Dicembre 6, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Siccità in Italia: Quando brillano i banchi di ghiaia nel Delta del Bo


Rivista Europa

Stato: 15/05/2022 03:52

Non piove molto nel nord Italia da novembre. A volte, il fiume Bo trasportava meno acqua di prima. Quindi le aree coltivate vengono abbandonate e queste aree combattono per l’acqua.

Di Rüdiger Kronthaler, ARD Studio ROM

Il delta del Bo è in realtà una delle zone più ricche d’acqua e fertili d’Europa ed è noto per la sua coltivazione di risaie. Ma con pochissime piogge lo scorso inverno, gli argini di ghiaia ora caratterizzano l’immagine del fiume. Molte delle risaie collegate all’ingegnoso sistema di canali sono asciutte.

Rudiger Kronthaler
Studio ARD Roma

L’Italia è il più grande produttore di riso in Europa. Il problema non è solo la mancanza di acqua dall’alto, ma anche il lento innalzamento del livello del mare: se c’è poca acqua nel bo, l’acqua del mare entra nel delta e l’acqua del fiume diventa salata.

Tutti i contadini del delta ora hanno uno strumento nel bagagliaio per misurare la quantità di sale nell’acqua. Se supera un certo limite, gli agricoltori chiuderanno la fornitura. Hanno dovuto rinunciare perché molti ettari di campi lungo la costa erano troppo salati.

Strappato dal mare

Nel Delta del Bo, gli effetti climatici della siccità e dell’innalzamento del livello del mare sono particolarmente forti perché qui il paese si trova a quattro metri sotto il livello del mare. Nel XVII secolo i veneziani conquistarono la palude dal mare e iniziarono a crearla. La terra è stata sommersa per molti anni. Grandi dighe proteggono i campi e le stazioni di pompaggio garantiscono il drenaggio.

READ  Pane Canada Semifinali Italia, Australia tennisnet.com

Oggi il paesaggio appare quasi sterile e tecnico. Ora che il mare è tornato, salvare i campi sarà la più grande sfida tecnologica.

Servono più ostacoli

Sollevare le dighe di acqua salata esistenti nel fiume. Secondo l’Associazione Italiana Utenti Acqua ANBI, il Paese necessita in totale di 10.000 falde acquifere d’acqua dolce. Calcolato.

Secondo le previsioni, la quantità di precipitazioni in Italia non cambierà, ma aumenteranno gli eventi meteorologici avversi: in futuro la pioggia cadrà in breve tempo e in un’area ristretta.

Ciò ha causato problemi nell’uso dell’acqua piovana. Secondo ANBI, l’Italia raccoglie attualmente solo il dieci per cento dell’acqua piovana.

Le barriere e i nuovi bacini d’acqua dolce dovranno essere pagati dal fondo per la ripresa dell’UE. A breve termine, questo non aiuterà i coltivatori di riso.

Le regioni si scontrano

La gente del posto sta ora discutendo sull’acqua e sull’urgenza della loro situazione in questo momento. L’area veneta, dove si trovano vaste aree del delta del Bo, ha chiesto alla provincia autonoma dell’Alto Adige di rilasciare più acqua dal suo bacino alpino, consentendo a più acqua di raggiungere le risaie del delta attraverso il fiume Adyge.

Ma l’Alto Adige è riluttante. Perché l’inverno scorso ci sono stati due terzi di precipitazioni in più del solito.

I bacini idrici sono vuoti, dallo scioglimento del ghiaccio ci si aspetta poca acqua e molti ghiacciai – un tempo serbatoi d’acqua – ora sono ghiaioni.

Perché la diga è attraente

Allo stesso tempo, la piccola diga d’acqua nelle Alpi è una redditizia fonte di energia. L’elettricità dall’energia idroelettrica viene prodotta su richiesta e porta più denaro a seconda della situazione del mercato.

READ  Alto Adige: Il Mondo delle Meraviglie - Uomini *

A Venito si ritiene che gli altoatesini vendano attualmente meno acqua di quella che possono per motivi economici. La Costituzione italiana afferma chiaramente che gli interessi agricoli hanno la precedenza sugli interessi economici.

In Alto Adige l’accusa è stata respinta: Andreas Portonetti di Alberia Greenpower stima che tutti i serbatoi dell’Alto Adige saranno completamente svuotati entro 20 giorni se l’Alto Adige continuerà a fornire la quantità di acqua richiesta da Venezia.

Nel nord Italia si parla già di “guerra dell’acqua”. C’è anche la speranza che arrivi altra pioggia.

Potete vedere questo e altri reportage su Europamazine alle 12:45 di domenica.