Febbraio 6, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Stati Uniti e Italia inaspriscono le regole di ingresso mentre i casi di coronavirus aumentano in Cina

All’estero Paura della mutazione

Stati Uniti e Italia inaspriscono le regole di ingresso mentre i casi di coronavirus aumentano in Cina

Enorme ondata di infezioni: la Cina smette ufficialmente di pubblicare i numeri della corona

I dati giornalieri sul coronavirus non vengono più riportati in Cina, nonostante l’esplosione del numero di infezioni: si temono circa 250 milioni di infezioni dall’inizio del mese. Il nostro corrispondente per la Cina Matthias Kamp riferisce da Shanghai.

Puoi ascoltare i nostri podcast WELT qui

Il tuo consenso revocabile alla trasmissione e al trattamento dei dati personali è necessario poiché i fornitori di terze parti di contenuti incorporati richiedono questo consenso per visualizzare il contenuto incorporato. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore su “on”, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni al riguardo qui. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch in fondo alla pagina e tramite Privacy.

Il coronavirus si sta diffondendo rapidamente in Cina da settimane e altri paesi sono preoccupati. Dopo che l’Italia ha ordinato controlli obbligatori per i cinesi all’arrivo nel Paese, gli Stati Uniti stanno ora seguendo l’esempio. La Commissione europea intende discutere le possibili misure giovedì.

UNIn vista della grave ondata di coronavirus in Cina, molti paesi hanno inasprito i requisiti di ingresso per i cittadini cinesi. A partire da gennaio, gli Stati Uniti richiederanno ai viaggiatori della Repubblica popolare di sottoporsi a un test negativo per il coronavirus, ha annunciato mercoledì il CDC. L’Italia è il primo Paese europeo a disporre controlli obbligatori sui cinesi all’arrivo. Giovedì la Commissione europea discuterà un approccio integrato.

Lo era notizia La metà dei passeggeri su due voli dalla Cina a Milano è stata infettata dal virus corona. Negli Stati Uniti, il nuovo regolamento entrerà in vigore il 5 gennaio. Da allora, “i passeggeri aerei di età pari o superiore a due anni e in arrivo dalla Cina devono sottoporsi a un test due giorni prima della partenza da Cina, Hong Kong e Macao e fornire alle compagnie aeree un risultato negativo del test al momento della partenza”, ha affermato il CDC.

Secondo il Dipartimento della Salute di Washington, le compagnie aeree sono tenute a fornire test al momento della partenza. I test PCR o antigenici sono accettabili, prova del recupero dopo un test positivo dieci giorni prima del volo. Gli Stati Uniti sono particolarmente preoccupati che la rapida diffusione del virus in Cina possa portare alla comparsa di nuove varianti.

Continuare a leggere

Stati Uniti, Italia, Giappone, India e Malesia hanno già inasprito le norme sull’ingresso dalla Cina. Mercoledì il ministro della Salute italiano Orazio Schillaci ha ordinato “tamponi obbligatori per l’antigene Covid-19 e sequenziamento del virus associato per tutti i passeggeri in arrivo dalla Cina e che viaggiano attraverso l’Italia”. La mossa è “necessaria per garantire il tracciamento e l’identificazione di tutte le varianti del virus a tutela della popolazione italiana”. Anche la Francia sta valutando la possibilità di imporre nuove misure.

Giovedì la Commissione europea vuole discutere “possibili misure per un approccio integrato” da parte dei paesi dell’UE. Un portavoce della commissione ha detto all’agenzia di stampa AFP che è stato convocato un incontro con i rappresentanti dei ministeri della salute dei 27 Stati membri.

Gli ospedali sono stracolmi in molti luoghi

All’inizio di dicembre, Pechino si è ritirata dalla sua rigorosa politica zero-covid con un serio voltafaccia. Il coronavirus si sta diffondendo rapidamente in Cina da settimane e il paese sta registrando il maggior numero di infezioni al mondo. Si stima che circa un milione di persone in Cina potrebbero morire nei prossimi mesi a causa del virus corona. Gli ospedali sono già sovraffollati in molti luoghi.

I numeri ufficiali esatti della corona non sono più disponibili in Cina. Secondo i funzionari, ora è impossibile stimare il numero di casi di corona dopo che il servizio di test è terminato. Quindi la Cina ha smesso di pubblicare i dati giornalieri sul coronavirus domenica.

Continuare a leggere

Malati di Corona in Cina, editor di WELT Gregor Swing

Mercoledì, il Centro cinese per la prevenzione e il controllo delle malattie ha segnalato 5.231 nuove infezioni e tre decessi, ma il numero di casi non segnalati potrebbe essere molto più alto.

Lunedì, Pechino ha annunciato che avrebbe posto fine all’obbligo di quarantena del coronavirus per coloro che tornano dall’estero, provocando un’ondata di cinesi che cercano di recarsi nei siti di prenotazione.

READ  Il Cubo: Cosa fare quando il treno colpisce - L'Italia come modello per l'UE?