta glaciale antartica e raggiunge un’altezza di oltre tre chilometri. Il glaciologo Horhold ha affermato che le normali fluttuazioni di temperatura ad alta quota da mezzo grado a un grado sono normali. La probabilità che le temperature misurate dal 2001 al 2011 possano essere spiegate dalla variabilità naturale è prossima allo zero. “Lo avremmo temuto alla luce del riscaldamento globale, ma la chiarezza e la brevità non sono previste”, afferma il ricercatore. Detto questo, il riscaldamento globale ha senza dubbio raggiunto l’altopiano della Groenlandia.

Con il suo enorme volume di tre milioni di chilometri cubi, la calotta glaciale della Groenlandia è considerata un potenziale punto di svolta nel sistema terrestre se si scioglie a causa del riscaldamento globale. Per saperne di più qui.