Dicembre 6, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Realtà aumentata: Qualcomm introduce un nuovo processore per occhiali AR più piccoli

Con Snapdragon AR2 Gen 1, Qualcomm ha introdotto un nuovo processore appositamente per gli occhiali per realtà aumentata. Si basa su un design multi-chip e differisce per un aspetto importante dai precedenti processori Qualcomm per occhiali per realtà aumentata e virtuale. Perché invece di combinare tutti o almeno quanti più componenti possibile su un chip, ora ci sono tre componenti separati spazialmente. Secondo Qualcomm, questo offre vantaggi, soprattutto in termini di design degli occhiali.

Il nuovo design multi-chip dovrebbe fondamentalmente consentire più occhiali AR incorporati a causa dei requisiti di spazio inferiori.

(Immagine: Qualcomm)

Le staffe degli occhiali AR (augmented reality glasses) non devono più fornire spazio per un chip di grandi dimensioni, ma dovrebbero fornire spazio solo per uno più piccolo. Il web può anche essere più stretto, poiché le connessioni dei singoli componenti occupano meno spazio a causa del design multi-chip e delle attività distribuite. Rispetto allo Snapdragon XR2, che fa parte degli occhiali Meta Quest 2 VR, Qualcomm parla di un’area del chip più piccola del 40% e di connessioni via cavo del 45% in meno.

In dettaglio, lo Snapdragon AR2 Gen 1 è composto da tre chipset. Il processore AR è responsabile di tutte le operazioni relative alla percezione e ai display integrati. Di conseguenza, ha i propri core CPU, processore di immagini (Spectra ISP), unità grafica e processore AI (Hexagon). Un processore AR è – almeno secondo il suggerimento progettuale di Qualcomm – nel telaio giusto.

D’altra parte, il coprocessore AR si trova nel ponte degli occhiali sopra il naso. I sensori e le telecamere sono collegati tramite esso. Inoltre, dispone di capacità di visione e calcolo AI per valutare i dati di sensori e telecamere. I suoi core della CPU e l’acceleratore AI sono disponibili anche qui.

Qualcomm distribuisce i singoli componenti dello Snapdragon AR2 Gen 1 alle aste e al ponte degli occhiali per realtà aumentata. Connettersi all’host tramite WLAN.

(Immagine: Qualcomm)

Il terzo chip si trova nella parentesi sinistra ed è responsabile delle comunicazioni con il dispositivo host. Il componente principale è la piattaforma di comunicazione FastConnect 7800 con Wi-Fi 7, utilizzata anche nello Snapdragon 8 Gen 2.

Due dei tre componenti dello Snapdragon AR2 Gen 1: processore AR in alto, processore AR in basso.

Qualcomm non fornisce dettagli sulla CPU e sulla grafica. Quando è stato chiesto, l’azienda ha confermato solo che non si tratta di una “CPU per smartphone”. La bassa potenza di calcolo richiesta e l’obiettivo di meno di 1 watt di consumo energetico contrastano questo.

Host richiesto perché Snapdragon AR2 Gen 1 non ha la capacità di eseguire tutti i calcoli da solo. Secondo Qualcomm, l’host non deve essere uno smartphone e l’azienda ha anche nominato i computer come dispositivi adatti. È fondamentale che il produttore degli occhiali per realtà aumentata offra un’app complementare per la rispettiva piattaforma, come Android, iOS o Windows. Idealmente, l’host può gestire il Wi-Fi 7 grazie alla maggiore larghezza di banda e alla minore latenza, ma lo standard non è necessario. Nella conversazione, Qualcomm ha definito il Wi-Fi 6E sufficiente per uno scambio di dati senza interruzioni, ma il Wi-Fi dovrebbe anche fornire una larghezza di banda sufficiente e una latenza sufficientemente bassa.

Rispetto allo Snapdragon XR2 introdotto in precedenza per gli occhiali per realtà aumentata, Qualcomm parla di una riduzione del 50% del consumo energetico. Allo stesso tempo, si dice che le prestazioni dell’IA siano aumentate fino al 150% in alcuni casi. Ciò vale principalmente per l’elaborazione delle immagini, incluso il riconoscimento degli oggetti e il tracciamento dei movimenti delle mani.

I primi occhiali AR basati sullo Snapdragon AR2 Gen 1 prodotti a 4nm sono già in fase di sviluppo da parte di Lenovo, Oppo, Xiaomi e alcuni altri produttori. Tuttavia, Qualcomm non prevede la disponibilità fino alla seconda metà del 2023. Gli sviluppatori possono adattare il loro software per Snapdragon AR2 Gen 1 tramite l’SDK. Le collaborazioni con Adobe e Niantic, tra gli altri, mirano a semplificare la creazione di contenuti. Adobe si affida a un collegamento al proprio software per eseguire contenuti senza conoscenze di programmazione.


(pbe)

alla pagina iniziale

READ  Google Foto ottiene i filtri "Real Tone".