Dicembre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Stagflazione in vista: Nouriel Roubini avverte della massiccia crisi del debito e consiglia gli investitori su questi asset | newsletter

• Nouriel Roubini vede una combinazione di crisi del debito e inflazione
• La recessione sfida gli investitori
• portafoglio tradizionale con problemi

“La prossima crisi non sarà come le precedenti”, ha scritto Nouriel Roubini, professore alla Stern School of Business della New York University, in un saggio sul tempo, tratto da “Great Threats: Ten Dangerous Trends Hindering Our Future” e How to Sopravvivi loro. È stato adattato.

Le crisi del debito peggiorano la situazione

L’esperto di mercato fa riferimento in particolare alla situazione degli anni ’70, quando c’era stagflazione ma nessuna crisi del debito massiccia a causa dei bassi livelli di indebitamento. Nel 2008 si è finalmente verificata una crisi del debito, ma con una bassa inflazione o addirittura deflazione È stata accompagnata dalla stretta creditizia che ha provocato uno shock negativo della domanda. Tuttavia, la situazione attuale combina: stagflazione, cioè stagnazione economica e alta inflazione con alti livelli di indebitamento. Ciò significa, ha affermato, che “ci stiamo dirigendo verso un misto di stagflazione in stile anni ’70 e crisi del debito in stile 2008, ovvero una crisi del debito stagflazionata”.

“La quota del debito pubblico e privato sul PIL mondiale è ora molto più alta che in passato, passando dal 200% nel 1999 al 350% di oggi. politica monetaria Tassi di interesse più elevati stanno anche costringendo famiglie, aziende, istituzioni finanziarie e governi al fallimento e all’insolvenza”.

Atterraggio difficile in futuro?

L’esperto è anche sicuro che i regolatori monetari non possano raggiungere il loro obiettivo di inflazione senza innescare un cosiddetto hard landing. Ritiene che questo sia “molto più probabile di un atterraggio morbido” per gli Stati Uniti e le economie più avanzate. Quindi una recessione sarà inevitabile, anche se sorge la domanda se gli Stati Uniti possano effettivamente essere in recessione.

READ  'Meta sarà più piccolo nel 2023': Zuckerberg prepara il personale alle misure di austerità

In questo contesto, è importante anche chiedersi se la recessione sarà lieve e breve, o grave e caratterizzata da profonde difficoltà finanziarie. A suo avviso, quest’ultimo è più probabile e prevede fermamente una recessione prolungata con aumento dell’inflazione. “Non sarà una recessione breve e superficiale, sarà una recessione profonda, lunga e brutta”, ha avvertito di recente l’esperto in un’intervista a Bloomberg.

Nel suo articolo su Time, ha anche approvato questa argomentazione, dicendo: “Il prossimo decennio potrebbe essere una crisi del debito con stagflazione come non abbiamo mai visto prima”.

Portafoglio investitore tradizionale con problemi

Roubini ritiene che questa non sia una buona notizia per gli investitori, in particolare quelli con un portafoglio di investimento tradizionale composto per il 60% da azioni e per il 40% da obbligazioni.

“È possibile che entrambi i componenti di un portafoglio di investimento tradizionale – obbligazioni a lungo termine e azioni statunitensi e globali – subiscano e subiscano perdite potenzialmente enormi. Nei portafogli obbligazionari si verificano perdite poiché l’inflazione più elevata aumenta i rendimenti obbligazionari e abbassa i prezzi delle obbligazioni. Fa anche male azioni, poiché i tassi di interesse più elevati influiscono sulla valutazione delle azioni di una società”, riassume la situazione del mercato nel suo articolo.

Indica anche un aumento significativo rapporto di prezzo delle azioni Nelle società S&P 500, ciò aumenta il rischio di un mercato ribassista severo e prolungato.

Quindi gli investitori devono trovare asset che li proteggano dall’inflazione, dai rischi politici e geopolitici e dai danni ambientali. In particolare, Roubini cita in questo contesto i titoli di Stato a breve termine e le obbligazioni indicizzate all’inflazione. Inoltre, l’esperto fornisce consulenza su oro e altri metalli preziosi, nonché su proprietà resistenti ai danni ambientali.

READ  Ecco perché il manager più pagato del mondo sta costruendo la propria fabbrica di chip a Magdeburgo

redazione finanzen.net

Crediti immagine: Vivien Killilea/Getty Images per Berggruen Inst., Immersion Imagery/Shutterstock.com