Settembre 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Recensione: ASUS ROG Strix SQ7

ASUS entra nel business degli SSD come uno dei principali produttori di componenti. Il nuovo SSD ROG Strix SQ7 promette ai giocatori prestazioni elevate fino a 7 GB/s. Abbiamo fatto il test per te.

Panoramica

Finora, ASUS ha lasciato il segmento dei prodotti di memoria ad altri. Questi tempi sono finiti adessoPerché i taiwanesi hanno introdotto per la prima volta prodotti di archiviazione basati su SSD nel loro portafoglio ROG.

Più tre diversi dischi rigidi portatili, il nuovo Scheda madre ROG Strix SQ7 Da qui il primo SSD M.2 di ASUS. Il nuovo prodotto è chiaramente rivolto a giocatori e appassionati e si basa sui dati sulle prestazioni riportati Fino a 7000 MB/s Dedicato alla classe SSD di fascia alta.

ASUS ha optato per un design minimalista per il ROG Strix SQ7.

SSD ROG Strix SQ7 introdotto al momento del test da solo Con una capacità di archiviazione di 1 TB, che esonera le parti direttamente coinvolte dal dover scegliere una capacità adeguata.

ROG Strix SQ7: Cosa c’è dentro?

Questo è ciò che fanno solitamente i produttori di dispositivi quando debuttano in un nuovo segmento di prodotti nessuna esperienza consentire conosciuto e comprensibile.

Quindi non sorprende che ASUS utilizzi il nuovo SSD Republic of Gamers Componenti SSD collaudati Quindi, ovviamente, non reinventando la ruota.

La fondazione della nuova unità a stato solido Strix SQ7 è rapida Controller Phison PS5018-E18 Con 8 canali, è inoltre dotato di 1 GB di cache DRAM DDR4.

Phison Controller su Strix SQ7
La cache DRAM supporta il controller Phison.

Poiché si tratta ovviamente di un’unità a stato solido basata su TLC, è necessaria un’unità corrispondente Cache SLC Accelerazione di digitazione integrata. In particolare, lo è Strato NAND da 176 micron, noto anche come RG Gen. 2 (cancello sostitutivo generazione 2).

È disponibile anche il resto della nuova attrezzatura SSD Strix un po’ inaspettato: si collega tramite PCIe 4.0 con 4 corsie (x4) se sono richieste prestazioni complete. Internamente viene utilizzato il protocollo NVMe 1.4, il che significa che Strix SQ7 è aggiornato.

solitario radiatore ASUS invece non elabora il suo primo SSD, solo un sottile dissipatore nascosto sotto l’adesivo frontale. Questa potrebbe essere una decisione che deriva dall’esperienza di ASUS come produttore di schede madri, poiché la stragrande maggioranza delle schede madri offre già una soluzione di raffreddamento M.2 completa.

Il dissipatore di calore è stato rimosso dal nuovo SSD ROG
Dissipatore sottile nascosto sotto l’etichetta.

In termini di aspettativa di vita degli SSD, diventano quelli tipici di Micron-NAND 800 terabyte (TBW) specifico.

Una rapida occhiata a ROG Strix SQ7

Ecco di nuovo i fatti principali sul primo SSD di ASUS Compatto breve

ROG Strix SQ7 …

  • … si basa sull’affermato controller Phision E18.
  • … può accedere a una cache DRAM dedicata.
  • … utilizza uno strato TLC-NAND corrente di 176 micron.
  • …richiede una connessione PCIe 4.0 x4 per prestazioni complete.
  • …viene fornito senza il dissipatore di calore come unità M.2 “nuda”.
  • …l’aspettativa di vita di una NAND è di 800 terabyte (TBW).
  • … si basa sul protocollo NVMe 1.4.
READ  Sono trapelate informazioni su Tonnellate di racconti da Borderlands 2

Test delle prestazioni dell’unità a stato solido Asus ROG Strix SQ7 Gen4

Il focus di questo articolo è ovviamente Principalmente prestazioniTale unità viene visualizzata in condizioni diverse. Quindi ne abbiamo una nuova Asus ROG Strix SQ7 Gen4 SSD 1TB Soggetto a vari test. Criteri teorici Ottieni il massimo dalla tua guida mentre Lavori di prova pratica Consente la valutazione delle prestazioni di guida nelle condizioni di tutti i giorni.

