Maggio 23, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Relax!”: Mercedes guida autonomamente in autostrada

“sdraiarsi!”
Mercedes guida autonomamente in autostrada

La guida autonoma è stata pubblicizzata per un po’ di tempo. Per la prima volta è possibile ordinare un sistema per l’auto elettrica e classica Mercedes Classe S che consente esattamente questo secondo il livello 3. Ma attualmente funziona solo sulle autostrade tedesche e solo in pieno giorno.

E un pezzo di futuro da ricominciare, per Mercedes si tratta di una nuova pietra miliare nella storia dell’azienda tradizionale. Per la prima volta, e attualmente solo in Germania, una casa automobilistica ha ricevuto la benedizione dello Stato di installare un sistema in un’auto di serie che avrebbe consentito al conducente di affidare alla tecnologia la responsabilità del traffico quotidiano. Fino ad ora, le persone erano supportate da vari sistemi di assistenza in molte auto moderne, ma potevano lasciare il volante solo per pochi secondi. Ora gli aiutanti si stanno trasformando in macchine che possono prendere il sopravvento con la semplice pressione di un pulsante. L’argomento principale è la frustrazione quotidiana negli ingorghi autostradali.

Mercedes vuole tornare indietro nel tempo per i suoi ricchi clienti quando guida al livello 3.

(Foto: Mercedes)

“Vogliamo restituire ai nostri clienti parte del loro tempo prezioso”, spiega George Massing, vicepresidente responsabile della guida automatizzata nel team di gestione Mercedes. Drive Pilot si occupa delle attività del conducente in autostrada, come sterzare, frenare, rimanere in corsia o accelerare. Con tutto questo, non deve nemmeno essere particolarmente vigile. Perché finché un sistema complesso è sotto controllo, le persone possono rilassarsi e dedicarsi ad altri compiti. “La questione della responsabilità è la questione principale”, afferma Massing. “Ora siamo certi che noi, e soprattutto i nostri clienti, siamo al sicuro”.

“Ora guido!”

Primo incontro con il capitano invisibile part-time sulla sempre affollata tangenziale di Berlino, la coda di tutte le auto regolari avanza piuttosto lentamente sull’asfalto. Quando è integrato nel traffico in esecuzione, il sistema rimane nel ruolo di copilota. Più di 30 sensori, diverse telecamere, occhi radar, ultrasuoni o lidar, una combinazione di laser e radar, monitorano ciò che sta accadendo intorno alla Classe S nera e inviano dati al computer di bordo. Nello strumento centrale dietro al volante, appare uno stormo di rettangoli che si muove intorno all’icona dell’auto, come in un videogioco. Queste sono tutte auto su Mercedes. Benvenuti nel trambusto di un’autostrada tedesca vicino alla città.

22C0157_025.JPG

I sistemi radar per la guida autonoma sono sofisticati.

(Foto: Mercedes)

Quindi l’albero aumenta di velocità, disintegrandosi leggermente. Sul quadro strumenti compare la lettera “A”, che invita il guidatore a premere uno dei due pulsanti posti alla portata del pollice sul volante. Un semaforo verde indica subito la svolta, come se l’auto volesse dire: “Ora guido, sono seduto”. Naturalmente, all’inizio c’è una sorta di disagio. Bloccato tra un camioncino a sinistra e un grande camion nella corsia di destra dirigendosi dolcemente a sinistra. Gli scorpioni si avvicinano involontariamente al bordo del volante dal luogo di riposo nella zona inguinale. Ma la tensione non lascia il posto al rilassamento più velocemente del previsto. Ma il primato con cui l’auto di lusso si muove nel trambusto è rassicurante.

L’ingorgo è il punto caldo

Per godere della nuova libertà dell’irresponsabilità, le quotazioni di borsa o le ultime notizie possono ora essere lette sul grande schermo centrale con l’aiuto di un browser e i telefoni cellulari possono essere utilizzati senza un sistema vivavoce. Con le elevate prestazioni del computer e una buona connettività online, sarà anche possibile trasmettere in streaming le tue serie preferite, ma puoi anche guardare la S-Bahn facilmente saltare il traffico a destra dell’autostrada. Anche la distanza dal veicolo davanti a te aumenta. Perché altri sono solo più veloci e non hanno una velocità massima programmata. L’automatico Mercedes rimane a Tempo 60, quindi è legale e un prerequisito per l’approvazione Drive Pilot.

22C0157_054.JPG

Nei test, la Mercedes a guida autonoma ha trascorso 200.000 ore negli ingorghi per apprendere le sue abilità.

(Foto: Mercedes)

“La congestione del traffico è il nostro punto caldo”, spiega l’ingegnere Taner Kandemir, “Durante il nostro test drive abbiamo trascorso 200.000 ore in ingorghi”. Può convivere con l’attuale limite di 60 km/h perché copre l’area di guida del lungo convoglio con continui stop-and-go, che spesso stressano i clienti nella vita quotidiana e richiedono la loro costante vigilanza. Ma il freno di velocità non è l’unico limite che i futuri clienti dovranno accettare e pagare un supplemento di € 5950 per la Classe S o € 8.840 per il nobile Stromer EQS. Drive Pilot opera solo in autostrada e non può cambiare corsia, ad esempio in caso di sorpasso. La guida difensiva fa parte del programma.

Non di notte e nebbia

Anche di notte, nelle gallerie, sotto la pioggia o la neve o nei cantieri, il sistema si rifiuta di funzionare perché gli occhi della telecamera richiedono sempre una buona visuale. Ma può anche essere un modello per altri partecipanti al traffico. In caso di pericolo di stallo, questa Classe S è il leader della corsia di salvataggio. Se i sensori, che monitorano anche il conducente, riconoscono le sue condizioni mediche o peggio, il veicolo viene accuratamente fermato nella sua corsia e viene automaticamente chiamato il soccorso. “Il traffico nella parte posteriore è stato avvisato che la nostra auto stava per fermarsi”, afferma Taner Kandemir. Per una visita medica, la fotocamera misura anche la frequenza del battito delle palpebre, che è un indicatore affidabile di salute.

Certo, il valore aggiunto del Drive Pilot è ancora gestibile allo stato attuale, poiché le rigide normative delle autorità e la tecnologia più recente mettono un freno alla potenziale vanità da parte degli ingegneri. Tuttavia, per la prima volta sta entrando in produzione in serie un sistema che rende la responsabilità del conducente un problema, ed è stato studiato e sviluppato per molto tempo da 1.000 specialisti in vari reparti Mercedes. Dopotutto, la casa automobilistica deve essere ritenuta responsabile se la tecnologia causa danni.

A volte sono i piccoli passi con la grande tecnologia che ci fanno andare avanti. La buona notizia: la Germania è finalmente di nuovo leader mondiale,

READ  Index Watcher: Deviazione DAX: Day One di Daimler Truck e Hannover Rck nella quotazione del mercato azionario tedesco - Segmentazione dei titoli | newsletter