Febbraio 4, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Soccorso in mare nel Mediterraneo: “Il governo italiano ha cambiato tattica”

Il governo italiano non si rifiuta più di collegare le navi di soccorso con i rifugiati. Per fare questo costringe le navi con le persone soccorse a recarsi nei porti del nord del Paese, lontano da dove sono attraccate. “L’obiettivo alla base di questo è forzare la fine di una missione e quindi ridurre il tempo delle navi nell’area della missione”, afferma Gordon Isler. occhio di mare. La nave del club, “Sea-I 4”, si sta attualmente preparando per una nuova missione in Spagna.

ntv.de: Alla fine di dicembre, il governo italiano ha permesso alla “Ocean Viking” di attraccare a Ravenna, nel nord Italia. A bordo c’erano 113 rifugiati soccorsi. È una buona notizia per i soccorritori marittimi nel Mediterraneo?

Gordon Isler: Questo è un nuovo trucco del governo italiano. Le autorità italiane non aspettano più che una nave di soccorso li contatti e chieda il coordinamento, ma si avvicinano alle navi non appena si accorgono che una nave di soccorso ha raccolto dei rifugiati. La stessa cosa è successa a noi ea dicembre “Sea-I 4” è stato inviato a Livorno.

Gordon Isler è il presidente dell’associazione See-I eV

(Foto: Fabian Haynes)

Livorno è all’altezza di Firenze, e quindi molto più a nord.

Sì, sorprendentemente, questi porti non sono i “luoghi sicuri” più vicini nel senso del diritto internazionale del mare, ma si trovano nel nord Italia, soprattutto per le navi di soccorso civile, dove possono attraccare le navi della Guardia Costiera italiana. Più a sud. Di conseguenza, gli arrivi e le partenze richiedono più tempo.

Intendi lo scopo?

Il governo italiano vuole emettere un decreto che imponga alle navi di soccorso di tornare in un porto designato immediatamente dopo il salvataggio senza assistere altre imbarcazioni in difficoltà. Quindi non possiamo parlare di una svista qui: lo scopo dietro a questo è forzare la fine di un compito, riducendo così il tempo delle navi nell’area del compito. Nonostante negli ultimi tre anni il Centro italiano di coordinamento dei soccorsi non sia sempre stato responsabile del coordinamento delle emergenze marittime nella zona di ricerca e soccorso libica. Ora all’improvviso sta facendo l’esatto contrario, prendendo il coordinamento prima che la contattiamo e le chiediamo di farlo. Potrebbe essere difficile da immaginare in questo paese, ma gli attori statali in Italia e Malta si sono comportati in modo imprevedibile nel corso degli anni.

READ  Disputa nel campo degli ortaggi - L'agricoltore uccide il fratello e la sua famiglia

Il primo ministro Maloney è del parere legale che i rifugiati dovrebbero essere imbarcati su una nave di una ONG battente bandiera tedesca. Cosa significa per il tuo lavoro?

Così disse Matteo Salvini quando era ministro dell’Interno italiano. Non esiste una base legale per questo. Nemmeno in Italia. Quindi questa è puramente una storia politica, populista di destra. Una nave è soggetta al diritto internazionale e alla giurisdizione del suo stato di bandiera, ma salire a bordo di una nave battente bandiera tedesca non significa trovarsi sul suolo tedesco. Secondo le linee guida dell’autorità competente delle Nazioni Unite, qualsiasi cosa oltre a prendersi cura dei soccorsi dovrebbe essere evitata. Non si può chiedere asilo su una nave, per esempio, e l’equipaggio non dovrebbe nemmeno essere autorizzato a determinare l’identità dei soccorsi. Questo è l’unico compito di uno Stato dell’UE e non dell’equipaggio della nave.

Governo centrale Lui dice, “è nostro dovere morale e legale non far annegare le persone a rischio”, e si sono offerti di accogliere 3.500 richiedenti asilo giunti attraverso il Mediterraneo. È abbastanza?

No, ma almeno c’è un miglioramento rispetto a Grand Alliance. Il vecchio governo federale ha sempre detto che il ripristino dei mari era importante, ma non ha fatto nulla di concreto. Con il ministro federale dell’Interno Nancy Faeser, la Germania ha partecipato al meccanismo di scalata europea, anche se contava solo 10.000 persone – ed era anche chiaro che Roma non poteva accontentarsi di molti altri che arrivassero in Italia. Dovrebbe esserci più movimento.

È anche degno di nota il fatto che il Bundestag abbia deciso a novembre di sostenere il salvataggio in mare con 2 milioni di euro all’anno. Questo non è stato solo finanziariamente importante per il sistema di salvataggio in mare, ma anche un importante segnale politico.