Per il confronto sono state utilizzate le seguenti unità:

sistema di prova:

  • Processore: AMD Ryzen 7 3800X 4,5 GHz, Turbo Boost attivo, SMT abilitato
  • Scheda madre: MSI MEG X570 Godlike
  • Liquido di raffreddamento: Arctic Freezer 33 eSports One
  • RAM: 32 GB Corsair Vengeance LPX DDR4 4000 MHz
  • Unità di sistema: Samsung SSD 960 Pro (500 GB)
  • Scheda grafica: XFX 5600XT
  • Sistema operativo: Windows 10 Professional x64
  • Alimentatore: Corsair RM 650W

Abbiamo utilizzato i seguenti strumenti di misurazione:

  • AS SSD benchmark 2
  • Disco di cristallo Mark 7 x64
  • ATTO Disk Benchmark 3.05.0 Aggiornamento

*Con l’altro sistema di prova (Intel Skylake) Testato.

Spiegazione dei grafici: Se sposti il ​​mouse su una barra, vedrai il nome del prodotto e il numero di punti raggiunti. Per illustrare la vista, puoi nascondere i prodotti che non ti interessano cliccando sul nome del prodotto nella legenda sotto il diagramma.

Standard sintetici

Gli standard sintetici spingono le unità al limite delle prestazioni, ma le situazioni offerte spesso non corrispondono alle condizioni quotidiane a cui è esposto un SSD. Il vantaggio delle scale sintetiche è la loro rigorosa ripetibilità. Pertanto i risultati possono essere confrontati bene tra le diverse unità.

AS SSD benchmark

Lo standard AS SSD misura le velocità di scrittura e lettura sequenziale di un’unità a stato solido. Inoltre, i tempi di accesso e le velocità di trasferimento vengono misurati quando si accede a file di piccole dimensioni. L’Integrated Burn Standard simula la masterizzazione di file ISO, software e giochi per computer e misura le velocità di trasferimento. Nella nostra esperienza, i risultati sono molto pratici perché molti cicli sono stati mediati.

Benchmark del disco ATTO

Quando si tratta di determinare la velocità massima di scrittura e lettura per un’unità a stato solido, il benchmark ATTO Disk Benchmark è uno strumento affidabile. Le prestazioni vengono misurate utilizzando diverse dimensioni dei blocchi, che abbiamo fornito in blocchi che vanno da 4 KB a 2 MB. Tuttavia, in pratica, i valori specificati raramente possono essere raggiunti e ai produttori piace usarli come materiale pubblicitario.

Marchio del disco di cristallo

Crystal Disk Mark (CDM) è un altro strumento di benchmarking in grado di analizzare le prestazioni degli SSD. Qui vengono condotti vari test, i cui risultati sono stati mediati da cinque test, simili al benchmark AS SSD. Il CDM è diventato un test standard negli ultimi anni ed è spesso utilizzato dagli stessi produttori di SSD per determinare i valori di prestazione riportati.

standard reali

I veri test sono molto più interessanti per il successivo utilizzo di un disco a stato solido. Come suggerisce il nome, questo tipo di test verifica le prestazioni degli SSD nelle condizioni di tutti i giorni. Per fare ciò, vengono copiati diversi file e vengono determinate le velocità di trasferimento. Ciò include un’immagine ISO da 20 GB e una porzione da 20,3 GB della cartella dei giochi di BattleField 5. Per evitare che le prestazioni dell’SSD in prova siano limitate da un’unità di origine/destinazione molto lenta, tutti i test vengono eseguiti con un disco RAM .

Nel primo test, viene prima scritto un file immagine da 20 GB dal disco RAM all’SSD. Quindi il file viene letto dall’SSD e copiato sul disco RAM. In entrambi i casi, vengono misurati e mediati i tempi delle tre prove. Quindi la procedura viene ripetuta con una cartella di installazione da 20,3 GB contenente diversi file di dimensioni diverse. Alla fine, la stessa cartella verrà copiata tra due percorsi sullo stesso SSD. In questo caso, l’SSD deve leggere e scrivere file contemporaneamente. Infine, le velocità di trasferimento vengono calcolate in MB/sec dalla durata e dalla dimensione del file.

prestazioni nel tempo

Per simulare le prestazioni dell’SSD con un livello di riempimento maggiore, il test drive è quasi completamente riempito con dati casuali (non compressi). Sono rimasti solo 10 GB di spazio di archiviazione libero. I test con il Crystal Disk Mark vengono ripetuti in queste condizioni e i risultati vengono confrontati.

Risultati: Strix SQ7 può convincere?

