Febbraio 1, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Scandalo dopo il gol ai Mondiali contro l’Italia! Il club di Serie A ha espulso il proprio giocatore

Jung-hwan Ahn guida l’Italia dai Mondiali del 2002. Ciò ha sigillato la sua uscita dal suo capo italiano.

C’è una linea sottile tra un eroe popolare e il nemico pubblico numero uno. Poche persone nel mondo del calcio lo sanno meglio di Jung-hwan Ahn. Il suo famoso gol contro l’Italia negli ottavi di finale ai Mondiali del 2002 gli è valso un ingresso nei libri di storia del suo paese d’origine – ed è stato retrocesso nel suo paese d’adozione. Un atto che ha assunto le proporzioni di un vero e proprio scandalo.

Le origini dell’incredibile storia degli antenati è iniziata il 18 giugno 2002. La Corea del Sud, paese ospitante della Coppa del Mondo, incontra i campioni in carica dell’Italia negli ottavi di finale al Daejeon World Cup Stadium. In un gioco Dovrebbe ancora una volta passare alla storia separatamente a causa dell’incredibile prestazione arbitrale, il perdente assoluto ha battuto gli azzurri troppo tardi grazie alle superstar Francesco Totti e Alessandro Del Piero. Ahn, all’epoca attaccante di 25 anni, segnò il match-winner al 117′ quando spinse un pallone alle spalle di Gianluigi Buffon poco prima dei calci di rigore. A quel punto il golden goal c’era ancora, la Corea del Sud era ai quarti di finale e l’Italia ribolliva di rabbia.

Mondiali 2002: Perugia annuncia l’esonero di Jung-hwan Ahn

Un certo Luciano Gauci all’epoca fumava particolarmente. Era il presidente dell’AC Perugia e quindi il capo di Ahn. Il sudcoreano si è trasferito nel club di Serie A nel 2000, che all’epoca era popolare in Asia a causa del precedente impegno di Hidetoshi Nakata.

READ  Allerta vulcano in Italia: Dream Island espulsa da gas velenosi

Bene, quella fama finì il 19 giugno 2002. Koussi ha presto annunciato che Ahn sarebbe stato espulso per aver segnato contro gli azzurri. Ha citato “ragioni patriottiche” per la reazione istintiva, dicendo che il suo attaccante “ha giocato come un fenomeno quando è arrivato in Italia”. In una guerra senza precedenti Gazzetta dello Sport Gossi ha proseguito: “Quest’uomo non metterà mai più piede a Perugia. Non voglio pagare chi ha rovinato il calcio italiano”.

Cartuccia/Col

Presumibilmente, il populismo di Gousy ha avuto un ruolo nel fatto che Ann non aveva effettivamente sradicato gli alberi nei due anni precedenti e si diceva che fosse comunque in vendita.

Ahn non ha reagito molto alla decisione di Koussi quando ha segnato ai calci di rigore pochi giorni dopo in un quarto di finale di Coppa del Mondo vittorioso contro la Spagna.

Ann: Hiddink era furioso per Perugia

La federazione continentale asiatica ha chiesto il boicottaggio dell’AFC Perugia. Il segretario generale Peter Velappan ha dichiarato: “Ho consigliato a tutte le parti interessate, in particolare Cina, Corea del Sud e Giappone, di non fare affari con Perugia”. Tutto ciò che interessa a questo club è il profitto derivante dal marketing dei nostri giocatori. Nessun interesse per il loro sviluppo”.

Guus Hiddink, all’epoca allenatore della nazionale della Corea del Sud, era molto seccato. “Ah, stai giocando ora, ma devo dirgli che non puoi segnare? La decisione del Perugia è infantile e troppo ridicola anche solo per parlarne”, ha detto l’olandese. “Quando i giocatori internazionali sono sotto pressione nelle partite contro le nazioni ospitanti, è l’inizio della fine del gioco”.

READ  Corona virus in Italia: azienda: i vaccini prevengono 150mila morti - conoscenza

Ahn Jung-Hwan Corea del Sud Coppa del Mondo 2002 GFXCartuccia/Col

Ahn ha poi affermato che la decisione ei commenti di Cauci hanno alimentato un clima di odio contro di lui in Italia. La sua auto è stata vandalizzata e i media locali hanno riferito che l’aggressore aveva ricevuto minacce di morte dalla mafia. “Sentivo che un obiettivo aveva posto fine a tutta la mia vita”, ha detto Ann in un’intervista Jungkook.

Ann è stata trasferita da Perugia in Giappone

Perugia ha finalmente accettato dopo poche settimane e non ha voluto sapere del licenziamento di Anne. Tuttavia, ha ribaltato la situazione e ha annunciato che non voleva più giocare per Gryphoni.

Il trasferimento desiderato di Ahn al Blackburn Rovers in Premier League ha portato a una battaglia legale. Invece, è andato a Shimizu S-Pulse in Giappone, uno sponsor che ha finanziato l’affare e ha inviato i 3,8 milioni di dollari di risarcimento richiesti da Perugia. “Credo che il prezzo del rispetto e dell’amore che ho ricevuto sia stato di 3,8 milioni”, ha detto Ahn.

Tuttavia, ha detto Fifa+: “Guardando indietro, avrei scambiato tutta la mia vita per quell’obiettivo.”