READ  Questo vale per Austria, Italia e Svizzera - SWR Aktuell

Il tuo finanziamento è sicuro?

Tutt’altro, facciamo ancora affidamento sulle donazioni. Le tre più grandi organizzazioni di soccorso marittimo in Germania, Sea-Eye, Sea-Watch e SOS Humanity, mantengono anche quattro grandi navi, ciascuna con un fabbisogno finanziario di oltre 12 milioni di euro all’anno. Quindi 2 milioni non sono abbastanza, ma è un inizio. La cosa più importante è un approccio deciso e politico. Perché le parole gentili da sole non salvano una vita umana.

Vi siete lamentati del fatto che le donazioni sono diminuite alla fine dell’anno.

All’inizio di dicembre 2022, abbiamo ricevuto il 23% in meno di donazioni rispetto all’anno precedente e nessun miglioramento. Anche questo l’abbiamo reso pubblico alla fine di dicembre. Perché era già in gioco il primo compito del nuovo anno. Ma da allora la solidarietà delle persone e delle nostre organizzazioni partner è stata così grande che ora possiamo effettivamente portare a termine questa prima missione pianificata. “Sea-I 4” è attualmente a Port Buriana, in Spagna. Abbiamo iniziato l’ultima missione da lì poiché il supporto locale per i sistemi di salvataggio in mare in questo porto è molto buono. È importante che le persone siano consapevoli e ricordino che il recupero degli oceani non avviene per caso. Le organizzazioni di soccorso marittimo fanno ancora affidamento sul sostegno pubblico.

Quante vite ha salvato la tua Sea-Eye Association nell’ultimo anno?

Nel 2022 c’erano più di 900 persone. Tuttavia, a causa della nostra mancanza di donazioni, siamo stati in grado di implementare solo sei delle sette missioni pianificate.

Quanti rifugiati e migranti sono annegati nel Mediterraneo nel 2022?

Secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (IOM), lo scorso anno circa 2.000 persone sono annegate nel Mediterraneo. Ma questi sono solo numeri confermati. Il numero di casi non registrati è molto elevato.

Quante navi di soccorso stanno attualmente solcando il Mediterraneo?

Sei grandi navi sono attualmente in funzione, inclusa la “Sea-I 4”. Un’altra nave è agli arresti in Italia e la “Sea-Watch 5” dovrebbe essere operativa in primavera. Ci sono anche cinque piccole navi e due aerei di ricerca. Tutti questi sono supportati dalle organizzazioni di soccorso in mare di vari paesi europei.

READ  I voli dall'Italia e dalla Germania aprono la rotta per l'Olanda

Il governo italiano afferma che la presenza dei soccorritori in mare nel Mediterraneo incoraggerà più persone a rischiare la vita per attraversare.

Un “fattore di attrazione” per salvare vite umane, questo argomento viene dal soccorso marittimo civile nel Mediterraneo. Non ci sono prove scientifiche per questo, al contrario, è stato confutato molte volte. Scienziato Matteo Villa L’Istituto italiano per gli studi di politica internazionale ha costantemente dimostrato che non esiste alcuna correlazione tra il numero di persone in fuga dalle coste libiche e il numero di navi di soccorso nel Mediterraneo. Il numero di partenze e arrivi è imprevedibile, in tal caso segue il tempo, anche se anche quando il tempo è brutto, c’è chi apparentemente crede di avere maggiori possibilità perché ci sono meno barche della Guardia Costiera sulla strada. La ripetizione del “fattore di attrazione” di questa storia è spregevole e irresponsabile.

L’anno scorso sono venute in Italia 100.000 persone. Nel 2021 erano solo circa 63.000. Quale pensi sia il motivo dell’aumento?

Nonostante le politiche di contenimento e isolamento sempre più brutali dell’Europa, con l’innalzamento delle recinzioni e l’invio di più guardie di frontiera alle frontiere esterne, i numeri sono aumentati rispetto al 2021 su tutte le vie di fuga, attraverso i Balcani occidentali e il Mediterraneo orientale, oltre alla rotta centrale. e attraverso il Mediterraneo occidentale fino alla Spagna. Ecco perché i politici europei si sono gradualmente resi conto che la strategia di isolamento e contenimento non funzionava. Questa sfida deve essere affrontata in modo umano. Il modo in cui trattiamo le persone che devono lasciare l’Ucraina dimostra che ciò è politicamente possibile. Se vuoi distinguere tra cercatori di sicurezza qui, devi spiegarlo.

Hubertus Vollmer ha parlato con Gordon Isler