Uno sguardo ai valori prestazionali misurati rivela che Strix SQ7 nei trasferimenti sequenziali completamente consegnato. In alto abbiamo una lettura Circa 7300 MB/sec È stato misurato, che è superiore al valore dichiarato di 7000 MB / s. Quando si scrive in sequenza, l’unità è anche molto vicina alle specifiche del produttore da 6 GB/s a poco meno di 5.970 MB/s.

SSD Asus ROG Strix nello slot RAM
Spiacenti, slot sbagliato.

Il nuovo SSD ROG convince anche quando si tratta di accesso casuale a blocchi di diverse dimensioni. Quando si leggono blocchi di dimensioni superiori a 128 KB, l’unità si trova Tra i più veloci nel nostro confronto. Se i dati vengono scritti, i valori saranno spenti a circa 5,4 GB/s, che è una posizione in un file Linea mediana Uno degli SSD PCIe 4.0 elencati è sufficiente.

ROG Strix SQ7 1TB si comporta bene nei test giornalieri durante la copia di file in Windows coraggioso Raggiunge buone velocità di trasferimento.

Dopo che la NAND è stata riempita quasi completamente (10 GB di spazio di archiviazione gratuito), l’accesso in lettura – sequenziale e casuale – nessuna distorsione. Ha un aspetto leggermente diverso nella modalità tipo: ecco le velocità di trasferimento sequenziale quasi quarti, che è un calo relativamente forte. Anche le prestazioni di scrittura casuale (4K) diminuiscono Molto meno Fuori. Gli acquirenti devono tenerne conto se intendono utilizzare l’unità al limite di capacità.

A proposito, il riempimento dell’intera memoria ha comportato una velocità di scrittura media di 740 MB/secche è di nuovo abbastanza buono.

Sviluppo del calore SSD ASUS ROG Strix SQ7 sotto carico
Il calore generato dall’azionamento non è critico, anche sotto carico.

quando Evoluzione del calore ROG Strix SQ7 non ha bisogno di critiche a pieno carico. Con un massimo di 76°C nell’area della console Phison, non ci sono sorprese negative qui. Tuttavia, come con tutte le unità senza dispositivi di raffreddamento integrati, se ne consiglia l’uso Soluzione di raffreddamento esterno Dovrebbero essere utilizzati per mantenere le prestazioni continue dell’unità il più a lungo possibile. Naturalmente, il modo più semplice per farlo è utilizzare un dispositivo di raffreddamento M.2 che potrebbe essere disponibile sulla scheda madre.

conclusione

ASUS osa avventurarsi in esso combattuto duramente SSD e vogliono ispirare i giocatori in particolare per il nuovo ROG Strix SQ7.

L’azienda sta già gettando le basi per questo scegliendo Formula contemporanea e collaudata Realizzato con controller NAND Phison e Micron.

Quindi non sorprende che le prestazioni offerte da Strix SQ7 Si è rivelato molto bene Dovrebbe anche rendere felici gli appassionati e i giocatori più richiesti. solo su di loro scrivere il calo delle prestazioni Se lo spazio di archiviazione è pieno, gli acquirenti dovrebbero esserne consapevoli.

ROG Strix SQ7 Buon prezzo Attualmente 180 euro Sicuramente per un modello da 1 TB In una zona (molto) cara. L’unità SSD MSI M480 (1 TB) con dotazione identica è disponibile a partire da circa 141 euro. Attualmente è possibile ottenere un SSD Kingston FURY Renegade (1 TB), anch’esso basato sul chip Phison E18, per circa 120 euro.

Quindi anche il prezzo del ROG Strix SQ7 – che di per sé ha un discreto successo – dovrebbe esserlo Scendi di qualche euro in piùin modo che la nuova alternativa ROG SSD sul mercato sia interessante per la maggior parte degli acquirenti.

per ogni

  • INGREDIENTI DI ALTA QUALITÀ
  • elevate prestazioni di trasmissione
  • sviluppo moderato della temperatura
  • Moderna micron NAND TLC

negativi

  • molto costoso
  • Diminuzione della velocità di scrittura quando la NAND è densamente imballata

I link contrassegnati con * sono link di affiliazione. Acquistando tramite questo link, noi come gestori del sito riceviamo commissioni di vendita senza pagare di più.

Nils uomo della foresta … fa parte di Allround-PC.com da oltre 15 anni e lavora come editore e art director. Nel tempo libero, Nils ama armeggiare, costruire modelli idonei al volo e uscire con il drone.

Scopri altri contributi dell’autore